fbpx

Leonardo ad Euronaval presenta le tecnologie per il pieno controllo dello scenario marittimo

Player di riferimento nella fornitura di prodotti e sistemi ad alto contenuto tecnologico, Leonardo è presente al Salone Euronaval, che inizierà domani a Parigi, con le sue tecnologie per il settore navale, frutto di investimenti continui e competenze trasversali, che hanno permesso all’azienda di affermarsi come partner strategico della Marina Militare italiana e di diventare un riferimento per molte forze navali nel mondo, tanto che i suoi sistemi sono oggi integrati a bordo di oltre 1.000 assetti marittimi.

L’offerta di Leonardo, in grado di soddisfare tutti i requisiti per una gestione efficiente di qualunque tipologia di nave, classe e tonnellaggio, è costituita da tecnologie avanzate e modulari che vanno dai sensori, ai radar, alle comunicazioni, fino ai sistemi d’arma, per unità di superficie e subacquee. A queste vanno aggiunti velivoli ad ala fissa, rotante – sono più di 500 gli elicotteri Leonardo utilizzati oggi in oltre 30 Paesi per impieghi marittimi –  e piattaforme a pilotaggio remoto. Tutti sistemi che, grazie allo sviluppo di nuove tecnologie digitali, quali Intelligenza Artificiale, automazione, elaborazione dati, sono in grado di rispondere efficacemente all’evoluzione delle operazioni in un contesto sempre più multi-dominio come quello marittimo. 

In particolare, nel campo della gestione dei sistemi di combattimento, l’azienda presenta al salone alcune delle sue tecnologie di punta che equipaggiano, tra gli altri assetti, la configurazione “Full” dei Pattugliatori Polivalenti di Altura (PPA) della Marina Militare italiana. Tra queste il Combat Management System (CMS) ad architettura aperta, modulare e riconfigurabile, capace di integrare e coordinare in tempo reale tutte le informazioni provenienti dai vari sensori, garantendo una piena situational awareness, unitamente ad una capacità di reazione immediata, in ogni contesto, sopra e sott’acqua. A Euronaval anche l’innovativo Naval Cockpit, anch’esso a bordo delle nuove unità, che applica al dominio navale concetti all’avanguardia mutuati dai sistemi avionici e sviluppato da Leonardo in sinergia con la Marina Militare per ridurre il carico di lavoro degli equipaggi nella conduzione e controllo della nave, massimizzando i vantaggi operativi. 

Forte di un portafoglio radar tra i più completi al mondo, in grado di soddisfare i più stringenti requisiti in termini di navigazione, sorveglianza, rilevamento e difesa aerea, di superficie e missilistica, Leonardo è a Euronaval con i radar della Famiglia KRONOS, tra cui il sensore di allerta AESA, completamente digitale, KRONOS Power Shield in versione navale, progettato per la difesa delle unità di superficie da missili balistici. Il sensore operante in banda L, con avanzate capacità ATBM, ha una portata di scoperta fino a 1.500 chilometri. In esposizione anche il radar a scansione elettronica per la sorveglianza marittima ad alte prestazioni OSPREY 30, già scelto da diversi clienti internazionali. Il radar è particolarmente adatto per operare in ambienti misti, come i litorali.

Accanto a queste soluzioni, il sensore acustico ULISSES (Ultra Light SonicS Enhanced System), sviluppato da Leonardo per massimizzare, grazie a peso e dimensioni contenute, l’efficacia nelle operazioni Anti Submarine Warfare (ASW) su velivoli per il pattugliamento marittimo ad ala fissa e rotante e il siluro leggero Black Scorpion, progettato per operare a costi minimi al massimo dell’efficacia. Durante il Salone saranno inoltre presentate le caratteristiche del nuovo sistema elettro-ottico di ultima generazione DSS-IRST (Distributed Static Staring-InfraRed Search and Tracking System), sviluppato da Leonardo per offrire alle Unità Navali maggiori la massima protezione contro minacce multiple di superficie, missilistiche e aeree. 

Nel settore dei sistemi a pilotaggio remoto, Leonardo espone a Parigi un mock-up in scala reale dell’elicottero AWHERO equipaggiato con il radar maritime Gabbiano Ultra-Light. AWHERO rappresenta lo stato dell’arte dei sistemi rotary UAS nella classe 200 kg, sviluppato espressamente per operazioni imbarcate, sfruttando in maniera sinergica l’esperienza e le migliori tecnologie di Leonardo. L’architettura modulare di AWHERO permette l’intercambiabilità di un’ampia gamma di sensori, tra cui il radar Gabbiano Ultra-Light di Leonardo, elemento chiave per garantire superiorità nella sorveglianza marittima.  Già impiegato con successo nel corso dell’attività dimostrativa OCEAN 2020 a guida Leonardo, AWHERO è l’unico UAS nella sua classe ad aver ottenuto la certificazione militare, a garanzia dei più alti livelli di affidabilità e disponibilità di missione.

Per quanto riguarda il munizionamento, Leonardo – leader a livello mondiale anche nella progettazione, sviluppo e produzione di cannoni navali di piccolo, medio e grande calibro (da 12,7 a 127mm) –   è a Parigi con la linea di sistemi di piccolo calibro completamente sviluppata e progettata in house Lionfish e con la sua munizione guidata DART (Driven Ammunition Reduced Time of flight), efficace contro missili manovranti e piccoli bersagli. Non poteva mancare la famiglia di munizioni Vulcano nelle versioni 76 e 127, una gamma prodotti – già scelta da diverse Marine nel mondo -, in grado di garantire il pieno dominio di superficie e un’efficace difesa aerea.

Fonte ed immagini Leonardo S.p.A.-Press Office

Articolo precedente

AVIO e AID firmano accordo di collaborazione industriale

Prossimo articolo

Kongsberg fornirà alla Marina Polacca tre sistemi HUGIN AUV con relativi sistemi di comunicazione e posizionamento HiPAP

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie