fbpx

La Slovenia acquista IRIS-T SLM da Diehl Defence nell’ambito dell’ESSI

Nell’ambito dell’iniziativa europea Sky Shield (ESSI), Diehl Defense il 25 gennaio ha firmato un contratto di acquisto per l’acquisto del sistema di difesa aerea a medio raggio IRIS-T SLM con l’Ufficio federale tedesco per le attrezzature, la tecnologia dell’informazione ed il supporto in servizio della Bundeswehr (BAAINBw).

Annette Lehnigk-Emden, Presidente del BAAINBw, ha concordato con Helmut Rauch, Direttore di Diehl Defence, su mandato e con procura della Repubblica di Slovenia, l’acquisto del sistema di difesa aerea terrestre per il Paese partner europeo della NATO. L’ordine di acquisto comprende una batteria, composta dai componenti radar, centro operativo tattico e quattro lanciamissili, nonché missili guidati IRIS-T SL e supporto logistico.

L’European Sky Shield Initiative (ESSI)

L’European Sky Shield Initiative (ESSI) è un progetto che mira a stabilire e rafforzare la difesa aerea terrestre integrata europea, avviato dalla Germania nell’agosto 2022. Gli obiettivi di ESSI sono migliorare l’interoperabilità delle nazioni con la NATO e creare sinergie attraverso appalti congiunti. Finora 19 Stati europei hanno dichiarato la loro intenzione di aderire al progetto, tra cui Austria e Svizzera oltre a 17 Paesi della NATO. Altri Paesi hanno espresso il loro interesse.

Dopo Germania, Estonia e Lettonia, la Slovenia è la quarta nazione ESSI a firmare un contratto con Diehl Defense sui sistemi IRIS-T SLM.

Il programma sloveno

La Slovenia, per la prima volta, ha potuto avvalersi di un contratto standardizzato per gli appalti ESSI. Facilita futuri effetti sinergici e consente un rapido processo di approvvigionamento da cui trarranno beneficio non solo altri clienti ESSI, ma anche l’industria.

Per garantire una consegna sincronizzata dell’IRIS-T SLM ai Paesi ESSI, Diehl Defense ha distribuito gli slot di produzione ai Paesi interessati in modo tale che il sistema possa essere consegnato a tempo debito anche alla Slovenia.

Con questo acquisto la Slovenia rafforza la difesa aerea del suo Paese e per la prima volta possiede capacità di difesa aerea nel medio raggio. È previsto l’acquisto di ulteriori sistemi.

Il sistema IRIS-T SLM

All’interno della gamma di prodotti Diehl Defense, IRIS-T SLM è progettato per contrastare le minacce poste da aerei, elicotteri, missili da crociera e droni nemici ad una distanza massima di 40 km e ad un’altitudine massima di 20 km. Una batteria IRIS-T SLM è composta dai componenti lanciamissili, radar e centro operativo tattico. È completato da elementi di supporto come officina, pezzi di ricambio e veicoli di ricarica. Il sistema è caratterizzato dalla sua elevata mobilità tattica, dispiegabilità dei lanciamissili e impegno su bersagli multipli con un basso fabbisogno di personale.

Il sistema di difesa aerea IRIS-T SLM convince con le sue eccellenti prestazioni nell’uso operativo in Ucraina. Secondo il cliente il sistema ha raggiunto una percentuale di successo molto elevata anche durante ondate di attacchi con più di 12 bersagli.

Inoltre, IRIS-T SLM rappresenta il nucleo del nuovo “Sistema di difesa aerea a corto e brevissimo raggio” (NNbS) e si sta completando con capacità di corto raggio all’interno del NNbS.

A proposito di Diehl Defence

In qualità di partner affidabile delle Forze Armate Tedesche (Bundeswehr) ed internazionali, Diehl Defence è un’azienda leader nel settore dei sistemi di difesa aerea. Il portafoglio prodotti dell’azienda con sede a Überlingen (Germania) comprende oltre ai sistemi per la difesa aerea a terra anche missili guidati per tutti i rami dell’Esercito, munizioni per l’Esercito, l’Aeronautica e la Marina nonché sistemi di protezione. Inoltre, Diehl Defence sviluppa e produce componenti chiave come moduli ad infrarossi, spolette e batterie speciali. Diehl Defence impiega attualmente circa 3.700 dipendenti con un fatturato annuo di oltre 1,2 miliardi di euro.

Fonte ed immagine comunicato @Diehl Defence

Articolo precedente

Airbus collabora con Tata Group per realizzare la prima linea di assemblaggio finale di elicotteri in India nel settore privato

Prossimo articolo

Il GCAP tra avvio e possibilità di allargamento ad altri Paesi

Ultime notizie