L’AEGIS in Romania fa la sua comparsa “al pubblico”

0
378
190809-N-AW818-889 NAVAL SUPPORT FACILITY DEVESELU, Romania (Aug. 9, 2019) Dark clouds gather before a summer rain storm over the U.S. Navy base in Romania, home to NATO's Aegis Ashore Ballistic Missile Defense System (AABMDS) site, after completing a long-planned systems update, Aug. 9, 2019. During the maintenance period, the U.S. fulfilled its commitment to NATO's Ballistic Missile Defense(BMD) by the temporary deployment of a Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) system to the Naval Support Facility in Deveselu, Romania. The deployment of the U.S. Army’s THAAD battery to Romania lasted about six weeks while Aegis Ashore software and other equipment was updated. In April, the task force deployed to NSFD where they integrated into the existing NATO BMD architecture during a period of routine maintenance and upgrade of the Aegis Ashore Missile Defense System located there. The THAAD system re-deployed back to the U.S. and NATO's Aegis Ashore has resumed full functionality and remains focused on potential threats from outside the Euro-Atlantic area. (U.S. Navy photo by Lt. Amy Forsythe/Released)
U.S. Navy Aegis Ashore base in Romania hosts NATO country Ambassadors

Il sistema “AEGIS Ashore” di Deveselu, 180 km a ovest di Bucarest, ha aperto le porte a diverse delegazioni civili. Il Ministro della Difesa, Nicolea Ciuca, ha affermato che l’iniziativa “trasparente” è frutto della volontà di dimostrare che si tratta di un sistema con una natura “puramente difensiva”.

Prima del summit di Londra della NATO, previsto per il 3/4 dicembre, la “Base Militare 99” è stata quindi oggetto di visita da un gruppo di giornalisti e ambasciatori di 20 paesi dell’Alleanza Atlantica.

La Russia ha più volte dimostrato il proprio dissenso verso l’AEGIS romeno e polacco affermando che servono per sminuire la deterrenza nucleare di Mosca.

Il Comandante in carica della struttura di Deveselu ha sottolineato come il sistema sia l’unico metodo per proteggere l’Europa dal lancio di missili balistici provenienti del medio oriente.

[…] abbiamo la capacità di lanciare missili intercettori SM-3 Block IB contro i missili balistici provenienti dell’Iran

Comandante Jonh Fitzpatrick, comadante in carica AEGIS Deveselu

Fitzpatrick ha affermato che 24 missili SM-3 Block IB sono installati in lanciatori verticali Mk 41, gli stessi che possono lanciare anche altre tipologie di vettori come i Tomahawk. Ma il Comandante ha assicurato che i lanciatori sono configurati e installati per poter lanciare solamente missili SM-3.

U.S. Navy Aegis Ashore base in Romania hosts NATO country Ambassadors

Nella “sala di controllo” dell’AEGIS trovano posti i militari dell’US Navy che hanno il compito di gestire lo “scudo missilistico”. Ogni operatore ha a disposizione tre schermi e relativi comandi per ingaggiare con gli SM-3 qualsiasi missile classificato come una minaccia per l’Europa.

Nella “Base Militare 99” sono presenti 500 soldati romeni, 250 americani ed altro personale.

L’ambasciatore francese in Romania, Michele Ramis, ha affermato che Macron “non commentava in alcun modo la struttura dell’Alleanza NATO” trattandosi solo di “un discorso politico”. Poche settimane fa il Presidente della Repubblica francese aveva definito la NATO in uno stato di “morte celebrale”.

NATO Ballistic Missile Defense

Risultati immagini per nato ballistic missile defense

Il sistema AEGIS a Deveselu è stato dichiarato operativo a partire dall’ottobre del 2016 ed ha da poco terminato una serie di lavori di aggiornamento. In Europa un secondo sistema è presente in Polonia. Entrambi fanno parte del programma NATO ” Ballistic Missile Defense”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui