sabato, Luglio 24, 2021

In Parlamento il programma per un nuovo veicolo tattico multiruolo per le operazioni speciali

-

Articolo tratto dal Atto del Governo 224 ” Approvazione del programma pluriennale di A/R n. SMD 17/2020, relativo all’acquisizione di un veicolo tattico multiruolo per le operazioni speciali” da cui sono stati estrapolate le parti di maggiore interesse.

Lo scorso 23 novembre il Governo ha trasmesso – ai sensi dell’articolo 536, comma 3, lettera b), del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 (Codice dell’ordinamento militare) – la richiesta di parere parlamentare su uno schema di decreto ministeriale concernente l’approvazione del programma pluriennale di A/R (Ammodernamento e Rinnovamento) n. 17/2020 SMD (Stato maggiore difesa), relativo all’acquisizione di un veicolo tattico
multiruolo per le operazioni speciali.

La richiesta di parere parlamentare fa riferimento all’acquisizione di un veicolo tatticomultiruolo (VTM) per le operazioni speciali (OS). Nella scheda tecnica, lo Stato Maggiore della Difesa precisa che il programma è relativo allo sviluppo, la produzione di 8 prototipi, l’omologazione e l’avvio della produzione di serie relativa ad un Veicolo Tattico Multiruolo per le Operazioni Speciali.

Si ricorda nel corso della legislatura le Commissioni difesa della Camera e del Senato hanno dato parere favorevole sull’atto del Governo n. 114 concernente l’approvazione del programma pluriennale A/R(Ammodernamento e Rinnovamento) n. 05/2019 SMD (Stato maggiore difesa), relativo allo sviluppo, acquisizione e supporto logistico decennale di due nuove linee di mezzi subacquei per le missioni affidate alle Forze Speciali (Atto n. 114). Le medesime Commissioni hanno, altresì, dato parere favorevole sullo schema di decreto ministeriale concernente l’approvazione del programma pluriennale di A/R(Ammodernamento e Rinnovamento) n. 03/2019 SMD (Stato maggiore difesa) 03/2019, relativo all’acquisizione di un’unità di appoggio alle operazioni speciali, di supporto alle operazioni subacquee e per il soccorso a sommergibili sinistrati e al relativo supporto logistico decennale (Atto n. 109).

Le Forze Armate Italiane – Esercito Italiano, Marina Militare, Aeronautica Militare – e l’Arma dei Carabinieri dispongono tutte di un proprio corpo speciale FS – TIER 1:
9° Rgt. d’Assalto paracadutisti “Col Moschin” (EI)
GOI Marina Gruppo Operativo Incursori del COMSUBIN (MM)
17° Stormo Incursori (AM)
Gruppo Intervento Speciale (CC).

Le Forze Speciali Italiane dipendono dal Cofs, il Comando interforze per le operazioni delle Forze speciali. Il comandante del Cofs ha quindi la competenza per le operazioni condotte dai 4 reparti di Forze Speciali Italiane FS – TIER 1.
Come precisato dal Governo nella documentazione allegata alla richiesta di parere parlamentare, il programma persegue lo scopo di dotare i Reparti di Forze Speciali (FS) di mezzi e materiali adeguati alle specialistiche esigenze proprie delle Operazioni Speciali (OS), in ogni possibile scenario, per poter svolgere in sicurezza le delicate missioni di competenza (Direct Action – DA, Special Reconissance – SR, Military Assistance – MA).
Sulla base anche delle esperienze maturate nei teatri operativi, il gap capacitivo individuato e che il programma in oggetto mira a colmare, deriva dal fatto che i Reparti del Comparto OS dispongono di un parco automezzi in grado di soddisfare solo parzialmente le esigenze derivanti dai molteplici scenari d’impiego.

File:VeicoloAssaltoVeloce.jpg

Questa esigenza risulta ancor più evidente quando vengono assegnate alle FS missioni in contesti spazio-temporali che prevedono azioni veloci, in una cornice di proiezione delle forze intermodale e modulare, garantita dalla possibilità di trasporto tramite assetti aerei ad ala fissa e/o rotante e nelle quali è necessario sviluppare dal punto di vista tattico, fasi di combattimento dinamiche, in cui la capacità di reazione ed individuazione della minacciatramite l’osservazione rappresentano un fattore chiave.
A tal fine dovranno essere acquisiti dei veicoli dotati di caratteristiche che garantiscano in misura elevata la mobilità, la modularità, il payload, l’autonomia e la capacità offensiva e forniscano al contempo un adeguato livello di protezione, flessibile e bilanciato.

In relzione al programma in esame, lo Stato maggiore della Difesa, nella scheda tecnica allegata alla richiesta di parere parlamentare, fa presente che il veicolo in linea con più aggiornate tecnologie, dovrà garantire al comparto OS elevata mobilità all terrain in ambito terrestre per un efficace intervento operativo in ogni condizione d’impiego, e in particolare:

  • un’elevata mobilità su terreni impervi, abbinata ad una elevata capacità offensiva e a
    elevata velocità ed agilità;
  • capacità di impiego autonomo ovvero in simbiosi con altri veicoli in uso ai reparti del
    Comparto OS;
  • trasportabilità su vettori ad ala fissa e rotante;
  • aviolanciabilità (requisito auspicabile);
  • interoperabilità e standardizzazione.

Con riferimento alla necessaria compatibilità nel settore C4I (acronimo di Comando, Controllo, Comunicazione, Computer e Intelligence), la piattaforma in acquisizione si dovrà uniformare agli standard adottati sia dalle F.A., sia dalla NATO, ricercando il più elevato livello di interoperabilità operative condotte a livello Joint e Combined.

Con particolare riguardo al sistema di Comando, Controllo e Navigazione (C2N) si potrà valutare l’adozione del sistema SICCONA, per veicoli su cui ne sarà richiesto l’allestimento. Quale requisito auspicabile, si dovrà valutare la possibilità di dotare tutti i veicoli in acquisizione di capacità ASID (Air to
Surface IDentification).

Il progetto è comprensivo di supporto logistico decennale. Come precisato nella scheda tecnica allegata alla richiesta di parere il supporto logistico nasce dall’esigenza di garantire in un arco temporale di 10 anni il più alto livello di disponibilità operativa del parco mezzi, una volta che sarà avviata la produzione di serie e l’ingresso in linea. E’ strutturato in modo da fornire ai Reparti utilizzatori le capacità logistiche necessarie al mantenimento della
piattaforma nel corso della sua vita tecnica. Il supporto logistico considera che il personale manutentore/operatore delle F.A. è già formato su veicoli similari e sistemi attualmente in uso e per alcuni di essi dovrà effettuare soltanto attività di aggiornamento/formazione specifica in funzione dei nuovi veicoli e sui sistemi che vi saranno installati.
In tale quadro, si precisa nella richiamata scheda, adeguata attenzione dovrà essere prevista relativamente alla fornitura di ricambi, attrezzature manutentive per il sostegno diretto e per il sostegno generale.
In Teatro Operativo sarà reso disponibile n. 1 set di ricambi necessario per costituire un adeguato volano di materiali per sopperire ai tempi di trasferimento dei materiali.

Riguardo agli aspetti addestrativi, sono previsti dei corsi di formazione per il sostegno diretto e generale per il personale della Difesa già abilitati al mantenimento di veicoli ruotati/corazzati. Sono previsti dei corsi ad hoc in lingua italiana, che dovranno qualificare, ove previsto, il personale specialista all’esercizio tecnico-operativo dei sistemi ed all’esecuzione degli interventi di manutenzione preventiva e correttiva.
Saranno inoltre formati istruttori qualificati che possano provvedere alla formazione di operatori/manutentori del veicolo e degli shelter per garantire autonomia nell’ambito degli Enti della Difesa, senza dover ricorrere a specialisti esterni.
A regime, l’attività addestrativa finalizzata all’impiego ed alla manutenzione dei veicoli in acquisizione sarà devoluta ai moduli addestrativi avanzati organizzati e condotti dagli Enti della Difesa destinatari della capacità.

Per quanto concerne i settori industriali interessati la scheda illustrativa indica che tali settori sono prevalentemente quelli della meccanica, elettronica e telecomunicazioni ad alta tecnologia, relativi alla progettazione e realizzazione di veicoli militari nel dominio terrestre, in ambito nazionale, a livello UE e Extra UE.
L’area geografica di produzione è l’Italia centro-settentrionale.
Riguardo agli impatti occupazionali, in caso di aggiudicazione della gara ad una ditta nazionale, sono da considerare positive ricadute sul sistema Paese in termini di capacità operativa che, qualora la fase prototipale oggetto del presente decreto dovesse dare avvio alla produzione di serie, si stimano come equivalente a 1.450.000 ore/uomo nell’arco di 10 anni.
Inoltre, la possibile realizzazione di una piattaforma nazionale, oltre che garantire il soddisfacimento delle esigenze del comparto Difesa, potrebbe assicurare all’industria nazionale di realizzare un materiale potenzialmente di interesse anche per altri Paesi.

La scheda allegata al programma stima il costo complessivo del programma in 15 milioni. L’avvio del programma è previsto nel 2020, e la conclusione nel 2023.

Le fasi successive, relative alla produzione di serie a regime (da realizzarsi con separato programma), saranno avviate subordinatamente all’identificazione delle necessarie risorse a valere sia di nuovi Fondi di Investimento recati dalle prossime Leggi di Bilancio sia di distinti strumenti finanziari di eventuale futura istituzione.

Fonte Atto del Governo 224 ” Approvazione del programma pluriennale di A/R n. SMD 17/2020, relativo all’acquisizione di un veicolo tattico multiruolo per le operazioni speciali

Foto Social Network

Ultime notizie

L'Ufficio federale per le apparecchiature, la tecnologia dell'informazione e l'uso (BAAINBw) della Bundeswehr ha firmato un contratto con Fassmer...
Venerdì 23 luglio, nel piazzale interno del Comando Generale, si è tenuta la cerimonia del passaggio di consegne al...
Il JPALS (Joint Precision Approach and Landing System) è un sistema di avvicinamento ed atterraggio di precisione messo a punto...
La Bundeswehr ha scelto Rheinmetall per la fornitura di moduli di luce laser per le forze armate tedesche. È stato...

Da leggere

Gli USA vogliono costruire un radar per le sorveglianza spaziale nel Regno Unito

Secondo quanto riportato dalla BBC, gli Stati Uniti hanno...

L’Amministratore Delegato dell’EDA in Italia incontra i vertici della Difesa e dell’industria militare

L'amministratore delegato dell'EDA Jiří Šedivý è stato in Italia...