domenica, Agosto 1, 2021

Le esportazioni militari statunitensi nel 2020 sono state pari a 175 miliardi di dollari

-

Nel 2020 le esportazioni di armi autorizzate (comprese quelle commerciali e gestite dal governo) sono aumentate del 2,8% da $ 170,09 miliardi del 2019 a $ 175,08 miliardi, aggiungendo migliaia di posti di lavoro all’economia statunitense e sostenendone molte altre migliaia. Ciò ha coinciso con gli sforzi dell’Ufficio per gli affari politico-militari del Dipartimento di Stato e dei partner interagenzia nell’ambito della politica di trasferimento delle armi convenzionali per riformare e modernizzare in modo completo il processo di trasferimento delle armi.

Vendite militari straniere

La media ponderata su tre anni dei casi di vendite militari estere (FMS) da Governo a Governo autorizzati dal Dipartimento di Stato implementati  dalla Defense Security Cooperation Agency è salita a 54 miliardi di dollari nel FY 20 dai 51 miliardi di dollari nel FY 19.  

Principali casi implementati nell’esercizio FY 20 includono:

  • Giappone – F-35 Joint Strike Fighter ($ 23,11 miliardi); 
  • Giappone – Modernizzazione dell’F-15J ($ 4,5 miliardi);
  • Marocco – elicotteri AH-64E ($ 4,25 miliardi);
  • Israele – Aviazione, diesel e benzina senza piombo ($ 3,0 miliardi);
  • Singapore – Aerei F-35B a decollo corto e atterraggio verticale (STOVL) ($ 2,75 miliardi);
  • Israele – Aereo da rifornimento aereo KC-46A ($ 2,4 miliardi);
  • Egitto – Elicotteri d’attacco Apache AH-64E ricondizionati ($ 2,3 miliardi);
  • Francia – Velivolo E-2D Advanced Hawkeye ($ 2,0 miliardi);
  • Indonesia – Convertiplano MV-22 Osprey ($ 2,0 miliardi).

Vendita commerciale diretta

Il valore delle licenze di esportazione commerciale autorizzate dal Dipartimento tramite Direct Commercial Sales (DCS) è stato pari a 124,3 miliardi di dollari nel FY 20, rispetto i 114,7 miliardi di dollari del FY 19, con un aumento dell’8,4%. Il valore totale copre le autorizzazioni di hardware, servizi di difesa e dati tecnici. Alla fine del FY 20, 13.753 entità sono state registrate presso la Direzione dei controlli del commercio della difesa per svolgere attività di commercio della difesa.  

Le 5 principali notifiche del Congresso (CN) nel FY 20 includono:

  • Australia – Parti di ricambio per il velivolo P-8 (3,25 miliardi di dollari);
  • Italia – Produzione di F-35 Joint Strike Fighter Wing Assembly per il Ministero della Difesa italiano e Stati Uniti ($ 1,12 miliardi);
  • Australia e Regno Unito – Aerei E-7 Airborne Early Warning and Control (AEW & C) per il Ministero della Difesa britannico ($ 2,48 miliardi);
  • Australia, Austria, Finlandia, Germania, Norvegia, Qatar, Regno Unito, – Sistema missilistico avanzato terra-aria nazionale del Qatar (NASAMS) per il Ministero della difesa del Qatar ($ 1,80 miliardi);
  • Australia, Canada, Danimarca, Italia, Giappone e Regno Unito – Produzione di fusoliera di poppa F-35 Joint Strike Fighter, impennaggio e componenti della cellula per Australia, Canada, Danimarca, Italia, Giappone e Stati Uniti ($ 8,39 miliardi).

Qui il documento del U.S. Department of State https://www.state.gov/u-s-arms-transfers-increased-by-2-8-percent-in-fy-2020-to-175-08-billion/

Ultime notizie

Il Dipartimento di Stato di Washington ha dato parere favorevole ad una possibile vendita militare straniera (FMS) al Governo Israeliano...
Saab ha firmato un contratto con l'Ufficio federale tedesco per le attrezzature, la tecnologia dell'informazione e il supporto in...
Il 30 luglio 2021 è avvenuto il primo della nuova versione Integrated Functional Capability Four (IFC-4) del drone HALE...
Il velivolo simulatore in volo variabile NF-16D (VISTA) è stato rinominato come X-62A, a partire dal 14 giugno 2021.Il...

Da leggere

Consorzio PGZ-Miecznik per tre fregate per la Marina polacca

Il consorzio PGZ-Miecznik si è aggiudicato il contratto per...

Altro test del AGM-183A parzialmente fallito

Il 28 luglio l'Air Force ha condotto il suo...