domenica, Dicembre 5, 2021

Le principali novità del summit NATO

-

Fondo per l’innovazione della NATO

Lo scorso venerdì 22 ottobre 2021, a Bruxelles in una cerimonia per la firma ospitata da Jens Stoltenberg, Segretario Generale della NATO, i Ministri della Difesa di 17 Paesi alleati hanno deciso di assumere la guida dello sviluppo del primo Fondo per l’innovazione della NATO.

I Paesi interessati dall’iniziativa comune sono Belgio, Repubblica Ceca, Estonia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord, Romania, Slovacchia, Slovenia ed Ungheria.

Tale Fondo multinazionale aiuterà la NATO a mantenere il suo vantaggio tecnologico consentendo investimenti – per un valore di 1 miliardo di euro – in tecnologie a duplice uso di potenziale applicazione alla difesa e alla sicurezza. Faciliterà inoltre una cooperazione più stretta e affidabile con gli innovatori delle tecnologie avanzate, che altrimenti potrebbero non essere in grado di sviluppare con successo le soluzioni innovative più necessarie per la protezione dell’Alleanza.

Insieme al Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic– o DIANA – il Fondo per l’innovazione sosterrà lo sviluppo di una comunità dell’innovazione transatlantica protetta.

Dal suo lancio al vertice di Bruxelles della NATO, un certo numero di alleati ha fatto offerte per ospitare la sede, i centri di test e i siti di accelerazione che costituiranno la rete DIANA sia in Europa che in Nord America.

Entrambe le iniziative dovrebbero essere pienamente attuate dal vertice di Madrid della NATO nel 2022.

Rafforzamento delle capacità di difesa aerea terrestre

I Ministri della Difesa di 15 Paesi alleati della NATO hanno riaffermato il loro impegno a sviluppare, acquisire e fornire capacità multinazionali di difesa aerea a terra, che proteggeranno il personale, le attrezzature e le strutture alleate dalle minacce aeree.

Nuovi partecipanti hanno aderito a due progetti ad alta visibilità lanciati di recente (HVP), il progetto “Modular GBAD” e l’iniziativa “Rapidly Deployable Mobile C-RAM”, nonché il lancio di una nuova impresa, la “capacità di comando e controllo per difesa aerea e missilistica di superficie per il livello di battaglione e brigata” (GBAD C2 Layer).

I partecipanti al Modular GBAD (Belgio, Danimarca, Germania, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord, Slovenia, Spagna ed Ungheria) hanno accolto Norvegia, Polonia, Portogallo e Stati Uniti d’America nel progetto. Ha lo scopo di acquisire e mettere in campo una soluzione modulare per la difesa aerea terrestre a corto raggio, corto raggio e medio raggio. Questa capacità offrirà agli Alleati una soluzione modulare, costruita attorno a un modulo di comando e controllo e la possibilità di collegare diversi effettori per le minacce coperte. La capacità plug-and-play darà agli Alleati la possibilità di scambiare, aggiungere o rimuovere effettori senza soluzione di continuità in base alle minacce che stanno affrontando.

Per il secondo progetto, la C-RAM Rapidly Deployable, Norvegia, Polonia e Stati Uniti d’America si sono uniti a Germania, Grecia, Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord nonché all’Ungheria. Questo progetto mira a sviluppare e fornire una capacità per proteggere le forze alleate da razzi, artiglieria e minacce di mortaio. Un focus particolare di questo progetto sarà sulle potenziali soluzioni attraverso approcci innovativi, come le capacità basate sull’energia diretta.

Infine, sei Paesi alleati – Danimarca, Italia, Portogallo, Spagna, Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord e Stati Uniti d’America – hanno avviato una nuova iniziativa per acquisire e mettere in campo in comune una capacità di comando e controllo per la difesa aerea e missilistica di superficie a livello di battaglione e brigata (GBAD C2 Layer ). Nei prossimi mesi, gli esperti delle nazioni partecipanti individueranno potenziali soluzioni per un centro di distribuzione antincendio. L’approccio multinazionale ridurrà la varietà dei sistemi utilizzati e contemporaneamente aumenterà l’interoperabilità tra gli Alleati partecipanti e la prontezza operativa delle forze NATO GBAD.  

