giovedì, Gennaio 20, 2022

La Norvegia chiude la Base Aerea di Bodø

-

Dopo circa 66 anni di attività ininterrotta, l’Aeronautica norvegese si appresta a chiudere la Base Aerea di Bodø posizionata poco più a nord del Circolo Polare Artico.

La chiusura delle attività militari di Quick Reaction Alert (QRA) è contestuale alla dismissione della flotta di Lokheed Martin F-16AM/BM Fighting Falcon che hanno servito il Paese per quasi 40 anni.

La nuova flotta di Lockheed Martin F-35A Lightning II, opportunamente modificati per le operazioni in ambiente artico, sarà infatti posizionata presso la Base Aerea di Ørland, nel sud della Norvegia, mentre una certa aliquota di velivoli per missioni QRA sarà dispiegata presso la Base Aerea di Evenes, posizionata ancora più a nord di Bodø.

La chiusura di Bodø e, conseguentemente, dell’ultimo volo degli F-16 della Royal Norwegian Air Force avverrà il 6 gennaio 2021.

Come riporta “The Barants Observer” gli F-35 della RNoAF hanno già effettuato missioni di addestramento a Ørland, inclusa una di addestramento congiunto con i bombardieri stealth B-2 dell’U.S. Air Force.

Il 2022 si prospetta un anno denso per le Forze Armate norvegesi con la prosecuzione delle consegne degli F-35A (risultano già consegnati 24 su 52 velivoli ordinati), mentre tra marzo ed aprile prossimi la Norvegia ospiterà la più grande esercitazione militare dalla fine della Guerra Fredda, la Cold Response 2022, con oltre 40.000 militari coinvolti.

Due dei quattro Paesi che formano la Fennoscandia, Norvegia e Finlandia, hanno adottato l’F-35A aprendo la strada a possibili livelli di integrazione e addestramento congiunto tra le due nazioni.

Presso l’aeroporto di Bodø rimarrà comunque attivo un distaccamento di elicotteri Westland Sea King Mk 43B per missioni Search and Rescue (SAR) oltre al già esistente terminal civile.

Per gli F-16AM/BM norvegesi (MLU M6.5.2) l’attività non è conclusa perché 32 di questi velivoli saranno acquistati dalla Romania al costo di 454 milioni di euro, mentre dodici Fighting Falcon sono stati ceduti alla società privata Draken International che li gestirà per fornire servizi di addestramento avanzato “aggressor” principalmente a favore dei servizi statunitensi.

Immagine di copertina: A variety of aircraft taxiing out to depart for a mission during Arctic Challenge Exercise 2019 (ACE19). Visible are two USAF F-15C Eagles (80-0004 & 78-0474), two Royal Norwegian Air Force F-16s (674 & 692) and three French Air Force Rafales (335, 330 & 123). Bodø Main Air Station, Northern Norway

Ultime notizie

La Royal Australian Air Force (RAAF) ha ricevuto la prima testata BLU-111 (AUS) B/B prodotta in Australia per le Guided...
La fregata FREMM Carlo Margottini della Marina Militare ha eseguito manovre navali insieme alle unità della Sesta Flotta dell'U.S....
Il Lockheed Martin Sikorsky-Boeing SB>1 DEFIANT ha completato con successo i voli di prova del profilo di missione FLRAA...
Le rotte seguite dagli aerei in Europa stanno diventando di giorno in giorno sempre più interessanti da analizzare.A causa...

Da leggere

La strana rotta di un 747-8 russo sopra lo Stato Maggiore dell’Aeronautica finlandese

Le rotte seguite dagli aerei in Europa stanno diventando...

Proseguono i lavori sulla USS Jack H. Lucas con i test del sistema AEGIS

La Marina degli Stati Uniti di concerto con la...