fbpx

Israel Shipyards ha siglato il contratto per la progettazione di dettaglio della corvetta leggera Reshef per la Marina Israeliana

Israel Shipyards, azienda leader nella costruzione e riparazione navale al servizio dei mercati navali e commerciali, ha annunciato lo scorso giovedì di aver sottoscritto un contratto con il Ministero della Difesa di Israele per procedere alla progettazione di dettaglio della nuova nave da combattimento classe Reshef che entrerà in servizio con la Marina israeliana. 

Le nuove unità classe Reshef sono destinate a sostituire le corvette classe Sa’ar 4.5 in servizio da oltre 30 anni nella fila della Marina d’Israele. La corvetta leggera classe Reshef è progettata per affrontare con successo minacce e sfide nuove in continua evoluzione e sarà basata sul design Sa’ar 72 di Israel Shipyards.

Le corvette Reshef forniranno alla Marina Israeliana le capacità avanzate necessarie nei combattimenti futuri ed assisteranno nella protezione della zona economica esclusiva (ZEE) di Israele, nonché del petrolio e impianti di gas all’interno delle acque territoriali israeliane. T

A bordo delle unità classe Reshef saranno installati sistemi di combattimento di produzione israeliana. E’ interessante notare che questo è il primo contratto assegnato dal Ministero della Difesa Israeliano ai cantieri navali nazionali da circa quindici anni; in questi tre lustri tutte le risorse disponibili nel settore navale sono state destinate alla costruzione delle corvette Sa-ar 6 e dei sottomarini AIP Dolphin 2 in Germania.

Le Sa’ar 72 sono unità che hanno lunghezza di 72 metri, larghezza 10,25 metri, dislocamento da 800 tonnellate, velocità superiore ai 30 nodi, autonomia attorno alle 5000 miglia nautiche di 12 nodi. L’armamento nel disegno di Israel Shipyards appare incentrato su un cannone Leonardo Super Rapido da 76/62 mm, 8 missili anti nave (Harpoon-Gabriel Mk V), due impianti VLS per 16 missili superficie -aria Barak 8. E’ possibile installare 1-2 impianti Typhoon per mitragliere calibro 25-30 mm e lanciasiluri Mk 32 per siluri antison Mk 46. Le navi sono dotate di un ponte di volo per operazioni con elicotteri leggeri/medi e con apposita modifica della sovrastruttura anche di hangar per il ricovero del elicottero e/o degli eventuali uav del tipo rotorcraft imbarcabili.

Immagine Israel Shipyards

Articolo precedente

Taglio della prima lamiera per la portaerei a propulsione nucleare Doris Miller (CVN 81)

Prossimo articolo

Marina Militare, da oggi il via al 2° Corso COORDINATOR RESCUE FORCES (CRF)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie