fbpx

L’US Navy e le Forze Armate Danesi si esercitano in Danimarca all’impiego del lanciatore modulare SM-6

Il comando delle Forze Navali degli Stati Uniti in Europa ha dato notizia di un’importante esercitazione in corso di svolgimento in Danimarca che vede l’impiego della versione containerizzata terrestre del lanciatore modulare per missili SM-6. Il lanciatore modulare è frutto della cooperazione con l’US Army è può essere impiegato per i missili supersonici SM-6 antiaerei, antimissile, antinave e contro obiettivi terrestri e missili da crociera Tomahawk per attacchi di precisone contro obiettivi terrestri e navali a lungo raggio.

A dimostrazione del costante impegno per la sicurezza transatlantica e l’interoperabilità della difesa, le Forze navali statunitensi in Europa, in collaborazione con le Forze di difesa danesi, a partire dal 18 settembre conducono esercitazioni avanzate di protezione dei convogli utilizzando il lanciamissili modulare SM-6 all’avanguardia a Bornholm in Danimarca.

Il sistema missilistico SM-6 rappresenta una testimonianza della tecnologia di difesa avanzata. Possiede la capacità di intercettare le minacce aeree, inclusa l’intercettazione critica dei missili balistici durante la fase terminale del volo. Il design a doppia capacità del missile garantisce un ingaggio di precisione sia di bersagli terrestri stazionari che di avversari marittimi dinamici. 

La configurazione containerizzata del lanciatore SM-6 aumenta la flessibilità operativa della Marina degli Stati Uniti, facilitando un rapido dispiegamento e utilizzo in diversi teatri operativi, sottolineando così l’impegno degli Stati Uniti a garantire gli interessi di sicurezza propri e dei loro alleati.

Conducendo queste operazioni dal suolo danese, gli Stati Uniti riaffermano l’importanza strategica della Danimarca come alleato chiave nel garantire la stabilità regionale. Questa esercitazione consolida ulteriormente il duraturo partenariato di difesa tra Stati Uniti e Danimarca, sottolineando la dedizione congiunta dei due Paesi agli obiettivi di sicurezza reciproca ed agli sforzi di difesa cooperativa.

Fonte e foto @U.S. Naval Forces Europe and Africa/U.S. Sixth Fleet

Articolo precedente

L’Austria punta al KC-390 di Embraer per la sostituzione dei C-130

Prossimo articolo

Lievitano i costi della futura flotta di RPAS Protector RG Mk1 della RAF

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie