fbpx

L’U.S. Army cerca il sostituto dello Stinger

L’U.S. Army ha iniziato il programma che porterà alla sostituzione dello Stinger con il potenziale acquisto di oltre 8.000 missili.

Il missile spalleggiabile FIM-92 diventerà obsoleto, secondo la programmazione USA, tra il 2022 ed il 2023 e sono già in corso i lavori di estensione della vita operativa per i Block 1.

Il nuovo MANPADS (Man-Portable Air-Defense Systems) dovrà rispondere a diversi requisiti come portabilità, dovrà essere pre-assemblato per un rapido utilizzo sul campo di battaglia, in grado di essere integrato nei lanciatori Stringer SVUL alla base dei sistemi IM-SHORAD nonché su aerei, elicotteri e droni così come richiesto dalla classificazione statunitense.

Rispetto a quando fu introdotto in servizio lo Stinger, nel 1981, i moderni velivoli posseggono capacità di difesa molto più avanzate ed il nuovo missile spalleggiabile dovrà essere in grado di fronteggiare le minacce emergenti.

Rimangono inalterati, come per quasi tutti i programmi contemporanei, i requisiti di resistenza ad attacchi cibernetici.

La firma del contratto, per circa 8.000 missili, dovrebbe avvenire tra cinque anni, durante l’anno fiscale 2026 (ottobre 2025 – settembre 2026).

Articolo precedente

Arriva il robot “calibro .50” per l’U.S. Army

Prossimo articolo

Sommergibile elettrico dei Narcos sequestrato in Colombia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie