fbpx

Libano: il Nunzio Apostolico visita la Brigata Aosta

L’Arcivescovo Paolo Borgia, Nunzio Apostolico della Santa Sede in Libano, è giunto a Shama per una visita al Comando della Joint Task Force Lebanon Sector West, che opera nell’ambito della missione UNIFIL(United Nations Interim Force in Lebanon) nella Terra dei Cedri.

L’alto Prelato è stato accolto dal Comandante del Settore Ovest di UNIFIL, Generale di Divisione GiuseppeBertoncello, e dal cappellano militare Don MarcoMinin, con i quali si è intrattenuto in colloquio privato prima di proseguire la visita al Contingenteitaliano.

Durante l’omelia pronunciata alla Santa Messa, l’Arcivescovo, rivolgendosi ai militari intervenuti alla celebrazione, ha auspicato “che il Signore vi ricompensi per quello che fate in Libano e che vi aiuti affinché il tempo passato qui porti frutti buoni, lavorando per la pace nel mondo di oggi. Tutti siamo chiamati a servire ed io vi auguro un servizio nei confronti degli altri che possa portare veramente la pace in questa terra”.

La visita dell’Arcivescovo Borgia è la prima a un Contingente italiano in Libano da quando è stato nominato Nunzio Apostolico lo scorso 24 settembre da Sua Santità PapaFrancesco.

La missione italiana in Libano a guida Brigata “Aosta”, al suo terzo mandato nella Terra dei Cedri con i colori delle Nazioni Unite, ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL, in cui operano 3.800 Caschi Bludi 16 dei 48 paesi contributori alla missione ONU e di cui fanno parte oltre 1.000 Caschi Blu italiani.

Le attività svolte in Teatro Operativo sono condotte sotto il coordinamento e secondo le direttive impartite dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), guidato dal Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo.

Il COVI è l’organo di staff del Capo di Stato Maggiore della Difesa, deputato alla pianificazione, coordinazione e direzione delle operazioni militari, delle esercitazioni interforze nazionali e multinazionali e delle attività a loro connesse.

Articolo precedente

Il multiculturalismo e’ il valore aggiunto della Brigata Aosta in Libano

Prossimo articolo

La Svizzera blocca la cessione all’Ucraina dei sistemi Skyguard Aspide spagnoli

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie