fbpx

La Royal Navy acquista una “nave madre” per supportare le operazioni di caccia alla mine

Il Ministero della Difesa del Regno Unito (UK MoD) ha provveduto ad acquistatre sul mercato commerciale una nave specializzata destinata a supportare le operazioni di caccia alle mine.

Tale unità ricoprirà il compito di una nave madre per lanciare droni destinati alla ricerca ed alla distruzione di ordigni sottomarini.

La MV Island Crown, destinata ad essere rinominata, per eseguire la missione assegnata sarà sottoposta a Plymouth a lavori minimi di conversione operativa prima di entrare in servizio con la Royal Fleet Auxilary.

Costruita nel 2013 da Vard Braila (Romania), questa nave ha una lunghezza di 96,8 metri, larghezza di 20 metri, pescaggio di 5,6 metri, di stazza lorda di 5840 tonnellate e con una capacità di carico di 4600 t DWT. La velocità massima raggiungibile è di 14,4 nodi mentre quella media di crociera è di 7,5 nodi.

La nave sarà utilizzata per estendere la portata dei sistemi autonomi marittimi in dotazione alla Royal Navy per la conduzione di operazioni di rilevamento offshore in difesa delle acque del Regno Unito.

I sistemi senza equipaggio previsti includeranno il sistema congiunto franco-britannico Maritime Mine Counter Measures (MMCM), il sistema Combined Influence Sweep (SWEEP) ed i veicoli autonomi subacquei medi (MAUV).

L’acquisto della nave da 40 milioni di sterline è stato effettuato da Defence Equipment and Support (DE&S), il ramo acquisti del UK MoD.

La nave, dopo i lavori di modifica, dovrebbe entrare in servizio nella primavera del 2023.

Insieme alla Topaz Tangaroa appena acquistata e con un’altra unità da costruire appositamente, queste “nuove” navi rappresentano la fattiva e pronta risposta del Ministero della Difesa del Regno Unito (UK MoD) e della Royal Navy alle minacce portate alle infrastrutture sottomarine (cavi e pipeline) ed alla libera navigazione (mine e nuovi sistemi d’arma a pilotaggio remoto).

Queste navi opereranno con sistemi robotici a controllo remoto o gestite dall’Intelligenza Artificiale in grado di lavorare anche a quote profonde che permetteranno di teneri indenni gli operatori da eventuali problematiche.

La MV Island Crown, prossimamente ribattezzata, sarà in grado di gestire sistemi di contromisure mine a pilotaggio remoto che possono operare in acque costiere.

Fonte e foto Royal Navy

Articolo precedente

Altri missili Javelin per la Polonia

Prossimo articolo

La Jacques Chevallier inizia le prove in mare in vista della qualificazione

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie