fbpx

Millesimo esemplare prodotto del UAS FlyEye

WB GROUP ha comunicato di aver prodotto il millesimo UAV da ricognizione FlyEye presso i propri stabilimenti.  Il FlyEye è il sistema più avanzato al mondo nella sua categoria, interamente progettato e prodotto in Polonia, testato in combattimento nelle condizioni più difficili come i conflitti ad alta intensità. 

A metà marzo, il millesimo UAV FlyEye 3.x ha lasciato la linea di produzione; l’enorme numero di sistemi consegnati in breve tempo conferma la rapida espansione del potenziale produttivo di WB GROUP ed inoltre crea fiducia nelle capacità del produttore di completare in tempo anche ordini molto grandi di sistemi senza pilota.

FlyEye è stato sviluppato dagli ingegneri dell’azienda Flytronic con sede a Gliwice , parte del WB GROUP; può operare nelle condizioni più difficili, giorno e notte, anche interrompendo completamente le comunicazioni od i sistemi di navigazione satellitare.

WB GROUP sottolinea le doti di robustezza del suo prodotto; infatti, il FlyEye ha fatto registraew il più alto tasso di sopravvivenza e missioni completate con successo tra tutti i veicoli aerei senza pilota (UAS) di categoria utilizzati nelle operazioni dal 2015.

FlyEye è un sistema i cui pieni diritti appartengono a WB GROUP e, pertanto, può essere prodotto ed esportato in qualsiasi quantità, nonché migliorato e modificato senza restrizioni. Attualmente, i sistemi senza pilota FlyEye sono in servizio presso l’Esercito Polacco e la Guardia di Frontiera (il Ministero della Difesa Nazionale Polacca ha siglato un accordo quadro con WB GROUP per la fornitura di circa 1.700 FlyEye entro il 2035), nonché è impiegato dalle Forze Armate e dai servizi di altri Paesi.

Il sistema FlyEye è un aliante a motore alimentato elettricamente, piccolo e difficile da notare con un’elevata resistenza al volo che può essere impiegato in missioni per osservare il campo di battaglia, dirigere il tiro dell’artiglieria, ritrasmettere, pattugliare i confini o monitorare le infrastrutture critiche.

Trattandosi di un aliante, il veicolo senza pilota è alimentato da un silenzioso motore elettrico, ma per la maggior parte del tempo veleggia; questa caratteristica permette al FlyEye di ridurre la propria firma acustica quasi a zero. Inoltre, l’UAS ha adottato delle eliche di tipo pieghevole che contribuiscono ulteriormente a garantirgli un basso livello di riflessione radar.

Il lancio del FlyEye è eseguito a mano, con un’inclinazione quasi verticale e non necessita di ulteriori dispositivi di supporto al decollo o all’atterraggio. È caratterizzato da un carico logistico molto contenuto; infatti, l’intero sistema può essere trasportato in soli due zaini. 

Il FlyEye è in grado di atterrare in qualsiasi zona adatta, anche in un’area di dimensioni limitate; prima di atterrare, è prevista l’espulsione automatica di un contenitore contenente le batterie ed il carico utile di sorveglianza, che scende ed atterra con un paracadute, consentendo di preservare al meglio il carico pagante di missione.

Trattasi di un mini UAS modulare caratterizzato dalla facilità di montaggio e smontaggio. La preparazione al lancio può essere raggiunta in meno di 10 minuti. Il FlyEye ha un’apertura alare di 3,6 metri, lunghezza di 1,8 metri, velocità massima tra i 60 ed i 120 km/h (a seconda del profilo di missione adottato), raggiunge una quota massima di 3000 metri, ha un’autonomia di volo di 2,5+ ore, mentre la portata massima del radio controllo da parte della stazione di controllo del volo a terra (GCS) è di 180 km.

FlyEye è dotato di un modulo operativo che può essere adattato a seconda delle esigenze di missione. Normalmente, è installata una “palla” optoelettronica con una termocamera diurna e notturna che consente il rilevamento e l’identificazione del bersaglio e la trasmissione di dati precisi sulla sua posizione alla stazione dell’operatore o, nel caso del Esercito Polacco, al sistema di gestione del campo di battaglia TOPAZ .

Inoltre, il sistema può essere dotato di un transponder o del modulo di intelligenza artificiale EYEQ Air , che consente l’analisi delle immagini a bordo il che permette al UAS di poter eseguire missioni in un ambiente influenzato da mezzi di guerra elettronica. 

Infine, sottolinea WB GROUP che il FlyEye può trovare impiego come relè aereo di comunicazione con la radio PERAD, realizzando quindi il sistema di comunicazione SILENT NETWORK.

Fonte e foto WB Group

Articolo precedente

Sistemi Carl Gustaf di Saab per la NATO

Prossimo articolo

Airbus acquisisce INFODAS e rafforza il portafoglio di sicurezza informatica

Latest from Blog

Ultime notizie