martedì, Ottobre 26, 2021

Italia, Germania e Grecia eseguiranno una missione Open Skies congiunta sopra la Russia

-

Italia, Germania e Grecia eseguiranno una missione congiunta, nell’ambito del trattato Open Skies, sulla Russia tra il 9 ed il 13 marzo.

Il volo d’osservazione sarà condotto da un Antonov An-30 dell’Aeronautica romena che opererà tra il 9 ed il 13 marzo dell’Aeroporto di Kubinka, cittadina della Russia europea centrale.

La conferma è arrivata da Sergey Ryzhkov, capo del Centro Nazionale di Rischio Nucleare russo.

Durante il volo, che seguirà una rotta precedentemente autorizzata, specialisti russi a bordo controlleranno la stretta applicazione dei parametri di volo concordati ed il corretto impiego degli equipaggiamenti di osservazione.

Open Skies sopra l’Italia

Antonov An-30 russo in volo sopra l’Arsenale della Spezia il 17 luglio 2019 (foto: Giacomo Cavanna)

Nel 2019 sopra l’Italia sono stati effettuati tre diversi voli: 17 luglio (russo), 25 settembre (ucraino) e 7 novembre (russo), tutti operati da AN-30B. L’Italia ha effettuato un volo congiunto con Ungheria e Finlandia sopra Russia e Bielorussia, per saperne di più: qui.

Open Skies

Pod “Open Skies” installato nel pilone subalare di un C-130 (fonte: qui)

L’AN-30 impiegato può operare missioni Open Skies poichè non può impiegare alcun tipo di armamento e l’intero velivolo nonchè le apparecchiature a bordo sono state vagliate da esperti internazionali.

Il Trattato “Open Skies” è entrato in vigore a partire dal 1° gennaio 2002 e autorizza voli su 34 diversi stati.

Lo scopo dei voli “OS” è di verificare che i mutui trattati di disarmo e controllo della proliferazione siano rispettati. Le rotte possono coprire l’interno territorio nazionale e possono essere effettuate modifiche solo per ragioni di sicurezza (non per sicurezza nazionale e possono sorvolare aree proibite, regolamentate o pericolose). Hanno priorità su qualsiasi traffico eccetto i voli in emergenza o Search and Rescue (SAR).

“Open Skies” comprende Active Observation Missions (AOM), che sono i voli che ogni paese ha il diritto di effettuare, e di Passive Observation Missions (POM), che sono il numero di voli che ogni paese ha il dovere di accettare.

Il trattato è studiato per incrementare la mutua confidenza tra i vari paesi partecipanti indipendentemente dalla loro capacità di intelligence militare e peso politico.

Foto

C-130J italiano con il pod fotografico per missioni Open Skies. In primo piano italiani e russi (fonte: qui)
Boeing OC-135B Open Skies dell’USAF (fonte: qui)
Tupolev Tu-154M-Lk-1 RF-85655 (29560203842).jpg
Tupolev Tu-154M Open Skies dell’Aeronautica russa (fonte:qui)
Antonov An-30B ’RF-36052 - 87 black’ (36770942384).jpg
Antonov An-30B dell’Aeronautica russa
An-30B Kiev1.jpg
Antonov An-30B dell’Aeronautica ucraina

Foto: Copertina e Prima Pagina – Antonov An-30, belonging to the Romanian Air Force, on the Neubrandenburg Airport (fonte: qui)

Ultime notizie

L'Esercito Pakistano ha immesso in servizio ufficialmente il sistema missilistico superficie-aria cinese HQ-9/P (Pakistan) presso il centro di difesa...
Domenica 24 ottobre è stato lanciato dal Guiana Space Center di Kourou con successo il primo satellite militare per...
Nei prossimi mesi Israele ha intenzione di richiedere agli Stati Uniti d'America l'autorizzazione all'acquisto delle nuove bombe GBU-72 Advanced...
Un capitano del Bundeswehr di 32 anni, specializzato in IED, è stato trovato in possesso di materiale radioattivo, documenti...

Da leggere

Il Direttore AID, Nicola Latorre, ha ricevuto il Generale Luciano Portolano, nuovo Segretario Generale della Difesa

Il Direttore Generale dell’Agenzia Industrie Difesa, Dott. Nicola Latorre, ha ricevuto presso gli Uffici...

Italy hosts NATO-Industry Forum 2021

The NATO-Industry Forum is the primary venue for strategic...