La Corea del Sud adotta i missili intercettori Standard SM-6

0
117

La DAPA, l’Agenzia statale per gli appalti della difesa sudcoreana, ha comunicato che è stato approvato un un programma del valore di 760 miliardi di won (606 milioni di dollari) per l’acquisto di intercettori missilistici navali Standard SM-6 di produzione statunitense.

Tale programma è stato approvato dal Comitato di Difesa o Defense Project Promotion Committee di Seul in relazione all’aumento delle minacce missilistiche provenienti dalla Corea del Nord.

Pertanto, il Defense Project Promotion Committee di Seul ha approvato il piano per l’acquisto degli intercettori Standard Missile-6 (SM-6) attraverso un programma di vendita militare straniera (FMS) entro il 2031. I Governi di Seul e Washington dovranno stipulare il relativo accordo.

L’approvazione del programma d’acquisto ha fatto seguito a una serie di test missilistici nordcoreani all’inizio di quest’anno, incluso il lancio di un missile balistico intercontinentale avvenuto lo scorso 24 marzo.

Lo SM-6 prodotto da Raytheon è l’unica arma in grado di svolgere missioni di guerra antiaerea, difesa dai missili balistici e guerra anti-superficie. Il sistema offre alle Marine una maggiore flessibilità in uno spazio navale limitato e consente agli Stati Uniti e ai loro alleati di aumentare in modo conveniente la potenza offensiva delle forze di superficie.

Il RIM-174 Standard ERAM (Extended Range Active Range) o SM-6 ha un peso di 1,5 tonnellate, lunghezza di 6,6 metri, un diametro di 0,53 metri nella versione Block 1B.

Il missile è dotato di propulsore a due stadi, ha una portata superiore le 200 miglia nautiche, raggiunge un’altezza superiore i 34 km ed una velocità massima superiore mach 3,5.

Il sistema di guida è inerziale (INS) con homing attivo per la difesa antiaerea ed antimissile, mentre è homing semi attivo allorquando è impiegato come arma superficie-superficie.

La testata del RIM-174 Standard ERAM pesa circa 70 kg con esplosivo pre frammentato e spoletta di prossimità o ad impatto diretto.

Lo SM-6 è in dotazione alla US Navy, alla Royal Australian Navy ed alla Japan Maritime Self-Defense Force.

Nell’ambito del programma sud coreano, i missili intercettori SM-6 saranno installati sui cacciatorpediniere DDG KDX-III equipaggiati con sistemi di combattimento AEGIS di fabbricazione nord americana.

Fonte DAPA

Foto Raytheon

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui