sabato, Gennaio 29, 2022

Lanciato “Amazonia 1”: il primo satellite “Made in Brazil”

-

L’Istituto Nazionale per la Ricerca Spaziale (INPE) ha annunciato il successo del lancio di Amazonia 1, che si è tenuto alle 01:54 (ora di Brasilia) questa domenica 28 febbraio, dal Satish Dhawan Space Center (SHAR), a Sriharikota, in India.

Questo è il primo satellite di osservazione della Terra completamente progettato, integrato, testato e gestito dal Brasile e fornirà immagini per il monitoraggio ambientale e agricolo in tutto il territorio brasiliano con un alto tasso di visita di ritorno. 

Servirà anche per monitorare la regione costiera, i bacini idrici, i disastri ambientali, tra le altre applicazioni. I dati saranno disponibili sia alla comunità scientifica che alle agenzie governative e agli utenti interessati a una migliore comprensione dell’ambiente terrestre. 

Questo satellite è anche il primo costruito dalla Multimission Platform (PMM), una struttura innovativa sviluppata dall’INPE, in grado di adattarsi alle finalità delle diverse missioni e, quindi, di abbattere i costi dei progetti spaziali.

Il satellite

Amazonia 1 è un satellite in orbita polare che genererà immagini del pianeta ogni 5 giorni. Per questo, dispone di un imager ottico wide-view (telecamera con 3 bande di frequenza nello spettro visibile – VIS – e 1 banda vicino all’infrarosso – Near Infrared ) in grado di osservare un raggio di 850 km con 64 metri di risoluzione.

La sua orbita è stata progettata per fornire un alto tasso di rivisitazione, avendo, quindi, la capacità di fornire una notevole quantità di dati dallo stesso punto del pianeta. Questa funzione è estremamente preziosa nelle applicazioni che richiedono una risposta rapida, poiché aumenta la probabilità di acquisire immagini utili in situazioni di copertura nuvolosa.

Guadagni tecnologici dalla missione

  • La validazione della Piattaforma Multimissione (PMM) come sistema, generando affidabilità e significative riduzioni in termini e costi per lo sviluppo di future missioni satellitari basate sulla Piattaforma Multimissione;
  • Consolidamento della conoscenza del Brasile nel ciclo completo di sviluppo dei satelliti stabilizzati su 3 assi, maturando anche nelle attività di integrazione e collaudo dei satelliti;
  • Formazione nel sottosistema Controle de Atitude e Órbita e Supervisão de Bordo, sulla base dell’esperienza del contratto di trasferimento tecnologico con l’Argentina;
  • Sviluppo nell’industria nazionale dei meccanismi di apertura del Pannello Solare, che nei satelliti della serie CBERS sono stati forniti dalla Cina;
  • Sviluppo della propulsione del sottosistema di controllo dell’assetto e dell’orbita nell’industria nazionale, pur utilizzando parti acquisite all’estero;
  • Rafforzamento delle capacità nel paese per svolgere le operazioni iniziali post lancio (LEOP);
  • Consolidamento delle conoscenze nella campagna per il lancio di satelliti di maggiore complessità;
  • Consolidamento e acquisizione di esperienza nel prendere decisioni e azioni in condizioni operative critiche;
  • Acquisizione di esperienza nell’esecuzione di operazioni per chiudere il ciclo di vita della missione.

Paulo Roberto Bastos Jr.

Paulo Roberto Bastos Jr. è un ingegnere dell’automazione e ricercatore militare, specialista in veicoli blindati e forze meccanizzate dell’America Latina e dei Caraibi. Da giugno 2020 collabora con Ares Osservatorio Difesa. Per altri suoi articoli su Ares: clicca qui.

Articolo originariamente pubblicato su Tecnologia&Defesa il 28 febbraio 2020: Amazonia 1 é lançado com sucesso

Paulo Roberto Bastos Jr.http://tecnodefesa.com.br
Paulo Roberto Bastos Jr. è un ingegnere dell'automazione e ricercatore militare, specialista in veicoli blindati e forze meccanizzate dell'America Latina e dei Caraibi. Da giugno 2020 collabora con Ares Osservatorio Difesa.

Ultime notizie

Rohde & Schwarz equipaggerà l'NH90 Multi-Role Frigate Helicopter (MRFH) della Marina Tedesca con radio aviotrasportate della famiglia SOVERON che...
Prosegue l’addestramento della compagnia aviorifornimenti della Brigata Paracadutisti “Folgore” dell’Esercito, nell’ambito delle attività addestrative di specialità disposte dal Comando...
Il Belgio investirà nella Difesa quattordici miliardi di euro nei prossimi otto anni. Questo è quanto deciso dal Governo...
Lockheed Martin (NYSE:LMT) ha dimostrato con successo l'integrazione del radar AN/SPY-7(v)1 nel sistema Aegis, eseguendo l'elaborazione necessaria per rilevare,...

Da leggere

Esercitazione Global Lightning 22 per l’U.S. Strategic Command

L'United States Strategic Command (USSTRATCOM) inizierà questa settimana l'esercitazione...

F-35B dell’Aeronautica Militare e della Marina Militare si addestrano a Pantelleria

Si è svolta, presso il Distaccamento Aeroportuale di Pantelleria l’esercitazione...