sabato, Novembre 27, 2021

In Israele inizia l’esercitazione Blue Flag 2021

-

Ogni due anni, l’IAF ospita l’esercitazione “Blue Flag”: un’esercitazione internazionale di addestramento che ospita forze aeree di tutto il mondo per rafforzare la cooperazione tra le nazioni.

Quest’anno sarà la più grande e avanzata esercitazione aerea mai tenuta in Israele.

Domenica, dopo mesi di approfonditi preparativi, è iniziata ufficialmente l’esercitazione internazionale “Blue Flag” guidata dall’aeronautica israeliana con la partecipazione di sette forze aeree.

L’esercitazione durerà due settimane e si concluderà giovedì 28 ottobre.  

“Viviamo in una regione molto complicata e le minacce allo Stato di Israele da Gaza, Libano, Siria e Iran stanno solo aumentando. Tenendo un’esercitazione internazionale in questa realtà attuale, pur continuando le nostre attività operative pubbliche e segrete su tutti i fronti, è della massima importanza strategica e ha un ampio impatto sull’aviazione israeliana, sull’IDF e sullo Stato di Israele”, afferma il maggiore generale Amikam Norkin, comandante dell’IAF.

Una esercitazione storica

Germania, Italia, Gran Bretagna, Francia, India, Grecia e Stati Uniti parteciperanno a “Blue Flag 2021”. Questo è il primo dispiegamento di uno squadrone di caccia britannico in Israele dalla fondazione del paese, nonché il primo dispiegamento di uno squadrone di caccia indiano “Mirage” in Israele e il primo dispiegamento di uno squadrone di caccia francese “Rafale” in Israele.

Ogni forza aerea partecipante differisce nei sistemi d’arma, nelle dottrine di combattimento e nei protocolli operativi, che potrebbero rappresentare sfide nell’addestramento congiunto.

“I partecipanti non hanno familiarità con lo spazio aereo, quindi abbiamo progettato un programma di formazione graduale di due settimane”, afferma il tenente colonnello E. “In primo luogo, ci saranno scenari di addestramento progettati per far familiarizzare i membri dell’equipaggio con lo spazio aereo e le sue sfide per consentire un addestramento sicuro nei giorni a venire. All’inizio, ogni paese volerà in formazioni separate e nel tempo, inizieremo a volare in formazioni congiunte di diverse nazioni e piattaforme. Inoltre, effettueremo sessioni di addestramento singole con l’obiettivo di comprendere la zona di addestramento e le forze aeree e di terrestri che sono presenti. Infine, passeremo a situazioni di superiorità aerea, simulando varie minacce terrestri e aeree mentre completando diverse missioni operative”.

Gli squadroni “Sufa” (F-16I) dell’IAF, guidati dal 115° squadrone di aggressori (“Drago volante”) svolgeranno il ruolo della forza “rossa”.

Inoltre, anche una batteria “Yahalom” (Patriot) si unirà alla forza di simulazione nemica.

Tra generazioni

Il tema di quest’anno è l’integrazione di velivoli di quarta e quinta generazione in scenari operativi complessi.

“In virtù dell’aumento dell’uso di caccia di quinta generazione in tutto il mondo, l’esercitazione Blue Flag di quest’anno si concentrerà anche sulla loro combinazione con altre piattaforme sul campo di battaglia”, spiega il tenente colonnello E. “Le forze aeree hanno compreso, almeno per il prossimo futuro, che non opereranno rigorosamente velivoli di quinta generazione, ma anche con piattaforme di quarta generazione”, continua. “Durante la pianificazione dell’esercitazione, abbiamo cercato di creare scenari eterogenei che combinassero diversi paesi, squadroni e generazioni. Gli aerei di quarta generazione voleranno accanto a quelli di quinta generazione in modi che utilizzano i vantaggi relativi di ciascuna piattaforma. La cooperazione tra velivoli di diverse generazioni aumenta la potenza di una forza aerea”.

Un sorvolo storico

Un altro evento che si svolge per la prima volta è un sorvolo onorario congiunto nei cieli israeliani.

Il Mag. Gen. Amikam Norkin, comandante dell’aeronautica israeliana, ha guidato il sorvolo in un “Baz” (F-15) a fianco di un “Adir” israeliano (F-35I).

Il tenente generale Ingo Gerhartz, comandante dell’aviazione tedesca, volava al loro fianco nell’Eurofighter “Eagle Star”, che è stato appositamente dipinto con le bandiere israeliane e tedesche.

Maj. Gen. Norkin: “Questa esercitazione è rivoluzionaria in termini di tecnologia, qualità della formazione e numero di nazioni partecipanti. Illustra la partnership e il forte legame tra l’aria della nazione forze e funge da trampolino di lancio verso la cooperazione regionale e internazionale”.

Ultime notizie

La Croazia ha formalizzato con la Francia il contratto d'acquisto dei caccia bombardieri Dassault Rafale.Tale contratto del valore di...
La Guardia Costiera dei Paesi Bassi riceverà 2 nuovi elicotteri di ricerca e soccorso AW189 alla fine del 2022.Il...
I contratti per l’acquisto degli aerei da combattimento F-35A e del sistema di difesa terra-aria a lunga gittata Patriot...
Turkish Aerospace Industries (TAI) venderà un totale di tre dei suoi velivoli da combattimento senza pilota (UCAV) di media...

Da leggere

Taiwan acquista dodici elicotteri MH-60R Seahawk

Il Ministero della Difesa dell'isola di Taiwan ha annunciato...

INPS, Forze Armate e Guardia di Finanza

INPS, FORZE ARMATE E GUARDIA DI FINANZA La cessazione dal...