domenica, Settembre 19, 2021

La Reale Marina Norvegese “tropicalizza” la fregata F311 Roald Amundsen

-

La fregata F311 Roald Amundsen è stata oggetto di “tropicalizzazione” da parte della Reale Marina Norvegese che ha affidato i relativi lavori alla spagnola Navantia.

Al termine del ciclo di lavori la Direzione degli Acquisti di Materiale del Ministero della difesa norvegese (NDMA) si è voluta complimentare con Navantia per l’avvenuto completamento delle operazioni.

La F311 Roald Amundesen è la seconda fregata classe Fridtjof Nansen (F310) che Navantia ha progettato e costruito per la Reale Marina Norvegese nel decennio 2000-2011.

I lavori eseguiti

Le operazioni di tropicalizzazione sono consistite nel miglioramento della la capacità di raffreddamento che permetterà alla fregata Amundesen di navigare in condizioni di temperatura ed in acque molto più calde rispetto a quelle riscontrabili normalmente nel Mare del Nord e bacini limitrofi.

In particolare sono stati sostituiti tre impianti frigoriferi ed è stato potenziato il raffreddamento dell’aria nelle sale macchine. L’installazione di queste nuove apparecchiature ha portato anche al cambio di tubazioni, condutture, cablaggi e quadri elettrici che hanno reso questo programma una grande sfida sia per lo sviluppo di tutta l’ingegneria necessaria, sia per l’esecuzione dei lavori, sia smantellamento che installazione, che avverrà tra Ferrol e la Norvegia.

La progettazione con nuovi strumenti informatici

Un’altra grande sfida posta da questo programma è rappresentata dalla piattaforma su cui è stata sviluppata tutta l’opera d’ingegneria. Infatti, il progetto F310 a suo tempo è stato sviluppato con strumenti informatici ormai non più operativi; pertanto, per rispondere alle richieste ed alle esigenze di ammodernamento delle fregate classe Nansen, si è deciso di sviluppare il programma già in Siemens NX per allinearlo con la nuova piattaforma digitale messa a punto da Navantia. Pertanto, i modelli sviluppati in 3D dei blocchi necessari sono stati migrati nel nuovo programma informatico e le relative opere di ingegneria edile sono state così sviluppate.

Il caso della F313 Helge Ingstad

Come noto delle cinque fregate F310 Nansen in origine costruite e consegnate alla Reale Marina Norvegese, ne rimangono in servizio quattro, a causa del naufragio della fregata F313 Helge Ingstad, a seguito di collisione con una petroliera maltese.

Infatti, l’otto novembre 2018 la detta fregata a seguito del impatto, avendo riportato estesi danni, era stata portata ad arenarsi, per evitarne l’affondamento completo. Peraltro, l’opera di recupero e di ripristino dell’unità sin da subito si presentava complessa e di dubbia riuscita; pertanto, al termine delle ispezioni eseguite sulla parte sommersa della nave, e conclusa l’analisi dei costi e benefici del eventuale recupero e ripristino, la Reale Marina Norvegese nel gennaio del 2021 ha disposto la radiazione e la vendita per demolizione del relitto della F313 Helge Ingstad.

Fonte Navantia

Ultime notizie

“Da 60 anni la Pattuglia Acrobatica Nazionale – la nostra PAN – rappresenta a livello internazionale un vero e...
Nel corso del evento DSEI 2021 a Londra, Leonardo ha annunciato che, durante lo scorso mese di luglio, presso...
L'Aeronautica Indiana secondo i media locali avrebbe siglato un contratto del valore di ventisette milioni di euro per l'acquisto...
La Bundeswehr ha assegnato a Rheinmetall un contratto quadro come parte del suo progetto "Deployed Operations Support". L'accordo è stato...

Da leggere

Enhanced Night Vision Goggle-Binocular per l’US Army

L'US Army ha assegnato a L3Harris Technologies un ordine...

Leonardo impiegherà un Boeing 757 per testare le tecnologie del Tempest

2Excel, società con sede nel Regno Unito che opera...