Progetti multinazionali per potenziare la difesa CBRN

I Ministri della Difesa di 11 Paesi alleati della NATO hanno lanciato tre progetti multinazionali ad alta visibilità per fornire attrezzature di protezione CBRN, sviluppare e procurare sistemi di rilevamento e identificazione CBRN, nonché potenzialmente stabilire una rete di strutture di difesa CBRN.

Il progetto CBRN Protection Equipment mira a stabilire un quadro per la fornitura di dispositivi di protezione individuale e sistemi di protezione collettiva. I partecipanti saranno in grado di dotare le loro forze di dispositivi di protezione all’avanguardia e standardizzati in modo economicamente vantaggioso. A questa iniziativa partecipano dieci alleati: Albania, Belgio, Grecia, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Spagna, Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord, Stati Uniti d’America ed Ungheria.

Il progetto CBRN Detection and Identification lancerà singole attività multinazionali per lo sviluppo e l’approvvigionamento di sistemi avanzati di rilevamento e identificazione CBRN. Ciò aumenterà la capacità degli alleati di rilevare gli agenti CBRN in modo rapido ed efficace. Nove Paesi alleati vogliono unire le forze in questo sforzo: Albania, Belgio, Grecia, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord nonché gli Stati Uniti d’America.

Il terzo progetto si chiama Network of CBRN Defense Facilities. I nove Paesi partecipanti lavoreranno per stabilire un quadro che consenta loro di condividere e utilizzare le strutture di difesa CBRN nazionali, come siti di addestramento e laboratori biologici, per completare le capacità reciproche. Questa disposizione migliorerà la preparazione dei partecipanti per le future contingenze CBRN. Gli Alleati partecipanti sono Belgio, Grecia, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord nonché gli Stati Uniti d’America.

I progetti fanno parte di un crescente portafoglio di progetti multinazionali ad alta visibilità sostenuti dalla NATO in risposta alle principali sfide di capacità per l’Alleanza.

Prima strategia NATO per l’Intelligenza Artificiale

I Ministri della Difesa della NATO hanno approvato la prima strategia della NATO per l’intelligenza artificiale (AI).

La strategia delinea come l’IA possa essere applicata alla difesa e alla sicurezza in modo protetto ed etico. In quanto tale, stabilisce gli standard per l’uso responsabile delle tecnologie dell’IA, in conformità con il diritto internazionale e i valori della NATO. Affronta anche le minacce poste dall’uso dell’IA da parte degli avversari e come stabilire una cooperazione affidabile con la comunità dell’innovazione sull’IA.

L’intelligenza artificiale è una delle sette aree tecnologiche a cui gli Alleati della NATO hanno dato la priorità per la loro rilevanza per la difesa e la sicurezza. Questi includono tecnologie quantistiche, dati e informatica, autonomia, biotecnologia e miglioramenti umani, tecnologie ipersoniche e spazio. Di tutte queste tecnologie a duplice uso, l’intelligenza artificiale è nota per essere la più pervasiva, soprattutto se combinata con altre come i big data, l’autonomia o la biotecnologia. Per affrontare questa complessa sfida, i Ministri della Difesa della NATO hanno anche approvato la prima politica della NATO sullo sfruttamento dei dati.

Saranno sviluppate strategie individuali per tutte le aree prioritarie, seguendo lo stesso approccio etico adottato per l’Intelligenza Artificiale.

Fonte ed immagini North Atlantic Treaty Organization

Ultime notizie

Silent Arrow ha annunciato oggi che l'United States Air Force, attraverso l' Air Force Research Laboratory (AFRL), ha assegnato alla società un...
Gli F-35A dell'Aeronautica Militare italiana hanno lasciato la Baltic Air Policing (BAP) venendo sostituiti dagli F-16 della Luchtcomponent.Il cambio...
Le Commissioni Difesa e Bilancio di Camera e Senato hanno espresso parere favorevole al programma pluriennale di ammodernamento e rinnovamento...
Le Forze Armate Serbe acquisteranno nuovi sistemi di difesa aerea Pantsir-S2 di fabbricazione russa. Questo è quanto annunciato dal Ministro...

Da leggere

Future Soldier del British Army

Lanciato nell'ambito della Revisione Integrata della Difesa da parte...

NATO Baltic Air Policing for the Air Force concluded

On 1 December, after 15 months of consecutive and...