fbpx

Iniziati i lavori sul cacciatorpediniere Caio Duilio

Il cacciatorpediniere Caio Duilio (D 554) della Classe Orizzonte della Marina Militare italiana ha iniziato i lavori presso l’Arsenale della Spezia.

La revisione del radar a Lungo Raggio (Long Range Radar – LRR) 3D S-1850M delle due unità della Marina Militare era infatti inserita all’interno del piano aziendale 2020 dell’OCCAR e rappresenta altresì un importante passaggio sia per l’organizzazione europea sia per la MM.

Il “posto” lasciato vuoto dall’antenna

La Caio Duilio ha già iniziato i lavori e l’antenna è stata conseguentemente rimossa. Si tratta della terza revisione (Major OverHaul – MOH) effettuata da Thales Nederland dopo i due cacciatorpedinieri francesi.

L’antenna sarà dunque sottoposta a revisione così come l’equipaggiamento ad essa collegata. Secondo quanto possibile sapere i lavori dureranno circa 12 mesi e saranno eseguiti in modo da ridurre i rischi associati.

L’antenna ha dimensioni e pesi considerevoli: 7 tonnellate di peso, 4 metri di altezza, 8 metri di larghezza e 4 metri di profondità.

Nel 2022 sarà il turno dell’Andrea Doria.

Aggiornamenti MLU (Mid Life Upgrade)

L’OCCAR ha assegnato i lavori alla joint venture NAVIRIS (controllata in parti uguali da Fincantieri e Naval Group) e prevede l’aumento delle capacità di operative, la riduzione dell’obsolescenza dei sistemi tenendo anche in considerazione il know how acquisito nel programma FREMM.

NAVIRIS sarà il primo contraente mentre Thales e Leonardo saranno subappaltatori per le unità francesi e italiane.

Disponibile qui una interessante intervista all’Amm. Bisceglia, Direttore OCCAR, su programmi presenti e futuri.

Immagini: Ares Osservatorio Difesa, Tutti i diritti riservati

Articolo precedente

Nuovo ordine tedesco per missili RBS 15

Prossimo articolo

Miglioramenti per la FACO di Cameri

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie