mercoledì, Febbraio 1, 2023

L’Alliance Ground Surveillance Force dispiega l’MGGS fuori dell’Italia per la prima volta

Per la prima volta, l’Alliance Ground Surveillance Force (NAGSF) della NATO ha dispiegato la propria Mobile General Ground Station o MGGS fuori dall’Italia testando la capacità di sfruttare i dati raccolti dall’aereo a pilotaggio remoto (RPA) RQ-4D in un sito remoto.  

L’Allied Air Command Chief of Staff Generale Gianluca Ercolani e il Deputy Chief of Staff  Generale Christoph Pliet, dell’aeronautica tedesca, hanno visitato il distaccamento all’interno del perimetro del quartier generale dell’AIRCOM.

Il distaccamento è arrivato il 10 novembre tramite un convoglio su strada, ha installato il sistema e stabilito la connettività. Fino al 22 novembre, il team di esperti del NAGSF, supportato da tecnici dell’appaltatore, si è unito agli RQ-4D durante i voli di ricognizione lungo il fianco orientale, monitorandone le operazioni e sfruttando e trasferendo i dati raccolti.

“Questa è un’eccellente dimostrazione della capacità di NAGSF di implementare un elemento di sfruttamento mobile; Sono impressionato dalla capacità del team di collegarsi con l’RQ-4D RPA in volo e di sfruttare i dati raccolti, rendendoli disponibili in loco”, ha affermato AIRCOM COS MG Ercolani. “Dal nostro punto di vista operativo, questo dispiegamento aiuta notevolmente le procedure della NATO per raccogliere, elaborare e distribuire i risultati di intelligence, sorveglianza e ricognizione all’interno della nostra organizzazione e con gli alleati, anche da una località remota”, ha aggiunto. 

“Lo scopo del dispiegamento a Ramstein è quello di ottenere un segno di spunta sulla strada della Forza verso una maggiore capacità operativa iniziale della NATO Alliance Ground Surveillance”, ha affermato il comandante del dispiegamento, il capitano dell’aeronautica statunitense Jacob Sanborn. “Simuliamo lo sfruttamento dei dati che il nostro RQ-4D RPA raccoglie in volo e li mettiamo a disposizione del comandante della forza di terra locale sotto forma di prodotti di intelligence di base. E trasmettiamo le informazioni alla nostra base operativa principale a Sigonella, in Italia, per un’ulteriore distribuzione”, ha affermato, descrivendo il processo e lo scopo del dispiegamento.

NAGSF gestisce cinque RQ-4D RPA dalla base operativa principale della Forza presso la base dell’aeronautica militare italiana a Sigonella, dove la Forza raccoglie dati di intelligence, sorveglianza e ricognizione, li elabora e li distribuisce a tutti gli alleati. Il segmento di terra è costituito da diverse stazioni di terra in configurazioni fisse, mobili e trasportabili, in grado di fornire connettività di collegamento dati, elaborazione dati, capacità di sfruttamento e interfacce per l’interoperabilità.

Il segmento di terra fornisce un’interfaccia tra il sistema centrale AGS e un’ampia gamma di sistemi di comando, controllo, intelligence, sorveglianza e ricognizione (C2ISR). Utilizzando diverse reti NATO e statunitensi, si interconnette con più utenti operativi schierati e non schierati, nonché con strutture di copertura lontane dall’area di sorveglianza.

CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI