domenica, Ottobre 24, 2021

Le esportazioni militari statunitensi nel 2020 sono state pari a 175 miliardi di dollari

-

Nel 2020 le esportazioni di armi autorizzate (comprese quelle commerciali e gestite dal governo) sono aumentate del 2,8% da $ 170,09 miliardi del 2019 a $ 175,08 miliardi, aggiungendo migliaia di posti di lavoro all’economia statunitense e sostenendone molte altre migliaia. Ciò ha coinciso con gli sforzi dell’Ufficio per gli affari politico-militari del Dipartimento di Stato e dei partner interagenzia nell’ambito della politica di trasferimento delle armi convenzionali per riformare e modernizzare in modo completo il processo di trasferimento delle armi.

Vendite militari straniere

La media ponderata su tre anni dei casi di vendite militari estere (FMS) da Governo a Governo autorizzati dal Dipartimento di Stato implementati  dalla Defense Security Cooperation Agency è salita a 54 miliardi di dollari nel FY 20 dai 51 miliardi di dollari nel FY 19.  

Principali casi implementati nell’esercizio FY 20 includono:

  • Giappone – F-35 Joint Strike Fighter ($ 23,11 miliardi); 
  • Giappone – Modernizzazione dell’F-15J ($ 4,5 miliardi);
  • Marocco – elicotteri AH-64E ($ 4,25 miliardi);
  • Israele – Aviazione, diesel e benzina senza piombo ($ 3,0 miliardi);
  • Singapore – Aerei F-35B a decollo corto e atterraggio verticale (STOVL) ($ 2,75 miliardi);
  • Israele – Aereo da rifornimento aereo KC-46A ($ 2,4 miliardi);
  • Egitto – Elicotteri d’attacco Apache AH-64E ricondizionati ($ 2,3 miliardi);
  • Francia – Velivolo E-2D Advanced Hawkeye ($ 2,0 miliardi);
  • Indonesia – Convertiplano MV-22 Osprey ($ 2,0 miliardi).

Vendita commerciale diretta

Il valore delle licenze di esportazione commerciale autorizzate dal Dipartimento tramite Direct Commercial Sales (DCS) è stato pari a 124,3 miliardi di dollari nel FY 20, rispetto i 114,7 miliardi di dollari del FY 19, con un aumento dell’8,4%. Il valore totale copre le autorizzazioni di hardware, servizi di difesa e dati tecnici. Alla fine del FY 20, 13.753 entità sono state registrate presso la Direzione dei controlli del commercio della difesa per svolgere attività di commercio della difesa.  

Le 5 principali notifiche del Congresso (CN) nel FY 20 includono:

  • Australia – Parti di ricambio per il velivolo P-8 (3,25 miliardi di dollari);
  • Italia – Produzione di F-35 Joint Strike Fighter Wing Assembly per il Ministero della Difesa italiano e Stati Uniti ($ 1,12 miliardi);
  • Australia e Regno Unito – Aerei E-7 Airborne Early Warning and Control (AEW & C) per il Ministero della Difesa britannico ($ 2,48 miliardi);
  • Australia, Austria, Finlandia, Germania, Norvegia, Qatar, Regno Unito, – Sistema missilistico avanzato terra-aria nazionale del Qatar (NASAMS) per il Ministero della difesa del Qatar ($ 1,80 miliardi);
  • Australia, Canada, Danimarca, Italia, Giappone e Regno Unito – Produzione di fusoliera di poppa F-35 Joint Strike Fighter, impennaggio e componenti della cellula per Australia, Canada, Danimarca, Italia, Giappone e Stati Uniti ($ 8,39 miliardi).

Qui il documento del U.S. Department of State https://www.state.gov/u-s-arms-transfers-increased-by-2-8-percent-in-fy-2020-to-175-08-billion/

Ultime notizie

Fondo per l'innovazione della NATOLo scorso venerdì 22 ottobre 2021, a Bruxelles in una cerimonia per la firma ospitata...
Come annunciato dal Ministero della Difesa della Lituania sono state ultimate le consegne del lotto aggiuntivo di 42 autocarri...
Israel Weapon Industries – un membro del gruppo SK (fondato da Mr. Samy Katsav) leader nella produzione di armi...
La DMO, l'agenzia che cura gli appalti militari dei Paesi Bassi, ha appena eseguito un ordine a favore di...

Da leggere

Italy hosts NATO-Industry Forum 2021

The NATO-Industry Forum is the primary venue for strategic...

Ammodernamento e potenziamento delle fregate francesi classe La Fayette

La Marine Nationale ha in corso il programma di...