fbpx

L’innovazione tecnologica delle “vie del mare”. L’intervento dell’armatore Salvatore Lauro

L’Armatore, il Senatore Salvatore Lauro, la catena di Aliscafi veloci e tecnologici, il “Volaviamare”. Benvenuto Senatore, ce ne parla?

L’Aliscafo veloce, il “Volaviamare” è costituito da una parte innovativa e da una parte veloce. Quello che è importante è trasferire le persone nella maniera più sicura, veloce e ambientalmente valida possibile. Le vie del mare, secondo una mia considerazione, intese come metropolitane del mare sono ambientalmente maggiormente funzionali e migliori delle vie terrestri.

Peccato che sul ambiente mare l’Italia non abbia mai puntato. Mi auguro e spero per il futuro che questo avvenga, soprattutto attraverso il nuovo Governo, che ci sia una predisposizione da parte dei cittadini ed anche dalle amministrazioni di investire sul mare. Nel ambiente mare, la Marina Militare, la Guardia Costiera, le Capitanerie di Porto, da sempre svolgono un lavoro straordinario sulle vie del mare, soprattutto in termini di sicurezza, un ruolo importante soprattutto nel Mediterraneo, in sinergia con i nostri servizi d’eccellenza forniti da noi Armatori d’Italia. Un altro argomento importante è il controllo delle Coste poiché diventa fondamentale, soprattutto l’immigrazione clandestina nel nostro Paese. Quindi è importante la presenza di una Marina Militare, Guardia Costiera e Capitanerie di Porto sempre più adeguate, funzionali, presenti, e per scopi specifici, ma soprattutto di fondamentale importanza è il lavoro dei privati, il trasporto marittimo di noi Armatori a favore dei cittadini, svolto in termini di sicurezza, velocità e nuova tecnologia.

Senatore Lauro, da Armatore ha una caratteristica e capacita’ importante che la distingue dagli altri Armatori d’Italia. Vede il futuro attraverso una visione e cultura dell’innovazione tecnologica che non e’ comune agli Armatori in generale, conoscenze, capacita’ mirate verso il futuro delle nuove tecnologie nelle vie del mare?

Penso che il digitale ad oggi sia importante, soprattutto per una burocrazia che è presente ancora nella gestione del ambiente mare. I marittimi sono fondamentali per il futuro di questo Paese, e devono avere una strategia, una formazione nuova ed innovativa, soprattutto parlando in termini tecnologici e di innovazione nelle vie del mare. Penso che su ogni mezzo di trasporto veloce nel mare debba essere presente almeno un libretto digitale. Un cambiamento culturale è di fondamentale importanza. Sull’innovazione bisogna essere fattivi, ed io ho avuto da sempre questa propensione, idee di visioni, l’innovazione, la tecnologia sul futuro nelle vie del mare, e spero che questo sia trasferito sempre da padre in figlio, all’azienda ed a tutto il personale di lavoro. Una visione condivisa verso il futuro e verso tali valori.

Senatore Lauro, ha ospitato un bellissimo corso di formazione sulla visione condivisa nella sua sede dell’hub sul mare nel Porto della città di Napoli, rivolto agli imprenditori ed alle aziende del settore marittimo, ce ne parla?

Viviamo in una società “liquida”. Quello che è maggiormente certo oggi e’ l’incertezza. Chi non si forma è destinato a fermarsi. La formazione al interno delle aziende è fondamentale per gli imprenditori, attraverso un miglioramento personale e professionale. Il corso si chiama “Visione di Elite” che permette e consente ad ognuno di formarsi una visione e condividere un pensiero, scriverlo su un foglio di carta per poi commentare in un dibattito comune. Una giornata di pensiero comune, di visione condivisa, lo sviluppo di un’analisi di personalità e professionalità. Raccontare quelle che sono le situazioni che hanno portato ad essere ciò che si è, un professionista di successo, un importante Armatore, un imprenditore, ecc., ad avere una visione diversa per ognuno, ma condivisa, cercando di individuare gli errori commessi in passato, stimolando un pensiero positivo ed allo stesso tempo creativo. Alla fine del corso tutti i partecipanti corsisti hanno ricevuto un attestato per la partecipazione e sono stati anche omaggiati del libro “La Visione” di Ana M. Alvarez Romero e Alessandro Bertoldi, secondo Nino Puglisi, di Elite Academy.

Senza un cambiamento non c’è miglioramento“.

Articolo precedente

Fincantieri è parte del team che realizzerà la nuova diga foranea del porto di Genova

Prossimo articolo

I Sudcoreani si uniscono all’International Naval Safety Association

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie