L’MQ-25 sale a bordo per la prima volta

0
402
A Boeing unmanned MQ-25 aircraft rests aboard the flight deck aboard the aircraft carrier USS George H.W. Bush (CVN 77). The MQ-25 will be the worlds first operational, carrier-based unmanned aircraft and is integral to the future carrier air wing (CVW). It will provide an aerial refueling capability that extends the range, operational capability and lethality of the CVW and carrier strike group (CSG). GHWB is operating in the Atlantic Ocean in support of naval operations to maintain maritime stability and security in order to ensure access, deter aggression and defend U.S., allied and partner interests. (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 3rd Class Brandon Roberson)

L’ US Navy e Boeing [NYSE: BA] hanno “movimentato” con successo per la prima volta l’aereo prova T1 di proprietà di Boeing su una portaerei della US Navy, un primo passo avanti per garantire l’integrazione dell’MQ -25.

Durante una dimostrazione in corso a bordo della USS George HW Bush (CVN 77), gli addetti al ponte di volo – noti come “camicie gialle” – hanno usato segnali manuali standard per dirigere il T1 proprio come qualsiasi altro aereo imbarcato su portaerei. Invece di un pilota a ricevere i comandi, tuttavia, era un Boeing MQ-25 Deck Handling Operator (DHO) proprio accanto alla “camicia gialla” che comandava l’aereo utilizzando un nuovo dispositivo di controllo del ponte portatile.

“Questo è un altro significativo passo avanti nella dimostrazione dell’integrazione di MQ-25 nel Carrier Air Wing sul ponte di volo delle portaerei della nostra flotta”, ha affermato il capitano Chad Reed, direttore del programma Unmanned Carrier Aviation. “Il successo di questo evento è una testimonianza del duro lavoro dei nostri ingegneri, tester, operatori e della stretta collaborazione e collaborazione tra Naval Air Force Atlantic e l’equipaggio a bordo del CVN 77.” 

A Boeing unmanned MQ-25 aircraft sits on the flight deck aboard the aircraft carrier USS George H.W. Bush (CVN 77). The MQ-25 will be the worlds first operational, carrier-based unmanned aircraft and is integral to the future carrier air wing (CVW). It will provide an aerial refueling capability that extends the range, operational capability and lethality of the CVW and carrier strike group (CSG). GHWB is operating in the Atlantic Ocean in support of naval operations to maintain maritime stability and security in order to ensure access, deter aggression and defend U.S., allied and partner interests. (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 3rd Class Hillary Becke)

La dimostrazione aveva lo scopo di garantire che il design dell’MQ-25 si integrasse con successo nell’ambiente della portaerei e di valutare la funzionalità, la capacità e le qualità del sistema di movimentazione del ponte sia in condizioni diurne che notturne. Le manovre includevano il rullaggio sul ponte, il collegamento alla catapulta, lo sgombero dell’area di atterraggio e il parcheggio sul ponte.  

“La Marina ha un processo rigoroso e consolidato per spostare gli aerei sulla portaerei. Il nostro obiettivo era garantire che l’MQ-25 si adattasse al processo senza modificarlo”, ha affermato Jim Young, ingegnere capo dell’MQ-25. “Dalla progettazione dell’aereo alla progettazione del sistema che lo sposta, il nostro team ha lavorato duramente per rendere il vettore MQ-25 adatto in ogni modo”.

Il controller portatile è un dispositivo semplice e facile da usare progettato specificamente per una generazione di operatori che comprendono in modo nativo tale tecnologia portatile e hanno esperienza con i controller utilizzati oggi nel settore dei videogiochi.

La dimostrazione di movimentazione del ponte ha seguito una campagna di test di volo di due anni per il T1 di proprietà di Boeing, durante la quale il team Boeing e Marina ha rifornito tre diversi velivoli imbarcati: un F/A-18 Super Hornet, un E-2D Hawkeye e un F-35C Lightning II.

“La Marina ci ha fornito due parametri chiave delle prestazioni per il programma: il rifornimento aereo e l’integrazione sul ponte della portaerei”, ha affermato Dave Bujold, direttore del programma Boeing MQ-25. “Abbiamo dimostrato che l’MQ-25 può soddisfare entrambi i requisiti e lo abbiamo fatto anni prima rispetto ai tradizionali programmi di acquisizione”.

Immagine di copertina: (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 3rd Class Brandon Roberson)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui