sabato, Ottobre 23, 2021

Le tecnologie avanzate di Sky Eye Systems

-

In occasione dell’appena conclusa SeaFuture 2021, svoltasi nel Arsenale Militare Marittimo di La Spezia dal 28 settembre al 01 ottobre, è stato ufficialmente presentato da Sky Eye Systems (gruppo OMA) il drone “Rapier X-SkySar” e ne è stata annunciata la versione a decollo ed atterraggio verticale “Rapier X-VTOL”

La dinamica impresa toscana, con sede a Cascina (PI), ha voluto mostrare le eccellenze della sua produzione sia a livello di velivoli a pilotaggio remoto nella classe Mini/Light UAS (pesi compresi tra i 25 ed i 50 kg) sia come payload, quali lo SkySAR il più leggero radar ad apertura sintetica (SAR) del mondo, nonché il Flight Control Sìystem (FCS) e la Ground Control Sration touchscreen di quinta generazione.

La famiglia “Rapier” si compone del X-25 e dello X-SkySar ai quali si aggiungerà prossimamente il Rapier X-VTOL.

Ma andiamo per ordine. Il primo uav prodotto e già messo in linea dall’Aeronautica Militare Italiana, cliente di lancio, è il Rapier X-25 che lo ha destinato al 32° Stormo di Foggia Amendola dove con il 28° Gruppo Volo APR (Aerei a Pilotaggio Remoto) ed il 61° Gruppo Volo APR operano gli UAV MALE (Medium Altitude Long Endurance) MQ-1C Predator A+ e MQ-9A Predator B per missioni ISTAR (Intelligence, Survelliance, Target Acquisition, Reconnaissance) accanto ai modernissimi caccia bombardieri di 5a generazione Lockheed Martin F-35A e F-35B Lightning II, anche noti come Joint Strike Fighter, in forza al 13°Gruppo. In pratica, si tratta della summa tecnologica dell’Aeronautica Militare, un mix di potenza e capacità di intelligence, sorveglianza e targeting che ha pochi eguali in Europa e nel Mediterraneo.

Il Rapier X-25 ha un’apertura alare di circa 4 metri ed un peso inferiore ai 25 kg; può essere lanciato da un sistema di catapulta pneumatica o da un veicolo militare in movimento come ad esempio un VLTM Lince. Ha una velocità massima di crociera di 46 nodi ed un raggio datalink fino a 80 km con massima tangenza operativa di 16400 piedi dal livello del mare. Il motore è alimentato a gasolio. Ha un’autonomia di 6-16 ore a secondo del tipo di missione e può operare con temperature comprese tra i -20°C ed i + 49°C.

L’Aeronautica Militare ha acquistato un sistema completo di due velivoli, una catapulta per il lancio ed una Ground Control Station (GCS) a due postazioni, per il pilota e per l’operatore del payload. Questa versione ha attirato l’attenzione anche del Esercito Italiano e della Marina Militare.

Il Rapier X-25 è attualmente impegnato nella campagna per ottenere la certificazione militare secondo la normativa NATO Stanag 4703.

Come detto, a SeaFuture 2021, Sky Eye Systems ha portato la versione più avanzata Rapier X-SkySAR che ha un peso fino a 30 kg, dotato di sensori elettronici/infrarossi Epsilon Octopus 140 e 140z anche del radar ad apertura sintetica SkySAR sviluppato dalla stessa impresa toscana. Ha le medesime prestazioni del Rapier X-25.

Lo SkySar è un concentrato di tecnologie in dimensioni e pesi minimi: il radar lavora in banda X (fino a 600 MHz), ad altezza operativa di 4 km e copre un’area di 5-6 km, con risoluzione da 0,25 fino a 0, 15 metri, con modalità operative stripmap SAR/GMTI. Il motore è un propulsore a gasolio.

La terza versione del Rapier, la X-VTOL, è pensata esplicitamente per le esigenze della Marina Militare per operare dai ponti di volo delle navi, senza necessità della catapulta per il lancio e del sistema di discesa assistita con paracadute ed airbag, potendo decollare ed atterrare verticalmente, semplificando drasticamente le procedure ed aumentando esponenzialmente l’operatività a bordo.

Questa versione, appartenente alla classe Light degli UAS, avrà un peso massimo al decollo di 50 kg con un’autonomia compresa tra le cinque e le undici ore a seconda del profilo di missione. Per ottenere tali prestazioni, sarà dotato di un apparato di propulsione costituito da due motori in tandem per il volo orizzontale (uno a combustione policarburante ed uno elettrico) e di otto motori a propulsione elettrica per il volo verticale.

Lo X-VTOL ha un peso operativo al decollo di 50 kg, velocità massima di crociera 54 nodi, un raggio di trasmissione datalink di 100 km (con possibilità anche SATCOM). La quota di tangenza operativa massima raggiunge i 19.500 piedi dal livello del mare. Come i Rapier X-25 e X-SkySAR è in grado di operare con temperature comprese tra i -20°C ed i + 49°C.

La dotazione sensoristica sarà particolarmente ricca poiché potrà contare su sensori elettrottici/infrarossi Epsilon Octopus 140 (duale con sensore EO 1270X720 e IR 640X512), 140z (dotato anche di illuminatore laser da 830 nm e laser RANGE Finder con portata fino a 5 km) e Octopus 175 (con MWIR con lenti da 18-275 mm, illuminatore laser da 830 nm e Laser Range Finder fino a 15 km) ed altri payload opzionali come sensori iperspettrali, Lidar, IFF, SIGINT ed anche SAR (Synthetic Aperture Radar) grazie alla estrema flessibilità e modularità della baia payload.

Sky Eye Systems sottolinea che le tre versioni del Rapier condividono gran parte delle tecnologie sensibili e fondamentali sviluppate dalla stessa impresa tra le quali il layout aerodinamico estremamente ottimizzato, il Flight Control System e la Ground Control Station, sviluppati secondo i massimi standard di sicurezza software-hardware DO178C-DALB, nonché l’ulteriore aspetto importantissimo rappresentato dalla progettazione e costruzione dei velivoli quasi completamente in fibra di carbonio che ne aumenta enormemente la resistenza, solidità e capacità di volare anche in presenza di forte vento.

Nel corso di SeaFuture 2021 Sky Eye Systems ha annunciato una partnership con Planetek Italia per un sistema integrato avanzato di monitoraggio del territorio tramite UAS e l’analisi avanzata dei dati raccolti. Le informazioni acquisite dal drone ed i report generati tramite la workstation rugged, possono essere condivisi, in tempo reale, sia con altre unità disposte sul terreno sia con centri di comando in posizione remota.

Ultime notizie

Il Ministero della Difesa di Oslo ha decretato di ritirare dalla linea operativa tutti i caccia bombardieri Lockheed Martin...
Festa dei Paracadutisti, Sottosegretario Pucciarelli: specialità altamente competente ed affidabile anche nelle situazioni più critiche.“Nell’odierna ricorrenza che segna l’inizio...
23 ottobre 2021: i paracadutisti celebrano oggi il 79° anniversario della battaglia di El AlameinNell’ottobre del 1942,...
La Royal Navy ha testato con successo un nuovo sistema missilistico progettato per proteggere le nuove portaerei britanniche dagli...

Da leggere

FAQ, le risposte che devi conoscere sulle incursioni aeree cinesi verso Taiwan

Negli ultimi giorni è ribalzata sulle testate di tutto...