fbpx

La NASA ordina a Lockheed Martin altre tre navicelle spaziali Orion

Lockheed Martin è ora sotto contratto per la consegna di tre navicelle spaziali Orion alla NASA per le sue missioni Artemis VI-VIII, continuando la consegna di veicoli esplorativi all’agenzia, per il trasporto di astronauti nello spazio profondo ed intorno alla Luna supportando il programma Artemis.

Lockheed Martin è l’appaltatore principale della NASA per il programma Orion e ha completato due veicoli Orion – EFT-1 che ha volato nel 2014 ed Artemis I, che è a poche settimane dal suo lancio sulla Luna – e sta attivamente costruendo veicoli per le Missioni Artemis II-V.

Questo ordine segna le seconde tre missioni nell’ambito dell’Orion Production and Operations Contract (OPOC) dell’agenzia, un contratto IDIQ (consegna a tempo indeterminato, quantità indefinita) per un massimo di 12 veicoli. Un breakout di questi ordini include:

  • 2019 : la NASA avvia OPOC IDIQ e ordina tre veicoli spaziali Orion per le missioni Artemis III-V;
  • 2022 : la NASA ordina altre tre missioni spaziali Orion per Artemis VI-VIII per 1,99 miliardi di dollari;
  • In futuro : la NASA può ordinare altre sei missioni Orion.

Sotto l’OPOC, Lockheed Martin e la NASA hanno ridotto i costi su Orion del 50% per veicolo su Artemis III fino ad Artemis V, rispetto ai veicoli costruiti durante la fase di progettazione e sviluppo. I veicoli costruiti per Artemis VI, VII e VIII vedranno un’ulteriore riduzione dei costi del 30%.

Inoltre, l’azienda ridurrà i costi da questi veicoli di produzione attraverso l’acquisto di materiali e componenti all’ingrosso dai fornitori ed una cadenza di missione accelerata.

Con la navicella spaziale Artemis I Orion, attualmente in cima al razzo Space Launch System, ci sono altri due veicoli Orion in fase di assemblaggio presso il Kennedy Space Center della NASA in Florida, gli Artemis II e III. 

I lavori sull’Artemis IV sono a buon punto, inclusa la saldatura del serbatoio a pressione presso la Michoud Assembly Facility della NASA vicino a New Orleans e lo scudo termico presso la struttura della Lockheed Martin vicino a Denver, mentre sono già iniziati i lavori sul veicolo Artemis V.

Fonte e foto Lockheed Martin

Articolo precedente

Virgin Orbit e la Difesa Lussemburghese firmano un accordo per promuovere le capacità spaziali reattive degli Alleati in tutta Europa

Prossimo articolo

Gli ultimi due satelliti Pléiades Neo giunti a Kourou per il lancio

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Virgin Orbit e la Difesa Lussemburghese firmano un accordo per promuovere le capacità spaziali reattive degli Alleati in tutta Europa

Prossimo articolo

Gli ultimi due satelliti Pléiades Neo giunti a Kourou per il lancio

Ultime notizie