venerdì, Luglio 23, 2021

Approvato l’ampliamento della Stazione Navale Mar Grande di Taranto

-

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe), presieduto dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Prof. Avv. Giuseppe Conte, ha approvato nella giornata di ieri il progetto di ampliamento della Stazione Navale Mar Grande di Taranto.

Inaugurata a Taranto la nuova Stazione Navale - Marina Militare
Foto Marina Militare

Gli importi previsti

L’intervento complessivo previsto sarà pari a circa 203 milioni di euro, di cui 191 milioni destinati all’ammodernamento della base navale e gli altri 11, 6 milioni serviranno per la riqualificazione dell’area Chiapparo.

I primi 79 milioni che coprono il primo lotto di lavori, rientrano nella programmazione residua Fsc 2014-2020. L’investimento nella sua complessità produrrà sull’economia locale benefici diretti e indotti nonché è previsto un aumento dell’occupazione per tutta la durata dei lavori.

I lavori previsti e la dismissione della ex Stazione Torpediniere di Mar Piccolo

Il progetto di ampliamento della Stazione Navale Mar Grande prevede la costruzione di una importante infrastruttura portuale adeguata alle necessità d’ormeggio e di impiego delle nuove unità navali maggiori, le cui dimensioni sono aumentate rispetto alle navi costruite tra gli anni settanta e novanta del passato secolo. In particolare, sarà oggetto di ampliamento il molo Rotundi così come sarà riqualificata l’area Chaipparo, per rendere possibile il trasferimento presso la Stazione Navale Mar Grande delle attività oggi svolte presso l’ex Stazione Torpediniere in Mar Piccolo.

Contestualmente all’adeguamento della Stazione Navale Mar Grande, saranno liberate e cedute le aree dismesse di Mar Piccolo, rese libere per altri impieghi legati al turismo ed alle crociere.

I lavori già effettuati negli ultimi trent’anni

L’infrastruttura di Mar Grande nel corso dei decenni è stata oggetto di ampliamenti.

Infatti, la Stazione Navale, inaugurata nel 2004, sorge su un’area demaniale di circa 60 ettari, ed è stata realizzata in due grandi blocchi:

  • le opere a mare (darsena, moli, banchine, ecc.), che consentono l’ormeggio di circa 20 Unità Navali. Tali lavori, iniziati nel novembre 1989, terminarono nell’agosto del ’95;
  • le opere a terra, che assicurano il supporto logistico continuativo alle predette Unità. I lavori per dette opere, iniziati nell’aprile del 1997, furono conclusi nel 2003.

È stato, inoltre, realizzato un eliporto ed i collegamenti interni sono assicurati tramite una rete viaria, avente uno sviluppo di poco meno di 5 km.

Ultime notizie

Continua il percorso di successo di Elettronica nei programmi di Difesa Europea, iniziato nel 2017 con la partecipazione alle...
Il Ministro della Difesa del Regno Unito, Jeremy Quin, ha annunciato di aver esercitato l'opzione per ricevere tredici ulteriori...
Il programma per i nuovi sottomarini d'attacco a propulsione nucleare dell'U.S. Navy sta ancora muovendo i primi passi ma...
È stato firmato un contratto da 195 milioni di sterline per altri 13 velivoli Protector RG.1 all'avanguardia. Il Ministro della...

Da leggere

Sistema di comunicazione S-111 per il caccia Sukhoi Su-57

La holding Ruselectronics della società statale Rostec mostrerà al...

Rheinmetall presenta il primo concept della terza generazione del Future Soldier-Expanded System tedesco

Rheinmetall ha presentato alla Bundeswehr un primo concept completo...