mercoledì, Settembre 22, 2021

L’Ammiraglio Credendino nuovo comandante della Squadra Navale (CINCNAV)

-

Il 16 luglio a bordo della portaerei Cavour ormeggiata nella Stazione Navale Mar Grande di Taranto, l’ammiraglio di squadra Paolo Treu ha passato il timone della Squadra navale (CINCNAV) all’ammiraglio di squadra Enrico Credendino.

La cerimonia, in alcuni momenti anche toccante, ha avuto il suo culmine nella tradizionale formula del riconoscimento e della consegna della bandiera di guerra delle Forze navali, un’ideale passaggio di testimone del cuore pulsante della Marina, uomini, navi, sommergibili e velivoli che il comando della Squadra coordina e guida secondo le direttive dello Stato maggiore.

“Il comando della Squadra navale ha in carico la cruciale gestione della funzione operativa e addestrativa della forza armata e l’approntamento operativo dello strumento aeronavale – ha dichiarato il sottosegretario di stato alla Difesa senatrice Stefania Pucciarelli per assicurare la sicurezza degli spazi marittimi nazionali, ma anche la proiezione avanzata con funzioni di deterrenza attiva, monitoraggio, presenza, sorveglianza e prontezza d’intervento a tutela degli interessi nazionali quasi interamente dipendenti dalla dimensione marittima”.

Prima della cerimonia per l’ammiraglio Credendino e al termine per l’ammiraglio Treu, si è svolta una rassegna navale con gli equipaggi schierati sui ponti scoperti di alcune navi della Marina, un simbolico saluto alle dipendenze organiche di CINCNAV che si compone di circa 18.000 militari, 91 navi, 6 sommergibili, 75 aerei ed elicotteri e comandi importanti quali la brigata Marina San Marco, il centro telecomunicazioni e il C4s.

“Siamo stati sottoposti a tagli drammatici ma abbiamo cercato di operarli il più possibile lontano dalla Squadra navale perché, per tutta la Difesa, è lo strumento più flessibile, versatile, efficace che può rischierarsi lontano, dove si originano le crisi e intervenire prima che arrivino a toccare le nostre coste” così il capo di stato maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone.

Nel suo discorso di saluto l’ammiraglio Treu ha ripercorso un mandato ricco di sfide, durante il quale è stata affrontata l’emergenza del Covid-19, che ha messo a dura prova la prontezza dello strumento aeronavale. Grazie ad un accurato protocollo di contrasto alla pandemia, sviluppato in collaborazione con lo Stato Maggiore della Marina Militare, la Squadra navale ha onorato tutti gli impegni operativi programmati, in ambito sia nazionale che internazionale.

“Sono stato onorato e felice di essere stato al comando della Squadra navale proprio in questo periodo storico, riuscire ad assolvere tutte le missioni e operazioni programmate è stato sicuramente sinonimo di impegno e dedizione a dimostrazione di una Italia combattiva e resiliente” ha concluso l’ammiraglio.

L’ammiraglio Credendino, nel prendere la parola, ha ringraziato i suoi predecessori, in particolare proprio l’ammiraglio Treu ed ha continuato: “Ammirato dalle capacità dimostrate dal personale della Squadra navale nell’ultimo anno e mezzo caratterizzato dalla pandemia che non ne ha fiaccato spirito, entusiasmo ed operatività. È da loro che voglio partire, ed è su loro che la Squadra navale fa pieno affidamento.”

“La Squadra Navale è fatta di uomini e donne, un capitale umano prezioso che opera quotidianamente, nei diversi settori di competenza e ai vari livelli responsabilità, generosamente orientato a trasporre la propria professionalità e passione al servizio delle Istituzioni, nel pieno rispetto del giuramento prestato. E l’Ammiraglio Treu, da vero leader, da vero Comandante, grazie alla sua elevata professionalità e al suo incondizionato amore per il nostro Paese, ha saputo prepararla, motivarla, amministrarla, ispirarla, sostenerla, accompagnarla, spronarla e aggiornarla.” – ha sottolineato il Sottosegretario alla Difesa, Stefania Pucciarellicon la sua cessazione dal servizio attivo la Forza Armata perde un grande Marinaio, la Difesa un validissimo dirigente, il Paese un efficacissimo ambasciatore di italianità. A lui subentra oggi l’Ammiraglio Credendino, un grande servitore dello Stato la cui professionalità è universalmente riconosciuta ed apprezzata. Sono certa che saprà dare la necessaria continuità all’azione gestionale, inserendosi nella scia del suo predecessore; consolidando i successi sin qui conseguiti e guardando al futuro con pragmatico entusiasmo e responsabile ambizione per contribuire all’ulteriore crescita della nostra Marina Militare. Formulo all’Ammiraglio Treu i più marinari auspici di “Buon Vento” per il nuovo futuro che si appresta a costruire insieme agli affetti più cari. All’Ammiraglio Credendino, unitamente a tutta la Squadra Navale, auguro buon lavoro e sempre maggiori successi.– ha concluso il Sottosegretario Pucciarelli.

Immagini e comunicato: Marina Militare

Ultime notizie

In merito alla notizia comparsa nei giorni scorsi sui media dell'avvenuta selezione del caccia sino-pakistano JF-17 quale nuovo velivolo...
NHIndustries completa la consegna finale della flotta di elicotteri da trasporto tattico NH90 MITT della Marina MilitareIn linea con...
Boeing e gli utilizzatori del Chinook hanno celebrato ieri i 60 anni dal primo volo mentre è in...
Lo scorso mese di giugno il Governo Spagnolo ha autorizzato il Ministero della Difesa a contrattare con Airbus l'acquisto...

Da leggere

Rifornimento in volo tra drone MQ-25 ed F-35C

Il programma Unmanned Carrier Aviation (PMA-268) della Marina ha...