fbpx

Leonardo consegna il primo C-27J Next Generation alla Slovenia

Leonardo ha consegnato al Ministero della Difesa sloveno il primo di due aerei C-27J Next Generation, contrattualizzato a seguito dell’Accordo Governo-Governo (G2G) Italia-Slovenia firmato il 17 novembre 2021. Il velivolo è equipaggiato con avionica avanzata dotata di glass cockpit con cinque schermi multifunzione a colori, un radar per missioni di trasporto tattico, sistemi di comunicazione, sistema satellitare, protezione balistica e con winglet che ne accrescono ulteriormente le prestazioni aerodinamiche.

Nell’ambito dell’Accordo G2G tra i due Paesi, sono stati firmati negli ultimi due anni tra Leonardo e la Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità del Segretariato Generale della Difesa/Direzione Nazionale degli Armamenti due distinti contratti di acquisizione, ognuno comprendente un aereo e servizi logistico-addestrativi. La scelta del C-27J da parte del Ministero della Difesa sloveno consente di soddisfare appieno diverse esigenze operative sia sul piano della capacità di trasporto e proiezione in missioni internazionali, sia a supporto della popolazione nazionale per compiti di soccorso, protezione civile e lotta antincendio. Il programma sloveno prevede infatti di operare il C-27J anche nella nuova configurazione Fire Fighting, dotata del sistema pallettizzato antincendio di ultima generazione MAFFS II (Modular Airborne Fire Fighting System) della United Aeronautical Corporation, leader mondiale nei sistemi di applicazioni aeree antincendio.

L’architettura di sistema del C-27J Next Generation permette di rispondere con una soluzione costo/efficace a tutti i requisiti operativi tattici espressi dal mercato, assicurando tra l’altro l’interoperabilità con altri velivoli da trasporto di categoria superiore. Per soddisfare le esigenze degli operatori, l’architettura modulare del velivolo permette l’integrazione con sistemi di rifornimento in volo, di autoprotezione, di comunicazione sicura e protezione balistica per operare in ambienti ad alto livello di minaccia, trasportando materiali, veicoli leggeri e personale. Grazie alla versatilità della piattaforma, il C-27J può essere infatti rapidamente riconfigurato, per mezzo di kit e sistemi di missione roll-on/roll-off nella configurazione necessaria allo svolgimento di missioni in ambito difesa e protezione civile, in linea con le nuove richieste di mercato.

Ordinato in oltre 90 unità per operare nei contesti geografici, ambientali e operativi più sfidanti, lo Spartan di Leonardo continua a crescere in capacità e prestazioni, grazie al suo design e all’intrinseca versatilità ed è in grado di svolgere con la massima efficacia e a costi competitivi missioni militari di trasporto, aviolancio di paracadutisti e materiali, supporto tattico alle forze di terra, operazioni dei corpi speciali, Maritime Patrol (MP), Command-Control-Communications (C3), Intelligence, Surveillance and Reconaissance (ISR) e per operazioni di assistenza umanitaria/aero-medica e supporto alle popolazioni colpite da disastri ambientali.

Fonte e foto @Leonardo Press Office

Articolo precedente

Il Canada ordina gli MQ-9B SkyGuardian

Prossimo articolo

Boeing ha consegnato alla US Navy il primo veicolo sottomarino autonomo Orca Extra Large

Ultime notizie