giovedì, Agosto 5, 2021

Leonardo DRS presenta l’IM-SHORAD

-

Leonardo DRS presenta il nuovo sistema di difesa aerea a corto raggio INITIAL M-SHORAD (Initial-Maneuver-Short Range Air Defense vehicle).

Il moderno campo di battaglia è diventato un complesso teatro di minacce, dai potenti missili anti-carro ed anti-aereo a piccoli ma letali velivoli senza pilota in grado di localizzare tranquillamente truppe o bersagli, ad una varietà di velivoli a bassa quota e pesantemente armati. Leonardo DRS offre una moderna soluzione di difesa aerea a corto raggio per l’esercito americano e ha sviluppato il nuovo sistema di difesa aerea.

Leonardo DRS svelerà durante la conferenza annuale dell’Associazione degli Stati Uniti (AUSA) il primo prototipo del veicolo di difesa aerea a corto raggio iniziale (IM-SHORAD). Si tratta di una variante del veicolo Stryker proposto per la difesa aerea e missilistica equipaggiata con il pacchetto missione IM-SHORAD.

Leonardo DRS Initial M-SHORAD

Requisiti

L’IM-SHORAD è progettato per fornire una protezione della difesa aerea a 360 gradi unità Stryker e Armor Brigade (ABCT) in tutte le operazioni militari. La difesa aerea e missilistica è una delle priorità di modernizzazione dell’US Army https://aresdifesa.it/2019/07/08/lus-army-riorganizza-la-contraerea-leggera/

Pertanto, i nuovi sistemi mobili di difesa aerea dovranno fornire una capacità per colmare la lacuna di difesa aerea nelle attuali unità di manovra. Infatti, i nuovi sistemi dovranno contrastare le minacce aeree incluse i sistemi ad ala rotante, ad ala fissa e senza pilota https://www.leonardodrs.com/news/in-the-news/us-army-s-interim-short-range-air-defense-solution-crystallizes/

IM-SHORAD, montato su uno Stryker, applica un approccio di architettura di comando di missione aperta che integra il radar Sentinel, Forward Area Air Defense – Command and Control, un lanciatore universale Stinger Vehicle, il lanciatore M299 e le radio Line of Sight su una piattaforma del veicolo. Il sistema può interagire con i sistemi di difesa aerospaziale e Blue Force Tracker.

Adattabilità e possibilità di montare un laser da 50kw.

Il documento sui requisiti firmato di recente per Maneuver SHORAD richiede un veicolo come una variante Stryker A-1 con un’arma automatica da 0,50 od un cannone da 30 mm, insieme a un gruppo di missili, e possibilmente un laser da 50kw.

Per quanto riguarda una variante Striker armata solo con sistema laser https://aresdifesa.it/2019/08/12/contratto-per-il-m-shorad/

Con il pacchetto di equipaggiamento di missione di Leonardo DRS, come parte della capacità IM-SHORAD, sarà offerta la capacità di manovrare a livello tattico con una capacità di rilevamento, identificazione, ingaggio ed abbattimento di UAS, elicotteri e minacce ad ala fissa. Il requisito dell’US Army è di 144 sistemi IM-SHORAD con consegne a partire dall’anno fiscale 2020 e completamento della commessa nel 2024.

Articolo precedenteAltri nove F-35 all’Olanda
Articolo successivoLa Lituania testa i NASAMS

Ultime notizie

Nel ambito del ammodernamento e potenziamento della linea F-16 Falcon in servizio con l'Aeronautica Greca, il Governo di...
Rheinmetall equipaggerà il veicolo blindato ruotato da ricognizione Fennek del Reale Esercito dei Paesi Bassi con un nuovo dispositivo...
Il Governo di Tbilisi ha presentato all'Amministrazione Biden la richiesta di acquisto di missili anticarro FGM-148 Javelin.Il Dipartimento di...
E' stato approvato il Documento Programmatico Pluriennale della Difesa per il triennio 2021-2023 nel quale sono illustrate le previsioni...

Da leggere

L’USMC ha adottato per il programma ROGUE Fires il software RTK sviluppato dal US Army

L'US Army DEVCOM Ground Vehicle Systems Center (GVSC), attraverso...

Primo F-35 della Marina Militare apponta sul Cavour [Foto/Video]

Oggi, 30 luglio, a bordo della portaerei Cavour in...