La RAAF assegna ufficialmente all’XQ-58A Valkyrie di Boeing il nuovo nome

0
117

Boeing Australia si congratula con il governo australiano e la Royal Australian Air Force (RAAF) per la scelta dell’MQ-28A Ghost Bath come nome del primo velivolo militare da combattimento prodotto in Australia aerei in oltre 50 anni.

Il ministro della Difesa australiano, l’on. Peter Dutton MP, ha annunciato il nome in una cerimonia dedicata tenutasi presso la base RAAF di Amberley, nel Queensland.

“L’introduzione del nuovo nome popolare è un momento raro e speciale nella storia dell’aviazione per i nostri partner RAAF e il team industriale di oltre 35 fornitori australiani”, ha affermato Glen Ferguson, direttore di Airpower Teaming System Australia e International.

“La scelta del Ghost Bat, un mammifero nativo australiano noto per collaborare in un branco per rilevare e cacciare, riflette le caratteristiche uniche dei sensori dell’aereo e delle capacità di intelligence, sorveglianza e ricognizione ed è un nome appropriato per questa capacità pionieristica”, ha affermato Ferguson.

Con un rapido sviluppo di soli tre anni dall’ideazione al primo volo, il programma di sviluppo sfrutta i progressi nell’ingegneria digitale, nella produzione avanzata e nelle tecnologie uniche della catena di approvvigionamento australiana.

Mentre il nome del programma di sviluppo RAAF Loyal Wingman verrà gradualmente eliminato, il nome del prodotto Boeing per i clienti globali rimarrà Airpower Teaming System.

“La nostra partnership duratura con il Commonwealth of Australia e l’Australian Defence Force (ADF) è fondamentale per lo sviluppo di successo delle complesse tecnologie e capacità dell’MQ-28A e ha un potenziale di esportazione globale per l’Australia”, ha affermato il dott. Brendan Nelson AO, presidente di Boeing Australia, New Zelanda e Sud Pacifico.

Nel corso del 2022, il programma continuerà ad accelerare lo sviluppo e il collaudo dell’MQ-28A Ghost Bat, con particolare attenzione alle capacità di sensori e missionization per rispettare gli impegni della RAAF. Questi requisiti continueranno ad espandersi man mano che Boeing si muove verso l’obiettivo di fornire una capacità operativa per l’ADF.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui