mercoledì, Gennaio 19, 2022

La Serbia immette in servizio i T-72B1MS “White Eagle”

-

I primi due T-72B1MS sono arrivati ​​all’aeroporto di Batajnica a bordo degli aerei IL-76 nei primi giorni del mese dello scorso ottobre. Successivamente, sono continuate le consegne dei nuovi carri armati che andranno ad affiancarsi agli M-84 ammodernati, per potenziare la componente corazzata dell’Esercito Serbo. La Serbia ha ordinato trenta T-72B1MS.

Il “White Eagle” è armato con il cannone ad anima liscia 2A46M calibro 125 mm asservito ad un sistema di caricamento automatico. L’armamento è completato da una mitragliatrice da 12,7 mm posizionata in una stazione a controllo remoto (RWS) posta sul cielo della torretta, nonché da una mitragliatrice calibro 7,62 coassiale all’arma principale.

Il White Eagle è dotato di un moderno sistema automatico di controllo del fuoco e identificazione del bersaglio, nonché di un sistema di protezione attiva (APS) e di contromisure elettroniche per la difesa da IED e missili. Il carro adotta gli elementi di corazza reattiva”Kontakt-1″ per aumentare la protezione da lanciarazzi e missili con testate perforanti/esplosive in tandem.

Le proprietà meccaniche del carro armato sono le stesse del normale T-72B1, con lo stesso motore, arma, corazza e pacchetto ERA K-1. Peraltro, rispetto al T-72B1 l’elettronica è stata notevolmente migliorata, inclusa una telecamera anteriore e posteriore per il conducente, un display digitale del conducente, l’adozione disistema di navigazione GPS / GLONASS, mirino termico panoramico di terza generazione “Eagle’s Eye” per il comandante del carro armato montato sul lato posteriore sinistro della torretta, il mirino termico Sosna -U per il mitragliere, sistema di gestione del telaio.

La Serbia ha avviato un programma di ammodernamento dell’Esercito nel 2018 e ha acquistato diversi sistemi dalla Russia tra cui quattro elicotteri da combattimento Mi-35M, 3 elicotteri da trasporto M-17V-5, sei caccia bombardieri MiG-29 rigenerati, 10 veicoli blindati, BRDM-2 e sistemi di difesa aerea Pantsir-S1.

Peraltro, Belgrado si è rivolta anche a Pechino acquistando sei droni d’attacco CH-92A che impiegano munizionamento per attacchi di precisione ed è in trattativa per acquistare anche sistemi missilistici antiaerei a lungo raggio FK-3 (equivalenti ai russi S-300).

Foto Ministero della Difesa della Repubblica di Serbia

Ultime notizie

La Royal Australian Air Force (RAAF) ha ricevuto la prima testata BLU-111 (AUS) B/B prodotta in Australia per le Guided...
La fregata FREMM Carlo Margottini della Marina Militare ha eseguito manovre navali insieme alle unità della Sesta Flotta dell'U.S....
Il Lockheed Martin Sikorsky-Boeing SB>1 DEFIANT ha completato con successo i voli di prova del profilo di missione FLRAA...
Le rotte seguite dagli aerei in Europa stanno diventando di giorno in giorno sempre più interessanti da analizzare.A causa...

Da leggere

Nave spia per la Turkish Intelligence Organization

La National Intelligence Organization (MIT) della Turchia ha ricevuto...

Italia e Stati Uniti piantano alberi a Gibuti

Il 7 gennaio 2022, militari italiani e statunitensi hanno...