fbpx
U.S. Coast Guard Cutter Polar Star sits hove-to on a cloudy day in Antarctica, Jan. 17, 2022. Polar Star is in its 25th year participating in Operation Deep Freeze, one of many operations in the Indo-Pacific region in which the U.S. military promotes security and stability across the region. (U.S. Coast Guard photo by Petty Officer 3rd Class Diolanda Caballero)

L’unico rompighiaccio pesante degli Stati Uniti arriva in Antartide

I 157 membri dell’equipaggio della US Coast Guard Cutter Polar Star (WAGB 10) sono arrivati ​​alla stazione McMurdo in Antartide lunedì dopo un viaggio di 86 giorni dagli Stati Uniti. 

Il dispiegamento segna il 25° viaggio della Polar Star in Antartide a sostegno dell’Operazione Deep Freeze, una missione annuale di servizio militare congiunto per rifornire le stazioni antartiche degli Stati Uniti a sostegno della National Science Foundation, agenzia principale del Programma antartico degli Stati Uniti.

Ogni anno, l’equipaggio pilota il rompighiaccio da 13.000 tonnellate per rompere un canale navigabile attraverso chilometri di ghiaccio, a volte fino a 6,4 metri di spessore, per consentire alle navi di rifornimento e rifornimento di raggiungere la stazione McMurdo.

Polar Star ha raggiunto il Mare di Ross, in Antartide, il 3 gennaio 2022, e ha iniziato a rompere i 60 km di ghiaccio che si estendevano dal molo di ghiaccio a Winter Quarters Bay presso la stazione di McMurdo fino al mare aperto. Polar Star ha trascorso quattro settimane a rompere il ghiaccio. Gli sforzi dell’equipaggio sono stati aiutati da venti e correnti favorevoli e alla fine del mese avevano creato un canale aperto e privo di ghiaccio per le navi di rifornimento.

Il canale sgomberato verso la stazione di McMurdo consentirà a due navi di rifornimento, Maersk Peary e Ocean Giant, di scaricare in sicurezza oltre 8 milioni di galloni di carburante e 1.000 container. Insieme, queste due navi trasportano abbastanza carburante, cibo e forniture essenziali per sostenere le operazioni USAP durante tutto l’anno fino alla prossima opportunità di trasporto marittimo nell’estate australe del 2023.

Il cutter ha fatto tappe internazionali a Wellington e Lyttelton, in Nuova Zelanda, sulla strada per l’Antartide. Mentre si trovava in Nuova Zelanda, l’equipaggio si è impegnato con la Royal New Zealand Navy, l’ambasciata degli Stati Uniti e si è offerto volontario a Christchurch presso la locale Society for the Prevention of Cruelty to Animals.

Polar Star collaborerà anche con la nave più grande della Royal New Zealand Navy, la nave neozelandese Aotearoa, a sostegno del rifornimento di Scott Base, la struttura di ricerca antartica della Nuova Zelanda per tutto l’anno.

“È un enorme onore guidare gli uomini e le donne di Polar Star in questa importante missione”, ha affermato il capitano William Woityra, comandante di Polar Star. “Questo team ha portato rinnovata energia e passione a questa nave di 46 anni e ha superato sfide significative per fornire risultati eccezionali”.

Assegnato all’operazione Deep Freeze ogni anno, il rompighiaccio 46enne trascorre gennaio e febbraio a rompere il ghiaccio in Antartide. Polar Star tornerà negli Stati Uniti dopo aver completato la missione.

“Siamo entusiasti di accogliere quest’anno il ritorno della Polar Star alla stazione McMurdo”, ha affermato Stephanie Short, capo sezione dell’Antarctic Infrastructure & Logistics di NSF. “Il proseguimento delle operazioni vitali del programma antartico degli Stati Uniti semplicemente non sarebbe possibile senza il supporto [del cutter] e il duro lavoro del capitano e dell’equipaggio”.

Quest’anno segna anche il ritorno della Stella Polare in Antartide dopo l’inizio della pandemia di COVID-19. Nella stagione 2020-2021, Polar Star ha condotto un dispiegamento nell’Artico invernale, durante il quale il cutter si è recato al Circolo Polare Artico per proiettare una presenza costruttiva alle alte latitudini settentrionali in condizioni invernali e addestrare la prossima generazione di marinai polari. I loro sforzi hanno portato a stabilire un record per l’estremo nord che qualsiasi nave di superficie americana sia stata nei mesi invernali

La Guardia Costiera è l’unico operatore della capacità rompighiaccio polare degli Stati Uniti dal 1965. Commissionato nel 1976, il Polar Star è l’unico rompighiaccio pesante degli Stati Uniti. La Guardia Costiera sta aumentando la sua flotta rompighiaccio con la costruzione di tre nuovi cutter per garantire una presenza nazionale persistente e un accesso affidabile alle regioni polari.

Articolo precedente

HII completa le prove in mare iniziali del sottomarino classe Virginia USS Montana (SSN 794)

Prossimo articolo

L’USAF ricerca il sostituto del AWACS

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie