sabato, Ottobre 23, 2021

La riforma del Corpo dei Marines (USMC) e le sue conseguenze

-

Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti (USMC) sta subendo una serie di riforme complete alla sua struttura di forza, equipaggiamento e dottrina. Queste riforme sono orientate a contrastare la Cina nel Pacifico occidentale. Il generale Berger, comandante dell’USMC, ha proposto piani per il Corpo che suggeriscono un profondo cambiamento nella prospettiva strategica degli Stati Uniti con implicazioni significative per la NATO e l’Europa.

I piani del generale Berger di ristrutturare il Corpo dei Marines degli Stati Uniti includono l’eliminazione dei carri armati, il taglio di 12.000 uomini e possibili riduzioni agli ordini di F-35. Sebbene questi piani si basino su anni di wargames, come per qualsiasi riforma su questa scala, c’è una certa quantità di rischio strategico per la NATO e l’Europa.

M1A1 Abrams

Secondo Force Design 2030, l’USMC prevede di progettare e costruire una forza ottimizzata per combattere la Cina. Questa non è una grande sorpresa ed il Pentagono ha visto la Cina come la sua “minaccia” per anni. La Casa Bianca crede che la grande competizione di potere sia tornata. L’opinione dell’establishment della difesa degli Stati Uniti è che un conflitto con la Cina metterebbe alla prova le forze armate statunitensi in modi che non si facevano dalla fine della guerra fredda.

AAV-7 (Assault Amphibious Vehicle)

In particolare, le capacità cinesi minacciano la superiorità aerea e marittima statunitense più vicina alla Cina continentale. I suoi missili balistici e da crociera a lungo raggio minacciano le basi aeree americane in Giappone, mentre i missili anti-nave ed una flotta sottomarina in crescita rappresentano una sfida credibile per i Carrier Strike Groups statunitensi. Dall’inizio degli anni ’90, la pianificazione del Comando del Corpo dei Marines è stata dominata dalla task force aria-terra dei Marines (Marine air-ground task force – MAGTF).

LAV-25 (Light Armoured Vehicle)

Questi sono gruppi di forze combinate rapidamente dispiegabili che contengono risorse organiche di supporto di terra, aria e combattimento. Questa organizzazione di forze assume sia la superiorità marittima, al fine di portare il MAGTF sul teatro delle operazioni, sia la superiorità aerea all’arrivo (poiché hanno risorse di difesa aerea limitate a terra). La guida alla pianificazione del generale Berger suggerisce che il Corpo dei Marines non può più fare affidamento su questi presupposti e, come attualmente configurato, è improbabile che i MAGTF siano competitivi contro la minaccia posta dall’esercito cinese.

La minaccia

Da quando è salito al potere nel 2012, il segretario generale del Partito comunista cinese, Xi Jinping, ha posto una maggiore enfasi sulla Marina dell’Esercito popolare di liberazione (PLAN). La quota del bilancio della difesa cinese è stato aumentato dell’82% tra il 2015-2021. Questo aumento del budget si è rapidamente tradotto in un fatto: dal 2014 la Cina ha varato più navi da guerra, sottomarini, navi di supporto e grandi navi anfibie (in tonnellaggio totale) rispetto all’intera flotta di superficie della Royal Navy. Inoltre, la capacità di concentrare le forze, supponendo che le ambizioni militari della Cina siano limitate ai suoi mari vicini, significa che le responsabilità globali della Marina degli Stati Uniti rischiano di spargersi contro un avversario che può concentrare la massa più vicino alle coste nazionali.

Le proiezioni del Pentagono per l’equilibrio del potere militare nell’Indo-Pacifico nel 2025.

È chiaro a tutti che la superiorità marittima della Marina degli Stati Uniti nel Pacifico occidentale viene erosa dalle armi anti-aree e di negazione dell’accesso (access denial – missili anti nave) della Cina, dalla sua grande flotta sottomarina, dalla milizia marittima e da un sistema di difesa aerea integrato in miglioramento. In un confronto con la Cina, la missione della Marina degli Stati Uniti cambia, dal suo ruolo tradizionale di proiezione di potenza al mantenimento della “presenza navale avanzata” e del controllo del mare.

L’opinione del generale Berger è che le armi a distanza della Cina terranno a distanza le navi della Marina degli Stati Uniti. L’USMC sarà quindi utilizzato come forza “stand-in” per condurre operazioni in mare e di “area denial” più vicine alla terraferma cinese. Il piano della US Navy su come integrare e utilizzare questa nuova forza USMC non è ancora chiaro. Le crescenti capacità della Cina, tuttavia, suggeriscono che se la Marina degli Stati Uniti vuole riprendere il controllo dei mari, avrà bisogno dell’aiuto del Corpo dei Marines

Cina “area denial”

L’idea

Per anni l’obiettivo organizzativo e concettuale degli USMC è stato, per necessità, sulle missioni di contro-insurrezione e stabilizzazione in Iraq e Afghanistan. Il suo ruolo centrale storico, a supporto della missione di controllo del mare della Marina degli Stati Uniti, è passato in secondo piano.

Il generale Berger, crede che questo deve cambiare, per cui ha intenzione di ri-orientare gli sforzi del Corpo dei Marines sulla costruzione di una forza “ottimizzata per la guerra di spedizione navale in spazi contesi”. Costruire una tale forza richiederà sia una revisione dell’equipaggiamento e del design della forza dell’USMC, sia una riscrittura della sua dottrina e dei concetti operativi dando priorità alla portata operativa e alla mobilità strategica.

L’opinione nel quartier generale del Corpo dei Marines è che l’infrastruttura fissa e le linee di rifornimento estese dimostreranno delle responsabilità durante i combattimenti nel Pacifico. Berger è pronto a scambiare protezione con resistenza e autonomia. In linea con queste priorità di forza, i carri armati del Corpo dei Marines, sette compagnie di M1A1 Abrams, sono state sciolte ed i mezzi passati ai depositi della Guardia Nazionale[1].

M142 High Mobility Artillery Rocket System (HIMARS)

Sono stati tagliati anche tre battaglioni di fanteria, consentendo ai pianificatori di ridurre le risorse di supporto come elicotteri e di artiglieria. I risparmi sui costi saranno spesi per sistemi missilistici per la difesa aerea, di precisione a lungo raggio e antinave; L’USMC vuole aumentare il numero di batterie per razzi HIMARS da 7 a 21. Sarà anche data la priorità agli investimenti in capacità autonome come i sistemi aerei senza pilota (UAS).

AAI RQ-7 Shadow unmanned aerial vehicle (UAV)
ACV-30 (Amphibious Combat Vehicle)

Questo investimento pianificato consentirà all’USMC di minacciare le linee di comunicazione marittime cinesi posizionando task forces dotate di sistemi a lungo raggio all’interno della loro bolla “anti-access/area denial”  e di vincere nella ricognizione impiegando sistemi senza equipaggio in grado di “localizzare, mirare e far sparare esattamente per primo.”

ACV-APV (Amphibious Combat Vehicles-Armoured Personnel Carriers)

Il rapido miglioramento delle capacità cinesi significa anche che i concetti operativi del Corpo dei Marines, rivisti per l’Iraq e l’Afghanistan, sono obsoleti. Sebbene il generale Berger intenda basarsi su concetti esistenti come Expeditionary Advanced Based Operations (EABO), i suoi wargames dimostrano che l’arsenale cinese di armi a lungo raggio escludono la possibilità di condurre gli assalti anfibi. Un missile da crociera in grado di colpire navi fino a 250 miglia di distanza imporrebbe perdite insostenibili a una flotta da sbarco e le reti di difesa aerea stratificate significano che la Cina può contestare in modo affidabile lo spazio aereo. Senza la superiorità aerea locale, gli Stati Uniti non riuscirebbero a soddisfare i propri criteri per un assalto anfibio di successo, come stabilito nella loro attuale dottrina.

Per soddisfare questo intento, le capacità tradizionali, come l’artiglieria, dovranno reinventarsi in linea con questo cambiamento. Le batterie di artiglieria non esisteranno più esclusivamente per consentire le manovre a terra, ma dovranno anche essere rilevanti per il comandante della flotta. Ciò significa estendere la loro portata ed essere in grado di lanciare missili antinave. Se il Corpo dei Marines deve fornire il controllo del mare e negare le aree marittime al PLAN, allora i sistemi missilistici a terra delle unità di artiglieria Marine devono minacciare in modo credibile le navi del PLAN.

M777A2 155 mm TH

Questi cambiamenti sono una preoccupazione per l’esercito degli Stati Uniti, che ritiene che la ristrutturazione del Corpo dei Marines lo renderà dipendente da loro in alcuni scenari. Ad esempio, se gli Stati Uniti si trovassero in futuro in uno scenario simile all’Iraq, è improbabile che il Corpo dei Marines disponga di tutte le risorse organiche di cui ha bisogno. A tal scopo, i pianificatori dell’esercito, dovranno pensare, quando richiesto, a supportare e rinforzare le unità del Corpo dei Marines con mezzi corazzati.

NATO ed Europa

Sebbene le riforme del Corpo dei Marines avranno conseguenze significative per tutti i servizi statunitensi, la NATO e l’Europa non dovrebbero presumere che i suoi impatti saranno limitati alle forze armate statunitensi. Le riforme del generale Berger forniscono anche una panoramica del pensiero strategico degli Stati Uniti.

LCAC (Landing Craft Air Cushion) e M1A1 Abrams, un binomio sparito….

Le ultime linee guida per la pianificazione del Corpo dei Marines derivano dall’NDS 2018. La strategia sostiene che l’era della grande potenza, o “strategica interstatale”, è tornata e, come implicato dai piani del generale Berger, che il Dipartimento della Difesa non è pronto. Questo drastico cambiamento di prospettiva strategica ha portato ad un ripristino istituzionale e burocratico ed a una rivalutazione delle priorità dopo anni di operazioni antiterrorismo e contro insurrezione in Medio Oriente.

Le ipotesi di pianificazione della NATO e dell’Europa sono state tipicamente basate sulla convinzione che gli Stati Uniti fossero disposti e capaci di combattere due guerre contemporaneamente. Tuttavia, tendenze strategiche come budget per la difesa più ridotti e volontà politica ridotta suggeriscono che questa ipotesi è ora meno valida. Anche le minacce si sono evolute; La Cina ha eroso il vantaggio militare degli Stati Uniti nel Pacifico occidentale, mentre le operazioni nella “zona grigia” della Russia in Ucraina e Georgia hanno messo in luce le lacune nella NATO. E Berger non è interessato ad impiegare le sue forze in operazioni urbane o guerre artiche.

M1A1 in azione in Iraq
Marines in addestramento in Norvegia

Se la Russia dovesse invadere una potenza della NATO nell’Europa orientale, per quanto improbabile, i pianificatori europei potrebbero mettere in dubbio l’utilità dei rinforzi del Corpo dei Marines se arrivano senza mezzi corazzati. Se l’esercito degli Stati Uniti non è in grado di colmare il vuoto, si teme che la più ampia posizione di deterrenza della NATO possa essere minata.

USMC prepositioned vehicles in Norvegia-ora ritirati

Inoltre, in un momento in cui i budget della difesa sono vulnerabili a ulteriori tagli, sembra inverosimile che gli eserciti europei saranno in grado di compensare la carenza di mezzi corazzati. Il Regno Unito, ad esempio, sta riformando l’esercito britannico in uno strumento più leggero, ideale per rapidi schieramenti alla periferia dell’Europa ed in risposta a crisi di scala più limitata. Ciò ha portato a ulteriori riduzioni del numero di carri armati Challenger 2.

È anche possibile che questo cambiamento nella prospettiva strategica degli Stati Uniti, in discussione dal 2012 ma accelerato dal presidente Trump, incoraggerà la Russia lungo la periferia orientale dell’Europa. Man mano che gli Stati Uniti si concentrano sempre più sulla Cina, ciò potrebbe fornire alla Russia una finestra di opportunità per modificare lo status quo a suo favore. Se la Russia valuta che gli Stati Uniti non hanno né riserve sufficienti né il necessario passaggio strategico (navi da trasporto e aerei) per operare contemporaneamente in due teatri, allora il presidente Putin potrebbe decidere di spingere nell’Europa orientale. Questo non sembrerà un attacco convenzionale, ma più come le sue operazioni in Ucraina nell’annessione della penisola di Crimea nel 2014.

Per contrastare ciò, gli Stati Uniti possono fare affidamento sulla prospettiva di una rapida e decisiva vittoria nel Pacifico per dissuadere le potenze regionali revisioniste, come Russia e Iran, dal cercare di promuovere i propri interessi. Tuttavia, questo sembra poco plausibile e il Corpo dei Marines non sembra sicuro di una rapida vittoria nel Pacifico e che “non si possa evitare l’attrito”. Per la NATO e l’Europa, questo suggerisce quindi che gli Stati Uniti faranno sempre più affidamento sui propri alleati regionali per proteggere il proprio cortile. Ciò richiederà i necessari adeguamenti nella spesa per la difesa e nella pianificazione delle forze tra le potenze europee. L’alternativa è che gli Stati Uniti facciano concessioni alla Russia per garantire le proprie ambizioni strategiche nel Pacifico

Note

  1. L’USMC sembra interessata ad una risposta plausibile adatta al concetto di Force Design 2030, il programma di carri armati leggeri Mobile Protected Firepower (MPF) di produzione nazionale, due contendenti di carri armati in competizione armati con un cannone da 105 mm, potrebbero essere sufficientemente leggeri da portare avanti il veloce LCAC e SSC della Marina hovercraft. Il sistema di armi corazzate M8 di BAE System e il “Griffin” di General Dynamics Land Systems pesano circa 30-35 tonnellate con armatura aggiuntiva.

Fonti

Ultime notizie

Il Ministero della Difesa di Oslo ha decretato di ritirare dalla linea operativa tutti i caccia bombardieri Lockheed Martin...
Festa dei Paracadutisti, Sottosegretario Pucciarelli: specialità altamente competente ed affidabile anche nelle situazioni più critiche.“Nell’odierna ricorrenza che segna l’inizio...
23 ottobre 2021: i paracadutisti celebrano oggi il 79° anniversario della battaglia di El AlameinNell’ottobre del 1942,...
La Royal Navy ha testato con successo un nuovo sistema missilistico progettato per proteggere le nuove portaerei britanniche dagli...

Da leggere

Valutazione dell’IVECO Guarani in Argentina – Il punto di vista di chi c’era

Dalla metà degli anni 2010, l'Esercito argentino (EA) ha...

Ammodernamento e potenziamento delle fregate francesi classe La Fayette

La Marine Nationale ha in corso il programma di...