fbpx

L’A400M diventa “drone carrier” guardando all’FCAS

Bundeswehr, Airbus, il Centro aerospaziale tedesco DLR e le società tedesche SFL e Geradts hanno effettuato congiuntamente il primo lancio e operazione di successo al mondo di un dimostratore di test di volo Remote Carrier da un A400M in volo. 

Moltiplicare la forza ed estendere la gamma dei sistemi senza pilota sarà uno dei ruoli futuri degli aerei da trasporto militare di Airbus nel Future Combat Air System (FCAS).

“L’eccellente collaborazione con i nostri clienti e partner tedeschi sulla campagna A400M UAV Launcher è un’ulteriore prova di come lo sviluppo di FCAS porterà l’innovazione e le tecnologie a un livello superiore”, ha affermato Michael Schoellhorn, CEO di Airbus Defence and Space. “FCAS come sistema di sistemi sta iniziando a prendere forma ora.” 

Il dispositivo per il lancio di droni da un A400M è stato sviluppato in soli sei mesi. Per il volo di prova è stato caricato sulla rampa di un A400M della Bundeswehr, da cui è stato lanciato il dimostratore Remote Carrier, un drone Airbus Do-DT25 modificato. Dopo il rilascio, i motori del Do-DT25 sono stati avviati ed è proseguito in modalità di volo a motore. L’equipaggio a bordo dell’A400M ha quindi ceduto il controllo a un operatore a terra, che ha comandato e fatto atterrare in sicurezza il drone.

I droni saranno una componente importante di FCAS. Voleranno in stretta collaborazione con aerei con equipaggio e supporteranno i piloti nei loro compiti e missioni. Gli aerei da trasporto militare come l’A400M svolgeranno un ruolo importante: come navi madre, porteranno i Remote Carrier il più vicino possibile alle loro aree operative prima di rilasciare fino a 50 Remote Carrier piccoli o fino a 12 pesanti. Questi si uniranno poi agli aerei con equipaggio, operanti con un alto grado di automazione sebbene sempre sotto il controllo di un pilota.


Per preparare il lanciatore UAV A400M per la campagna di test, Airbus, il Bundeswehr Technical Center for Aircraft and Aeronautical Equipment (WTD 61), DLR, SFL e Geradts hanno applicato nuovi metodi di lavoro come la prototipazione rapida e un approccio congiunto ai test di volo. Ciò ha consentito al team multidisciplinare di sviluppare e integrare il sistema, portandolo nel necessario contesto di sistemi di sistemi in un tempo molto breve, pronto per i test di volo. Durante lo sviluppo, questa configurazione industriale flessibile e nuove modalità di lavoro collaborative sono state supportate dall’ufficio appalti tedesco, BAAINBw. 

Articolo precedente

Lanciato con successo il missile ipersonico ARRW

Prossimo articolo

Eurofighter del 37° Stormo precipita a circa 3 chilometri dall’Aeroporto di Trapani-Birgi

Latest from Blog

Ultime notizie