L’Esercito Italiano ordina altre 16 blindo 8×8 Centauro II

1
322

La Direzione Armamenti Terrestri del Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti ha sottoscritto l’Atto Aggiuntivo al contratto in essere con il Consorzio Iveco-OTO Melara (CIO) per l’allestimento di ulteriori 16 blindo 8×8 Centauro II o Nuova Blindo Centauro.

L’Atto Aggiuntivo copre anche il supporto logistico integrato decennale, le relative attrezzature di officina connesse e la garanzia estesa.

Allo stato attuale l’Esercito Italiano, a fronte di un requisito iniziale di 150 blindo, ha sottoscritto ordini per 122 esemplari (10 iniziali, secondo ordine di 86+10 in opzione e terzo ordine di 16).

La blindo Centauro II si caratterizza per l’adozione di un cannone 120/45 mm ad anima liscia stabilizzato per garantire alte prestazioni sulle lunghe distanze, un adeguato livello di protezione balistica, antimina ed anti IED, l’adozione di sistemi di puntamento di terza generazione e di sistemi di Comando e Controllo allo stato dell’arte.

Il nuovo motore IVECO VECTOR 8V – EURO III è in grado di erogare oltre 700 hp e la mobilità è assicurata dalla trasmissione ad H tipica dei blindati 8×8 della famiglia Centauro.

La Centauro II adotta sedili ad assorbimento di energia per gli equipaggi delle torrette HITFACT Mk II per attenuare gli effetti di eventuali esplosioni di mine sottoscafo e IED od ordigni esplosivi improvvisati, oltre ad assicurare un maggiore comfort al personale.

La torretta HITFACT Mk II in lega balistica ad alte prestazioni è armata con un cannone da 120/45 mm a basso sforzo di rinculo che può essere asservito ad un sistema di caricamento automatico delle munizioni.

L’armamento secondario è costituito da una mitragliatrice media calibro 7,62×51 mm coassiale al cannone, mentre sul cielo della torretta può essere installata una RWS Hitrole-L con altra mitragliatrice media o pesante calibro 12,7×99 mm, od alternativamente un lanciagranate automatico Mk 19 da 40 mm.

Al fine di aumentare le capacità di protezione e sopravvivenza della Centauro II la torretta HITFACT Mk II adotta un vano munizioni anti-esplosione separato dall’equipaggio.

Inoltre, è prevista l’istallazione di un sistema di allarme laser connesso ad un sistema di contromisure oltre ad un sistema di jamming che protegge il veicolo da combattimento dalle minacce IED.

La Centauro II ha un peso in condizioni di combattimento superiore le 30 tonnellate, ha un rapporto potenza/peso di 24 cv/t, raggiunge su strada una velocità massima di 105 km/h ed un’autonomia su strada superiore gli 800 km a 70 km/h di velocità.

La blindo Centauro II fa parte del programma di rinnovamento delle componenti medie e pesanti intrapreso dall’Esercito Italiano che ha l’esigenza di sostituire le blindo Centauro entrate in servizio a partire dalla seconda metà degli anni Ottanta dello scorso secolo e che non rispondono più ai requisiti di protezione antimina ed anti IED ormai indispensabili.

Foto IVECO Defence Vehicles

1 commento

  1. Ma le nuove blindo centauro ll. In numero di 150,non sono poche x una nazione come l’Italia. Con la buona blindo cuntauro 1; nei reparti italiani di cavalleria meccanizzata, ve ne erano in dotazione circa 400. E oggi in Europa è nel mondo i tempi sono molto diversi… 🇮🇹

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui