In Portogallo concluse le operazioni di manutenzione del sottomarino Arpão

0
389

Presso l’Arsenale di Alfeite si è conclusa l’attività di manutenzione del sottomarino Arpão (S161) della classe Tridente.

Si è trattato di un grande ciclo di lavori di manutenzione, essendo il battello in questione entrato in servizio nel 2010.

Era dal 2008 che non si svolgevano in Portogallo lavori di questa entità, con le attività di manutenzione che erano eseguite in Germania presso i cantieri che hanno allestito i battelli.

Il battello è entrato nel bacino di carenaggio del Arsenale d Alfeite per essere sottoposto ai lavori.

L’operazione ha richiesto lo smontaggio, la revisione e la riparazione in officina della maggior parte degli impianti e delle apparecchiature e la loro successiva installazione e collaudo a bordo.

E’ stata eseguita l’ispezione dello scafo resistente sia esterno sia interno; tale attività ha comportato la mappatura completa della scafo e la riparazione dell’acciaio laddove necessario, con l’avvenuta misurazione dello spessore, il controllo dimensionale dello scafo, il riempimento mediante saldatura, e l’impiego di liquidi penetranti e raggi X per le verifiche. i

Anche i serbatoi interni ed esterni sono stati sottoposti ai lavori così come è stata eseguita la manutenzione correttiva e programmata della sezione dei lanciasiluri nonché del gruppo periscopi installato sulla falsatorre.

Tutto questo si è tradotto in una complessa attività di controllo di un numero di articoli superiore a 10.000 pezzi, con la necessità per la Marina Portoghese di sviluppare nuove soluzioni interne con la creazione di un apposito polo logistico dedicato al progetto.

Nelle prossime settimane saranno svolte le prove in mare presso la base navale di Lisbona prima della riconsegna alla Marina.

Il Tridente,secondo battello della omonima classe, entrerà in bacino nel 2022 per un analogo ciclo di manutenzione.

Inoltre, la Marina Portoghese vuole promuovere l’attività svolta sui sottomarini dal Arsenale di Alfeite presso le Marine Alleate.

La classe Tridente o U-209PN è stata sviluppata dal U-214 progettato e prodotto dalla società tedesca Howaldtswerke Deutsche Werft GmbH (HDW). 

Trattasi di battelli che dislocano in superficie oltre 1.800 tonnellate ed in immersione oltre 2.000 tonnellate. Sono armati con otto tubi lanciasiluri per ordigni da 533 mm di diametro; possono essere imbarcati fino 6 missili a cambiamento d’ambiente UGM-84 Harpoon e 12 siluri Black Shark di WASS (Leonardo). Possono essere trasportate e rilasciate anche mine.

I Tridente sono lunghi 68 metri, hanno un diametro di 6,35 metri, un pescaggio di 6,6 metri. La quota massima operativa accreditata è di 350-400 metri di profondità.

Sono dotati di due sistemi di propulsione indipendente dall’aria AIP Siemens Sinavy e di due motori diesel MTU 16V396 TB-94.

I sottomarini raggiungono una velocità di 12 nodi in superficie e di 20 nodi in immersione con un’autonomia 12.000 miglia nautiche a 8 nodi. La velocità massima con il sistema AIP è di sei nodi.

L’equipaggio è composto da 33 uomini e può essere imbarcato un team di una decina di operatori delle Forze Speciali.

A bordo è presente il sistema di gestione dei dati di combattimento Atlas Elektronik ISUS 90, oltre il radar di navigazione Kelvin Hughes KH-1007.

Foto Marina Portoghese

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui