fbpx

Missili CAMM per le Multi-Mission Surface Combatants saudite

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha assegnato a MBDA Inc., con sede ad Arlington in Virginia, un contratto del valore di 118 milioni di dollari, per la produzione del Common Anti-Air Module Missile (CAMM) per le navi Multi-Mission Surface Combatants (MMSC) destinate alla Reale Marina Saudita. 

Questo contratto include opzioni che, se fossero interamente esercitate, porterebbero il suo valore cumulativo a non oltre 145,5 milioni di dollari.

Questo contratto prevede vendite militari estere (FMS) al Regno dell’Arabia Saudita. 

I lavori della commessa saranno eseguiti per il 70% nel Regno Unito e per il restante 30% negli Stati Uniti d’America.

La detta commessa dovrebbe essere completata entro il mese di gennaio del 2027. I fondi per le vendite militari estere (FMS) per il Regno dell’Arabia Saudita per un importo di 65,7 milioni di dollari saranno obbligatori al momento dell’aggiudicazione e non scadranno alla fine del anno fiscale in corso.

Il Naval Sea Systems Command di Washington, District of Coumbia, è la stazione appaltante di riferimento.

Il programma Multi-Mission Surface Combatants prevede la costruzione di quattro unità per la Reale Marina Saudita da parte di Fincantieri Marinette Marine e Lockheed Martin.

La MMSC è una variante delle LCS classe Freedom della US Navy ampiamente rivista e corretta, con capacità di combattimento ampliate, un maggiore autonomia di 5.000 miglia nautiche e spunti di velocità superiori a 30 nodi.

Il sistema CAMM si andrà ad aggiungere al sistema di lancio verticale Lockheed Martin Mk 41 ad otto celle (con la possibilità per ulteriori tre celle), un CIWS SeaRam, un cannone di medio calibro BAE Systems Mk 110 da 57 mm, due stazioni di controllo remoto Nexter Narwhal da 20 mm per la difesa ravvicinata, due lanciatori quadrupli per missili anti-nave Boeing RGM-84 Harpoon Block II ed un elicottero MH-60R per la lotta antisommergibile, contrasto di superficie e supporto.

Il CAMM è un missile superficie aria che ha un peso di 99 kg, un diametro di 166 mm e lunghezza di 3,2 metri.

Questo missile è compatibile con l’impiego dal sistema Mk 41 (in configurazione quadripack per ogni cella) o con il sistema ExLS a 3 celle sempre di Lockheed Martin, viaggia a velocità supersonica raggiungendo oltre 25 km di portata.

Il CAMM dispone di un sensore di ricerca RF attivo che fornisce prestazioni reali in qualsiasi condizione atmosferica con eccellenti capacità di resistenza al clutter.

Fonte US DoD

Immagine Lockheed Martin

Articolo precedente

Al via lo sviluppo dei dimostratori del Liberty Lifter della DARPA

Prossimo articolo

Saab supporta la difesa antiaerea svedese

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie