fbpx

In Polonia PZL Mielec completa la prima sezione posteriore di fusoliera del F-16 Block 70/72

Lockheed Martin ha comunicato che la sua controllata polacca PZL Mielec ha celebrato l’avvenuto completamento della prima sezione posteriore di fusoliera del F-16 Block 70/72 costruita in Polonia.

PZL Mielec, una società Lockheed Martin e uno dei produttori di aeromobili più longevi della Polonia, ha celebrato il completamento della prima fusoliera di poppa del F-16 Block 70/72 prodotta nel Paese.

In un ritorno simbolico alla tradizione della produzione di aerei a reazione militari, le strutture dell’F-16 saranno costruite in un capannone completamente ristrutturato di oltre 14.000 metri 2 dove più di 20 anni fa erano prodotti aerei da addestramento e da combattimento. La fusoliera di poppa dell’F-16 completata, simile ai componenti più piccoli dell’F-16 anch’essi fabbricati a Mielec, è destinata all’esportazione alla linea di produzione della Lockheed Martin a Greenville, nella Carolina del Sud, dove gli aerei da caccia F-16 Block 70/72 sono attualmente fabbricati per clienti in tutto il mondo.

Nel 2022, quasi 50 dipendenti e leader della produzione PZL Mielec si sono recati presso lo stabilimento di produzione dell’F-16 a Greenville. Per sei mesi questi dipendenti hanno lavorato fianco a fianco con i dipendenti Lockheed Martin per acquisire esperienza e conoscere il processo di produzione dell’F-16, preparandosi a svolgere i loro compiti a Mielec.

L’F-16 rappresenta una scelta strategica e preziosa per molti clienti in tutto il mondo che cercano capacità avanzate di caccia di quarta generazione, partnership regionali e mondiali e costi del ciclo di vita accessibili. Si tratta di un elemento fondamentale della sicurezza del 21° secolo, che svolge un ruolo fondamentale nelle missioni in tutto il mondo ed è un fattore chiave per il dominio aereo della Polonia, della NATO e dei loro alleati.  

Fonte e foto @Lockheed Martin

Articolo precedente

RTX con l’USAF completa il primo test di volo del missile AIM-120C-8

Prossimo articolo

Il Marocco interessato al UAS Akinci

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie