fbpx
200604-N-QI093-1360 ATLANTIC OCEAN (June 4, 2020) The Ford-class aircraft carrier USS Gerald R. Ford (CVN 78) Transits the Atlantic Ocean, June 4, 2020. Gerald R. Ford and the Nimitz-class aircraft carrier USS Harry S. Truman (CVN 75) are marking the first time a Ford-class and a Nimitz-class aircraft carrier have operated together underway. Gerald R. Ford is underway conducting integrated air wing operations, and the Harry S. Truman Carrier Strike Group remains at sea in the Atlantic as a certified carrier strike group force ready for tasking in order to protect the crew from the risks posed by COVID-19, following their successful deployment to the U.S. 5th and 6th Fleet areas of operation. (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 2nd Class Ruben Reed/Released)

La USS Gerald R. Ford naviga sotto il comando NATO durante la esercitazione “Neptune Strike”

La USS Gerald R. Ford (CVN-78), la più recente portaerei della Marina degli Stati Uniti ed attualmente la più grande nave da guerra del mondo, sta navigando sotto il comando della NATO per il dispiegamento della esercitazione “Neptune Strike 2023-2”.

La USS Gerald R. Ford, la prima di una nuova classe di portaerei a propulsione nucleare, è arrivata nelle acque europee lo scorso maggio per il suo primo dispiegamento operativo. 

Dal 10 al 14 luglio la portaerei è dispiegata nel Mar Mediterraneo nell’ambito della esercitazione “Neptune Strike” e posta sotto il comando delle Naval Striking and Support Forces NATO (STRIKFORNATO). 

Lo schieramento offre alla nuova porterei l’opportunità di operare con altre navi alleate.

La USS Gerald R. Ford disloca oltre 100.000 tonnellate, ha una lunghezza di oltre 335 metri fuori tutto, larghezza al galleggiamento di 41 metri e totale di 78 metri. E’ spinta da due reattori nucleari A1B collegati a quattro assi/eliche che consentono alla portaerei di superare i 30 nodi di velocità massima. A bordo, a pieno regime compreso il personale addetto alle operazioni di volo, operano più di 4.500 uomini.

ll sensore principale della CVN-78 è costituito da un radar dual band formato da un MFR (Multi-Function Radar) AESA o active electronically scanned array AN/SPY-3 a banda X  e da un AESA AN/SPY-3 a banda S VSR (Volume Search Radar).

L’armamento di bordo consiste in due lanciatori ottupli per missili RIM-162 ESSM, 2 sistemi RIM-116 RAM a 21 celle, 3 CIWS Mk-15 Phalanx calibro 20 mm per la difesa ravvicinata ed antimissile e 4 mitragliatrici calibro 12,7 mm per la protezione da barchini ostili in avvicinamento.

La USS Gerald R. Ford è progettata per operare con uno Stormo aereo composito di 75 velivoli tra caccia bombardieri F/A-18 E/F Super Hornet, Advanced Super Hornet, F-35C, velivoli da guerra e soppressione elettronica EA-18G Growler, aerei da scoperta aerea avanzata ed allarme aereo precoce E-3D Advanced Hawkeye, aerei da trasporto e collegamento C-2 Greyhound, elicotteri SH-60 Seahawk, convertiplani CV-22B Osprey e UAV per rifornimento in volo/multiruolo MQ-25 Stingray.

Fonte NATO

Foto @US Navy/Mass Communication Specialist 2nd Class Ruben Reed

Articolo precedente

L’Australia invia altri trenta Bushmaster 4×4 in Ucraina ed un E-7 AEW&C in Germania

Prossimo articolo

NSPA ha pubblicato la prima Request for Proposal relativa la Next Generation Rotorcraft Capability (NGRC)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie