sabato, Ottobre 23, 2021

La rivoluzione dell’artiglieria russa

-

L’artiglieria russa sta andando incontro ad una pesante trasformazione. Oltre alla progettazione di nuove armi ed al potenziamento di quelle disponibili, vengono sviluppate e redatta nuove Tabelle Organiche per i battaglioni, reggimenti e brigate d’artiglieria che prevedono un movimento verso il basso di sistemi d’arma sin’ora tenuti accentrati a livelli superiori.

Secondo i nuovi lineamenti dottrinali, le unità di artiglieria, oltre a ricevere i più recenti semoventi Koalitsiya-SV 2S35 e MRLS Uragan-M1, stanno:

  • reimmettendo in servizio i cannoni semoventi a lungo raggio Pion 2S7 ed i mortai super pesanti 2S4 Tyulpan;
  • aggiornando Acacia 2S1, Gvozdika 2S3, Uragan e Grad MLRS al fine di permettergli automatismi che evitino il calcolo manuale dei dati di tiro, alzare l’arma all’angolazione necessaria, calcolare il consumo di munizioni, ecc.
  • ricevendo moderne stazioni radio, terminali di controllo-gestione dati automatici e droni da ricognizioni;
  • aumentando le scorte di 2K25 Krasnopol, proiettile d’artiglieria a guida laser in calibro 152 mm, con la ripresa della produzione ferma da metà degli anni ’90.  

Una vera rivoluzione

La linea guida principale di questa “rivoluzione” è la massima integrazione dell’artiglieria nel cosiddetto spazio di informazioni singole. In altre parole, i lanciarazzi e l’artiglieria devono essere in grado di ottenere informazioni sui bersagli per distruggerli in tempo reale.

La prima fase di questa “rivoluzione”, cioè ottenere informazioni sui bersagli in tempo reale, è stato realizzato con l’introduzione dei droni alle unità di prima linea. Sono state potenziate le unità di guerra elettronica, usando il sistema di ricognizione-controllo-gestione dati automatici e comunicazione Strelets. Tale sistema è stato già usato con successo in Siria – reconnaissance-strike forces (RUK).

Il comando di livello superiore riceve, processa e distribuisce gli obiettivi tra le unità di artiglieria (artillery tasking). Prende in considerazione numerosi fattori, a partire dalla situazione tattica e operativa sul campo di battaglia fino al numero di munizioni di artiglieria disponibili ed al tempo. L’artiglieria in posizione, dotata degli ultimi semoventi Koalitsia-SV, Msta-S 2S19M2 152mm, come dei lanciarazzi Tornado-S e Uragan-M1 MLRS, ricevute le coordinate del bersaglio ed il quantitativo di munizioni da impiegare lo ingaggiano per distruggerlo.

Tra le novità introdotte è la consegna di batterie di Uragan M-1 ai reggimenti di artiglieria delle Divisioni Motorizzate e Carri che fino a poco tempo fa, era dotazione delle sole brigate di artiglieria. L’Uragan “decentrato” rafforzerà la potenza di fuoco delle divisioni. Koalitsia-SV e 2S19M2 Msta-S sostituiranno gradualmente le vecchie ma potenziate 2S19 Msta-S nelle brigate di artiglieria. Questi ultimi non saranno ritirati ma ridistribuiti a battaglioni di artiglieria e reggimenti di brigate di armi combinate, nonché a battaglioni di artiglieria delle brigate motorizzate e carri.

L’esperienza di combattimento siriana ha confermato l’elevata efficacia dell’artiglieria a traino meccanico. Batterie e battaglioni di obici a t.m. D-30 e Msta-B 2A65 possono marciare per centinaia di chilometri al contrario dei mezzi semoventi cingolati, pertanto, le forze di terra manterranno le brigate di artiglieria armate di Msta-B 2A65.  La Siria ha dato una seconda vita ai D-30 da 122 mm che probabilmente torneranno in auge nel prossimo futuro.

Ultime notizie

La Royal Navy ha testato con successo un nuovo sistema missilistico progettato per proteggere le nuove portaerei britanniche dagli...
Giovedì 28 ottobre, alle ore 18.30, a bordo della portaerei Cavour ormeggiata nel porto di Civitavecchia, le capacità della...
Il Generale di Brigata Beniamino Vergori cede il comando della Brigata Paracadutisti “Folgore” al fratello parigrado Roberto.Pisa, 22 ottobre...
L’elicottero a pilotaggio remoto AWHero ha ottenuto la certificazione militare basica dalla DAAA (Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità). L’importante...

Da leggere

Via libera alla demolizione del ex base di Cima Grappa, l’intervento del Sottosegretario Pucciarelli

“Si è concluso in questi giorni l’articolato e complesso...

La Difesa statunitense vuole abbassare i costi dei missili ipersonici

Il Pentagono vuole che il costo finale delle nuove...