fbpx

La Slovenia trasferisce alla Ucraina 28 carri armati M-55 S1 e la Germania altri 4 semoventi PzH-2000

La Slovenia ha deciso di trasferire alla Ucraina 28 carri armati M-55 S1.

L’M-55 S1 è una profonda rivisitazione del carro armato sovietico T-55; nella versione slovena sono stati installati il cannone britannico L7 da 105 mm, la protezione aggiuntiva esterna ERA israeliana, un nuovo motore, nuovi sistemi computerizzati di controllo del fuoco e una serie di ulteriori miglioramenti.

La Germania fornirà in cambio alla Slovenia 35 camion ad alta mobilità MAN HX 8X8 e cinque cisterne per acqua anche esse sullo stesso telaio 8×8.

Da parte sua, la Germania cederà all’Ucraina un’altra batteria di semoventi d’artiglieria pesante PzH-2000, quattro esemplari con dotazione di munizionamento.

La Germania ha curato la fase iniziale dell’addestramento degli artiglieri ucraini destinati ad operare con i PzH-2000.

In totale l’Ucraina disporrà di 22 PzH-2000 ceduti dalla Germania (14) e Paesi Bassi (8) mentre la Lituania curerà la manutenzione di questi potenti semoventi d’artiglieria pesante.

Il PzH-2000 è dotato di sistema di caricamento automatico ed un alto livello di automazione di tutti i sistemi; è armato con cannone da 155/52 mm con una dotazione 60 proiettili di artiglieria e 228 cariche in grado di tirare a 30 km con il munizionamento ordinario.

Pochi giorni fa, il Governo Tedesco ha annunciato il prossimo trasferimento all’Ucraina di una coppia di MLRS M270 MARS II che si andranno ad aggiungere ai primi tre esemplari annunciati ad agosto scorso.

Articolo precedente

La Svizzera firma il contratto di acquisto degli F-35A

Prossimo articolo

L3Harris ed Embraer svilupperanno nuove capacità di rifornimento per il KC-390 Millenium proposto all’USAF

1 Comment

  1. Quando la… entra nel ventilatore tutto fa brodo, anche i pezzi da museo (T55).
    Spero solo che i semoventi non vengano scassati troppo presto.
    Detto tra noi putin mi ricorda sempre più baffino verso il finire della guerra, brrr.
    Già ci toccherà passare l’inverno al freddo, speriamo almeno di non diventare tutti fosforescenti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie