fbpx
HMS Astute TLAM Firings Nov 2011.This image was taken during a TLAM firing by HMS Astute in the Gulf of Mexico,USA.NEW ROYAL NAVY SUBMARINE FIRES FIRST TOMAHAWK MISSILES ACROSS NORTH AMERICAN SKIESThe Royal Navy’s newest submarine has blasted Tomahawk missiles far across the North American skies, as part of its first test firing mission.Pictures show the Tomahawk weapons, which rocketed from HMS Astute at up to 550 miles per hour (885kph) across the Gulf of Mexico.The 5.5-metre-long cruise missile weighs 1,300kg and has a range of more than 1,000 miles.

Missili Tomahawk e JASSM-ER nonché lanciarazzi multipli e multicalibro Puls per i Paesi Bassi

Il Ministro della Difesa dei Paesi Bassi, ​​Segretario di Stato Christophe van der Maat, ha informato la Camera dei rappresentati che sono stati avviati importanti programmi di potenziamento.

Infatti, tutte e tre le Forze Armate saranno interessate al fine di dotarle di capacità di colpire a lunga distanza con precisione i bersagli ritenuti paganti.

Alla Reale Marina saranno consegnati missili da crociera per attacchi di precisione a lungo raggio Tomahawk. Tali missili, nella versione Block Va, hanno una portata superiore i 1.000 km, possono essere impiegati dalle fregate di difesa aerea (LCF) e da sottomarini, e dopo il lancio possono essere reindirizzati verso altri bersagli. I Tomahawk della versione Block Vb sono impiegati dalla US Navy come missili antinave a lunga portata perché sono dotati di un seeker in grado di individuare unità di superficie in navigazione e di attaccarle con precisione. In Europa il missile è stato fin qui adottato dalla Royal Navy.

La Reale Aeronautica riceverà i missili JASSM-ER a portata estesa per l’impiego da parte dei caccia bombardieri di quinta generazione Lockheed Martin F-35A attualmente in via di distribuzione ai reparti da combattimento. Il missile JASSM-ER (Joint Air-to-Surface Standoff Missile-Extended Range ) è un missile da crociera di attacco al suolo convenzionale, furtivo, lanciato dall’aria che nella versione AGM-158B ha una portata di circa 1.000 chilometri. Il JASSM trasporta una testata di tipo WDU-42/B a penetrazione e frammentazione da più di 400 kg. Il missile adotta il sistema di guida inerziale e satellitare INS/GPS sviluppato e messo a punto per le JDAM ed è dotato di  seeker IR per la guida terminale. Tale missile è in fase di acquisizione da parte della Finlandia, Germania e Polonia in Europa.

Infine, il Reale Esercito adotterà il lanciarazzi multiplo e multicalibro Puls, fabbricato dalla israeliana Elbit Systems e recentemente adottato in Europa dalla Danimarca; secondo la Difesa Olandese questo lanciarazzi interesserebbe anche la Germania. Il PULS (Precise and Universal Launch System) permetterà all’artiglieria olandese di allungare il raggio d’azione oggi confinato ai circa 50 km di portata raggiungibili dai semoventi PzH-2000 con munizionamento a propulsione a razzo assistita. Il Puls, come detto, può impiegare razzi di diverso calibro e con sistema di guida di precisione nonché dei veri e propri missili balistici a corto raggio. Il lanciatore multiuso trasporta due POD; ogni POD è progettato per uno specifico tipo di razzo: l’Accular 122mm (18 razzi) con una gittata fino a 35 km, l’Accular 160mm (10 razzi) con una gittata fino a 40 km, l’EXTRA (4 missili) con una gittata di fino a 150 km con testata unitaria da 120 kg ed il Predator Hawk (2 missili) con una portata fino a 300 km e dotati di una testata unitaria avanzata da 140 kg. Il sistema può neutralizzare in modo accurato ed efficace i bersagli a tutte le distanze indicate. Lo stesso Ministero della Difesa dei Paesi Bassi ha indicato nel costo del sistema, dei razzi e dei missili la chiave dell’avvenuta selezione preferendolo al MLRS statunitense; a parità di budget, infatti, secondo il dicastero della Difesa sarà possibile acquistare più sistemi completi di munizioni.

Fonte Ministero della Difesa dei Paesi Bassi

Foto @Royal Navy, @USAF, @Elbit Systems

Articolo precedente

I radar tattici mobili delle Forze Aeree Svizzere

Prossimo articolo

Nuovo problema per gli indiani nelle Isole Coco?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie