fbpx

L’Australia conferma l’acquisto dei lanciarazzi HIMARS

Il Governo di Canberra presieduto dal Premier Anthony Albanese ha confermato che l’Australia procederà all’acquisto di 20 sistemi di lanciarazzi multipli M142 HIMARS dagli Stati Uniti al costo di 358 milioni di dollari statunistensi.

L’acquisto dei detti HIMARS rientra nell’ambito del Project LAND 8113, volto a fornire alla componente terrestre delle Australian Defense Forces una maggiore potenza di fuoco a distanza.

L’M142 è stato selezionato ed è in via di acquisizione da parte di molti Paesi europei che intendono rafforzare le proprie componenti d’artiglieria con questo sistema; infatti, l’HIMARS sta fornendo ottime in prove nel conflitto in corso tra Ucraina e Russia.

Per far fronte alle impellenti richieste delle Forze Armate statunitensi e dei Paesi Esteri, la casa produttrice Lockheed Martin ha annunciato che entro la fine del 2023 il rateo di produzione annuale sarà portato a 96 sistemi completi, dai 60 che sono stati prodotti in emergenza nel 2022. Prima dello scoppio delle ostilità tra Mosca e Kiev, il rateo annuale di M142 allestiti si attestava ad un massimo di 48 sistemi completi.

La trasportabilità per via aerea con velivoli della classe C-130 nonché per via marittima con capacità di sbarcare con LCM dalle navi d’assalto anfibio, lo rendono un mezzo ideale per rispondere rapidamente ad eventuali situazioni di crisi.

L’HIMARS ha la possibilità di lanciare sino a sei GMLRS, anche nella versione Extended Range, o, alternativamente, un missile tattico balistico ATACMS.

Con queste armi è in grado di colpire obiettivi distanti rispettivamente 70, 150 e 300 km dal punto di lancio ed apertura del fuoco.

Prossimamente l’MI142, come del resto il “fratello maggiore” cingolato M270A2, sarà in grado di lanciare due PrSM, il nuovo missile balistico tattico per attacchi di precisione, la cui portata si attesterà attorno i 500 km, aumentando in modo esponenziale la capacità di colpire con precisione obiettivi di alto valore a notevole distanza.

L’M142 ha un peso in ordine di combattimento di circa 16 tonnellate, è dotato di un motore diesel da 290 hp, con velocità massima di 94 km/h ed autonomia di 480 km.

Il sistema è montato su un autocarro ad alta mobilità 6×6 XM1140A1 da 5 tonnellate con cabina blindata per la protezione dell’equipaggio di 3 uomini.

Grazie al Common Fire Control System (CFCS) sviluppato per i lanciatori HIMARS e MLRS, l’M142 è in grado di lanciare con grande precisione un singolo razzo/missile o l’intera salva sul bersaglio acquisito, abbandonando rapidamente la posizione dopo aver esaurito il fuoco.

Foto Lockheed Martin

Articolo precedente

Droni navali multiruolo di superficie per la Marina Turca

Prossimo articolo

Siglato il programma di cooperazione bilaterale per la difesa tra USA e Cipro

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie