fbpx
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In Florida è in preparazione il lancio del secondo satellite Immarsat-6 allestito da Airbus

Il secondo satellite per telecomunicazioni geostazionario Inmarsat-6 (I-6 F2) costruito da Airbus è arrivato a bordo di un Airbus Beluga al Kennedy Space Center in Florida pronto per il lancio a febbraio.

Il secondo satellite della generazione Inmarsat-6 è basato sull’ultra affidabile veicolo spaziale Eurostar E3000 di Airbus e sarà il 58esimo Eurostar E3000 costruito da Airbus. Sarà il nono Eurostar in orbita dotato di propulsione elettrica per il sollevamento dell’orbita, rafforzando la posizione di Airbus come leader mondiale nella propulsione elettrica.

François Gaullier, Head of Telecommunications & Navigation Systems di Airbus, ha dichiarato: “I-6 F2, con il suo sofisticato carico utile elaborato digitalmente, si unirà a Inmarsat-6 F1 (I-6 F1) in orbita dando a Inmarsat ancora più flessibilità, capacità e capacità . Questo è il decimo satellite di geo-telecomunicazioni che abbiamo costruito per il nostro cliente di lunga data Inmarsat, un fornitore leader di servizi globali di comunicazione satellitare mobile, e con I-6 F1 i satelliti consentiranno un cambiamento radicale nelle capacità e nella capacità del loro ELERA servizi e fornire una significativa capacità aggiuntiva per la loro rete Global Xpress”.

I-6 F1 e I-6 F2 dispongono ciascuno di un’ampia antenna in banda L con apertura di 9 m e sei antenne in banda Ka multi-raggio, offrendo un elevato livello di flessibilità e connettività. Sono inoltre dotati di processori digitali modulari di nuova generazione per fornire piena flessibilità di instradamento fino a 8000 canali e allocazione dinamica della potenza a oltre 200 fasci spot in banda L, per veicolo spaziale. I fasci spot in banda Ka sono orientabili sull’intero disco terrestre, con un’allocazione flessibile da canale a raggio.

I satelliti consentiranno a Inmarsat di potenziare ulteriormente i suoi leader mondiali ELERA (banda L) e Global Xpress (Ka-band) rispettivamente, per i clienti terrestri, marittimi e aerei. Sono anche il passo successivo nei piani dell’azienda per la prima rete multidimensionale al mondo, Inmarsat ORCHESTRA. La “rete delle reti” si baserà sulle capacità spaziali esistenti di Inmarsat per fornire una crescita trasformativa della capacità e nuove funzionalità per i clienti negli anni ’30 e oltre.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Gli investimenti effettuati da Airbus nelle tecnologie di piattaforma e carico utile utilizzate sull’I-6 sono supportati dall’Agenzia spaziale europea e dalle agenzie nazionali, in particolare l’Agenzia spaziale del Regno Unito e il CNES, il Centro nazionale francese per gli studi spaziali.I-6 F2 ha una massa di lancio di 5,5 tonnellate, una potenza del veicolo spaziale di 21 kW e una vita utile di oltre 15 anni.

Il primo satellite Inmarsat-6 (I-6 F1) costruito da Airbus è stato lanciato con successo nel dicembre 2021. Ha raggiunto la sua posizione di test geostazionario nell’estate del 2022 ed è programmato per entrare in servizio all’inizio del 2023. I-6 F2 seguirà dopo il suo lancio riuscito ed entrata in servizio all’inizio del 2024.

I satelliti per telecomunicazioni geostazionari di Airbus hanno registrato più di 1300 anni di operazioni di successo e sono in servizio o in costruzione per tutti i principali operatori di satelliti geostazionari del mondo.

Fonte e foto Airbus Defence and Space

Articolo precedente

Spacemind lancia in orbita con successo tre nano satelliti italiani

Prossimo articolo

Altri missili Javelin per la Polonia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie