fbpx

L’MQ-25 Stingray ha rifornito in volo un E-2D Hawkeye AEW&C della US Navy

La US Navy e Boeing hanno completato una seconda missione di rifornimento senza equipaggio di un aereo basato su portaerei con l’unità di prova MQ-25 T1 di proprietà di Boeing ,questa volta rifornendo un Northrop Grumman E-2D Hawkeye AEW&C.

Durante un volo di prova svolto sul aeroporto MidAmerica di St. Louis il 18 agosto scorso, i piloti del Navy’s Air Test and Evaluation Squadron VX-20 hanno condotto con successo un volo in scia dietro l’MQ-25 T1 per garantire prestazioni e stabilità prima di entrare in contatto con il drogue del rifornimento aereo del T1. L’E-2D, una volta agganciato il drogue, ha ricevuto carburante dal T1 durante il volo.

Una volta operativo, l’MQ-25 rifornirà ogni piattaforma dotata di ricevitore, incluso l’E-2; la sua capacità di rifornimento aumenterà notevolmente la portata e la flessibilità operativa dei velivoli imbarcati sulle portaerei della Flotta statunitense.

L’MQ-25 Stingray sarà assegnato allo squadrone di allerta precoce aviotrasportato del vettore all’interno dello stormo imbarcato, che attualmente gestisce l’aereo E-2 C/D per le missioni di comando e controllo ed allerta precoce.

Questa è stata la seconda missione di rifornimento aereo che il team MQ-25 ha condotto questa estate. In precedenza, l’unità di prova MQ-25 è diventata il primo aereo senza pilota a rifornire un altro aereo, un Boeing F/A-18 Super Hornet della US Navy. Entrambi i voli sono stati condotti a velocità e altitudini rilevanti dal punto di vista operativo, con l’E-2D e l’F/A-18 che hanno eseguito manovre in prossimità del T1 da rifornimento.

Boeing sta attualmente producendo i primi due dei sette velivoli di prova MQ-25 e due unità per i test a terra attualmente sotto contratto. L’unità di prova MQ-25 T1 di proprietà di Boeing è un predecessore di questi velivoli. L’MQ-25 sta sfruttando i progressi nell’ingegneria e nella progettazione digitale basati su modelli e i voli in corso hanno lo scopo di testare la progettazione e le prestazioni degli aeromobili molto prima dei programmi tradizionali.

Fonte e foto Boeing

Articolo precedente

The Destroyer “Luigi Durand de la Penne” of Italian Navy enters the Black Sea

Prossimo articolo

Prosegue il programma Skyborg dell’USAF

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie