fbpx

In Libano il Comandante di Sector West riceve le chiavi del monastero francescano di Tiro

Nei giorni scorsi il Comandante del Settore Ovest di UNIFIL Libano, Generale di Brigata Massimiliano Stecca, ha ricevuto le chiavi del Convento di Sant’Antonio a Tiro dalle mani di Padre Tony Choucry, Superiore della Comunità francescana e Vicario Episcopale per il Libano del sud della Chiesa Cattolica del rito latino.

L’evento si è svolto a margine della celebrazione religiosa in onore di San Giorgio, Patrono protettore della Cavalleria e di San Marco, Patrono protettore dei Lagunari.

Padre Tony nel consegnare le chiavi ha dichiarato “…questa chiave vuole essere il segno tangibile di un’amicizia che ha legato e legherà l’Ordine Francescano della Custodia di Terra Santa alla Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli”.

L’ordine Francescano giunge in Libano a Beirut dalla metà del 1200 stabilendovi un convento, celebrando le funzioni tra i cristiani locali nell’allora chiesa dedicata a San Salvatore, famosa ai tempi per il miracolo del Crocefisso sanguinante.

I Frati francescani contano in Libano quattro conventi (Beirut, Harissa, Tripoli e Tiro), e ancora oggi, continuano ad occuparsi dei più poveri e bisognosi, con particolare attenzione verso giovani, anziani e malati. Il convento di Tiro è stato costruito nel 1334 e ospita i Frati francescani dal 1838.

La missione Italiana in Libano è attualmente a guida Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, al suo sesto mandato nella “Terra dei Cedri” con i colori delle Nazioni Unite, e ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL in cui operano 3.800 Caschi Blu di 16 dei 46 paesi contributori alla missione ONU e di cui fanno parte circa 1.000 militari italiani.

I Caschi Blu italiani operano nel Libano con imparzialità e trasparenza, a ridosso della Blue Line (linea blu), linea di demarcazione con Israele, per garantire la stabilità nell’area da oltre 15 anni, monitorando la cessazione delle ostilità, assistendo e supportando le Forze Armate Libanesi (LAF) e fornendo supporto alla popolazione locale.

Fonte e foto Ministero della Difesa-Joint Task Force/Lebanon Sector West-Public Information Office

Articolo precedente

In Francia iniziano le consegne dei veicoli blindati mutiruolo leggeri 4×4 Serval

Prossimo articolo

Celebrazione del 60° anniversario dell’istituzione della Scuola Navale Militare “Francesco Morosini” e giuramento degli Allievi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

In Francia iniziano le consegne dei veicoli blindati mutiruolo leggeri 4×4 Serval

Prossimo articolo

Celebrazione del 60° anniversario dell’istituzione della Scuola Navale Militare “Francesco Morosini” e giuramento degli Allievi

Ultime notizie