mercoledì, Luglio 28, 2021

L’M-346 di Leonardo si avvicina all’Austria

-

La politica austriaca sta dibattendo da tempo il possibile successore dell’Eurofighter, ormai travolto da scandali di corruzione e non più sostenibile per le casse del governo.

Il 7 gennaio 2020 si è insediato a Vienna il nuovo esecutivo guidato da Sebastian Kurz e formato dall’accordo raggiunto tra il Partito Popolare austriaco e i Verdi.

E’ proprio il “verde” David Stögmüller, portavoce per la sicurezza, che indica nell’M-346 la scelta migliore nell’ottica del cost-effective.

La sorveglianza (dello spazio aereo, ndr) non deve essere sempre fatta con un dispositivo supersonico multi milionario. [[…]] L’Eurofighter non è la soluzione

David Stögmüller a Radio “Ö1”

La sostituzione degli Eurofighter si intreccia anche nella necessità di provvedere al passaggio di consegne tra gli addestratori Sabb 105Ö, in servizio dal 1970, ed un nuovo velivolo.

La congiuntura di questi due fattori sembra strizzare l’occhio al prodotto di Leonardo che può assolvere a entrambi i compiti richiesti dall’Austria.

Nei mesi passati tra le proposte era spuntato anche il Gripen, il quale però richiederebbe di acquistare separatamente gli addestratori e si tratta comunque di un aereo dai costi di mantenimento inferiori all’EFA ma non bassissimi.

Nello specifico Stögmüller ha parlato della possibilità per l’Austria di noleggiare gli M-346.

Rispetto all’Eurofighter l’M-346 è nato per tutt’altri scopi ma Vienne sembra essere più interessata al rapporto costo/efficacia ed alla doppia sostituzione caccia/addestratore. L’Eurofighter ha un costo per ora di volo di circa 80.000 euro rispetto ai 3.000-5.000 euro dell’M-346. L’esperto di aviazione Georg Mader ha affermato che l’M-346 sarebbe utile nel 90% dei casi ma non potrebbe riuscire a intercettare jet che volano ad una quota molto elevata e per questo la Luftstreitkräfte vorrebbe continuare ad impiegare l’Eurofighter.

Conclusione

Non è semplice prevedere nelle pieghe della politica austriaca se l’M-346 sostituirà l’Eurofighter (se effettivamente verrà rottamato) ma di sicuro è la scelta numero uno per la sostituzione dei Saab 105.

Ultime notizie

In Estonia si è tenuta una dimostrazione dal vivo da parte di Rafael Advanced Defense Systems in collaborazione con...
L'azienda sudcoreana LiG Nex1 sta sviluppando un Close In Weapon System (CIWS) dotato di un radar AESA derivato direttamente...
Mentre l'India si appresta a iniziare le prove della nuova portaerei INS Vikrant, conosciuta anche come Indigenous Aircraft Carrier...
BAE Systems ha ottenuto un contratto dalla Finlandia per aggiornare la flotta di veicoli da combattimento della fanteria (IFV)...

Da leggere

Saab consegna a Boeing la seconda sezione posteriore prodotta del T-7A Red Hawk

Saab ha consegnato a Boeing, capofila del programma T-7A...

HENSOLDT vince il contratto per la sorveglianza dello spazio aereo tedesco

Hensoldt, fornitore di soluzioni di sensori, fornirà nuovi radar...