fbpx

Missili Stinger per la Bundeswehr

La Commissione Bilancio del Bundestag (il Parlamento Federale tedesco) ha approvato il programma di acquisto di nuovi missili antiaerei per difesa ravvicinata (VSHORAD) Stinger.

I nuovi missili del tipo FIM-92K Block I o Fliegerfaust 2 Stinger saranno impiegati da tutte e tre le Forze Armate e sostituiranno gli esemplari trasferiti alla Ucraina a titolo di aiuto militare.

In particolare, il Parlamento ha dato l’autorizzazione all’acquisto di 507 missili Stinger a ricerca di calore dotati di spoletta di prossimità stanziando circa 395 milioni di euro.

Questi missili prodotti dalla statunitense Raytheon saranno acquistati nel ambito di una procedura di vendita militare straniera (FMS) del valore di 780 milioni di dollari tra il Governo degli Stati Uniti NATO Support and Procurement Agency (NSPA) per 940 FIM-92K Stinger Block I che agisce a nome e per conto di Germania, Italia e Paesi Bassi.

La consegna dei missili di nuova produzione alle Forze Armate tedesche è prevista per il biennio 2028-2029.

Il missile del tipo MANDAP, trasportato ed impiegato da spalla da un singolo operatore, può essere utilizzato per combattere bersagli aerei sia a bassa quota che a media quota fino ad una distanza massima di sei chilometri.

Oltre la versione MANDAP, nell’ambito della Bundeswehr lo Stinger è impiegato dal sistema di difesa aerea mobile leggera Ocelot su scafo Wiesel e dal elicottero da combattimento Tigre.

Il missile Stinger sarà impiegato inizialmente anche a bordo dei sistemi di difesa aerea Skyranger 30 su scafo Boxer 8×8 che saranno consegnati prossimamente al Heer per migliorare e potenziare le capacità di difesa aerea mobile nei confronti di velivoli da combattimento ed elicotteri che operano a bassa quota nonché UAS/UAV e loitering munitions per difendere le colonne mobili del Esercito di Berlino.

Fonte Ministero della Difesa Tedesco

Foto @US Department of Defense

Articolo precedente

La commessa del quarto U212 NFS per Fincantieri

Prossimo articolo

Boeing completa l’aggiornamento dei primi F/A-18 Super Hornet prima del previsto

Ultime notizie