giovedì, Ottobre 28, 2021

La Marina Israeliana riceve la seconda corvetta SA’AR 6

-

A Kiel Thyssenkrupp Marine Systems ha consegnato la corvetta “INS Oz” alla Marina israeliana.

Thyssenkrupp Marine Systems ha consegnato ufficialmente la seconda delle quattro corvette SA’AR 6 alla Marina Israeliana. Alla presenza dell’Ambasciatore israeliano in Germania e della corvetta la nave ha ricevuto il nome “INS Oz”. Successivamente, l’amministratore delegato di TKMS haconsegnato ufficialmente la nave alla Marina Israeliana. La nuova corvetta è la prima nave della Marina Israeliana a ricevere il nome “INS Oz”.

Le corvette classe SA’AR 6 formeranno la spina dorsale della Marina Israeliana per i prossimi 30 anni. Thyssenkrupp Marine Systems sta costruendo le quattro navi in una joint venture con German Naval Yards Kiel. 

Il programma SA’AR 6

Il contratto per la consegna di quattro corvette SA’AR 6 è stato firmato nel maggio 2015. Dopo la fase di progettazione, la fase di costruzione è iniziata con la cerimonia del taglio della chiglia della prima unità nel febbraio 2018. Solo 15 mesi dopo il taglio del primo acciaio, la prima unità è stata varata. Nel maggio 2019, l'”INS Magen” ha ricevuto il nome a Kiel ed è stato consegnata nel novembre 2020. Anche le seguenti due unità della serie sono previste per la consegna nel 2021.

L’allestimento delle unità è completato in Israele con l’installazione della suite radar ed elettronica nonché dell’armamento.

Caratteristiche delle SA’AR 6

Le SA’AR 6 sono unità che dislocano 1.800-2.000 tonnellate; sono lunghe 90 metri, larghe 13 metri. Hanno un apparato motore con architettura CODAD (COmbined Diesel And Diesel) costituito da due motori diesel MTU accoppiati a due eliche a passo controllabili (CPP). La velocità massima raggiungibile è 26 nodi con autonomia di 2.500 miglia.

L’equipaggio è di 70 uomini. Le SA’AR 6 sono dotate di hangar e ponte di volo capaci di far operare un elicottero MH-60R. A livello elettronico è installato un radar AESA (Multi-Function Surveillance, Track And Guidance Radar) multifunzione ELM-2248 (MF-STAR) per la sorveglianza e scoperta dei bersagli aerei e navali a 360° che lavora in banda S. Inoltre, sono montati sistemi di guerra elettronica, sistemi di difesa informatica, sistemi di navigazione, sistemi di radiofrequenza, un sistema di comando e controllo e dispositivi di comunicazione. I sensori ottici e i sistemi di comunicazione sono montati sul modulo albero integrato installato sopra il radar AESA.

L’armamento è particolarmente potente ed articolato. Infatti, è costituito da un impianto Leonardo Super Rapido 76/62 mm, 2 RWS Typhoon 30 mm, 16 missili antinave (Gabriel, Harpoon o RBS15 Mk3), 40 VLS per missili superficie-aria Barak 8, due sistemi C-DOME e due lanciasiluri per MK54 Lightweight Torpedo.

Foto Thyssenkrupp Marine Systems

Ultime notizie

La fregata NRP Bartolomeu Dias (F 333), prima delle due fregate M in servizio con la Marina Portoghese, è...
Rostec ha fornito al Ministero della Difesa della Federazione Russa un complesso di controllo del fuoco di artiglieria 1V198...
Chemring Australia Pty Ltd., ha ottenuto dal Dipartimento alla Difesa degli Stati Uniti un contratto del valore di ...
L'USMC ha completato le procedure di acquisto di due UAV MALE MQ-9A Reaper Block 5 prodotti da General Atomics-Aeronautical...

Da leggere

L’AWHero di Leonardo ottiene la prima certificazione militare al mondo per un elicottero a pilotaggio remoto nella sua categoria

L’elicottero a pilotaggio remoto AWHero ha ottenuto la certificazione militare basica...

General Atomics e Boeing per un laser da 300 kW per l’U.S Army

Un team formato da General Atomics Electromagnetic Systems (GA-EMS)...