Iniziato lo sviluppo dell’MQ-9B STOL

0
79

Per estendere ulteriormente la versatilità della sua linea MQ-9B di velivoli a pilotaggio remoto, la General Atomics Aeronautical Systems, Inc. (GA-ASI) ha annunciato oggi che inizierà a sviluppare un breve decollo e atterraggio (STOL) dell’MQ-9B compresi i modelli SkyGuardian® e SeaGuardian®.

GA-ASI ha iniziato lo sviluppo di STOL nel 2017 come parte della sua iniziativa Mojave. La capacità STOL è stata inizialmente utilizzata su una piattaforma Grey Eagle Extended Range modificata nel 2021, ma ora la compagnia inizierà a sviluppare STOL sull’MQ-9B, una piattaforma già selezionata dalla Royal Air Force, dal Ministero della Difesa belga e dalla Guardia costiera giapponese . 

MQ-9B STOL unirà i collaudati prodotti UAS altamente affidabili di GA-ASI per eseguire missioni in luoghi più austeri.

La configurazione MQ-9B STOL consisterà in un kit ala e coda opzionale che può essere installato in meno di un giorno. Il velivolo principale e i suoi sottosistemi rimangono gli stessi. Gli operatori possono eseguire la modifica in un hangar o su una linea di volo, offrendo una capacità che altrimenti richiederebbe l’acquisto di un aeromobile completamente nuovo.  

“Immagina di togliere l’hard top dalla tua Jeep. Lo sollevi, lo riponi nel tuo garage e ora hai un veicolo aperto. Se piove, rimetti l’hard top. Siamo uguali. Prendi un MQ-9B standard, metti il kit STOL e poi vola”, ha affermato il presidente della GA-ASI David R. Alexander.

L’MQ-9B STOL, che fa parte della serie di velivoli senza pilota Mojave di GA-ASI, rappresenta anche un’opportunità per operazioni future a bordo di una portaerei o di una nave d’assalto anfibia di grande ponte. Le ali si piegano in modo che l’MQ-9B STOL possa essere parcheggiato sul ponte o nell’hangar, proprio come gli altri velivoli della marina. Quando è il momento del decollo, gli operatori avvieranno l’aereo, apriranno le ali e decolleranno senza bisogno di catapulte. GA-ASI ritiene che la Marina e il Corpo dei Marines degli Stati Uniti prenderanno atto di questa innovazione poiché apre le porte a operazioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) persistenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui