giovedì, Agosto 5, 2021

L’Heer ripensa la Riserva

-

La nuova strategia della Riserva sarà presentata il 18 ottobre. Si devono seguire nuovi percorsi nell’ordinamento, nella formazione e nell’equipaggiamento dei riservisti.‎

Questo articolo è la traduzione di un interessante analisi sulla riforma della Riserva pubblicato il 9 agosto 2019 sul sito ufficiale della Bundeswehr.

“La Riserva è sempre da pensare” – questo è il motto degli autori della nuova strategia della riserva nella prefazione. I riservisti sono indispensabili nella difesa dello Stato e dell’Alleanza, ma anche nelle missioni per la Bundeswehr. ‎
‎Ciò è tanto più vero quanto più importante ‎sarà il ruolo della Germania nella gestione dei conflitti internazionali. La Riserva del futuro deve, quindi, essere impiegata nel modo più flessibile e più rapido possibile. Nuovi percorsi dovevano essere intrapresi nell’ordinamento, nella formazione e nelle attrezzature.”.

‎La strategia per la Riserva definisce le linee guida su come seguire questi percorsi a medio-lungo termine. Il documento di base è sottotitolato “Riserva visione 2032 plus“. ‎
‎Il nuovo documento sarà presentato ufficialmente dal Ministro della Difesa Annegret Kramp-Karrenbauer il prossimo 18 ottobre.

‎Sostegno, completamento e supporto‎

‎La strategia della Riserva amplia il concetto del 2012, in particolare per quanto riguarda la difesa nazionale e dell’Alleanza. Il sostegno, il completamento e il sostegno della forza attiva rimane la sua funzione principale: nelle operazioni di base, nella protezione interna e civile, nella difesa nazionale e dell’Alleanza. ‎
‎Al fine di migliorare la prontezza operativa della ‎Riserva, sono previsti i seguenti cambiamenti:‎

Ordinamento di base‎

‎Tutti i soldati congedati saranno inseriti nella Riserva per un periodo di sei anni al fine di soddisfare le esigenze della riserva di truppe e della Riserva territoriale in caso di conflitto. ‎
‎I riservisti dovrebbero essere impiegati in modo tale da poter ‎
‎contribuire al meglio alle loro abilità di soldato acquisite durante il servizio attivo. In tempo di pace, i servizi di riservista rimangono volontari.‎

Ordinamento della riserva di rinforzo‎

‎I riservisti dovrebbero essere impiegati in base alle esigenze, preferibilmente nella Riserva di rinforzo, vale a dire in posti strutturalmente importanti, occupati esclusivamente da riservisti. ‎
‎In particolare, le unità di truppe supplementari, di logistica campale, ‎
‎le unità regionali di sicurezza e di supporto devono essere rafforzate in termini di personale.‎

Formazione uniforme‎

‎Un nuovo sistema di formazione fornirà alle persone attive un livello minimo di formazione per poterle impiegare nella riserva. I riservisti dovrebbero preferibilmente essere formati nei fine settimana nelle basi di addestramento regionali della Riserva. ‎
‎Inoltre, sarà istituita una base di addestramento centrale appositamente per i riservisti.‎

Attrezzature di associazioni non attive‎

‎La Riserva territoriale, così come le truppe supplementari e di ricambio, sarà in futuro dotata delle stesse attrezzature e materiali delle unità regolari. Dovrebbero anche poter contare su un’infrastruttura tecnica e strutturale adatta ai compiti. ‎
‎I riservisti devono ricevere le stesse ‎attrezzature personali di chi è in servizio attivo.

Vicinanza a casa‎

‎Il numero di riservisti il più possibile dovrebbe essere disponibile in tempi rapidi – questo include anche l’uso che è il più vicino possibile a casa. I servizi di riserva possono essere forniti anche nella regione d’origine del personale riservista, e si ricerca una più stretta cooperazione con i datori di lavoro, ad esempio nella formazione. Inoltre, sarà istituita una cosiddetta Riserva cibernetica con il coinvolgimento di esperti civili.‎

(foto Bundeswehr/Carsten Vennemann)

Per approfondire: https://www.bundeswehr.de/portal/a/bwde/start/aktuelles/aus_der_truppe/!ut/p/z1/hY5RC4IwFIX_0e42SdejwwJBVLIs9xJDhxm2yVjSQz–ReCbdB8O3Hu-ezgg4AJCy3nopRuMlqPfGxFeOcuOGd1Smp0YxmmWs2JDMcEsgBrO_xDhbbwyMYaqU9D4jGg1owihAgHiLmf5QpOxblQOyfbbEZqb1N2oStPGv4MHO4Vaoz3j1SntBq-9lc7Y5bt9WusdNHTQYJJwEi2dyJvval7WQUiSlB9geuxZnm_6D9sQEX8!/dz/d5/L2dBISEvZ0FBIS9nQSEh/#Z7_B8LTL2922LU800ILN8O52010O6


 

Ultime notizie

Nel ambito del ammodernamento e potenziamento della linea F-16 Falcon in servizio con l'Aeronautica Greca, il Governo di...
Rheinmetall equipaggerà il veicolo blindato ruotato da ricognizione Fennek del Reale Esercito dei Paesi Bassi con un nuovo dispositivo...
Il Governo di Tbilisi ha presentato all'Amministrazione Biden la richiesta di acquisto di missili anticarro FGM-148 Javelin.Il Dipartimento di...
E' stato approvato il Documento Programmatico Pluriennale della Difesa per il triennio 2021-2023 nel quale sono illustrate le previsioni...

Da leggere

Altro test del AGM-183A parzialmente fallito

Il 28 luglio l'Air Force ha condotto il suo...

L’USMC ha adottato per il programma ROGUE Fires il software RTK sviluppato dal US Army

L'US Army DEVCOM Ground Vehicle Systems Center (GVSC), attraverso...